Burger King dice stop ai polli allevati in gabbia e alle pratiche di confinamento dei suini da riproduzione

Burger King ha annunciato qualche settimana fa, pressata dalle associazioni animaliste, che si occuperà di eliminare le pratiche di confinamento dei suini da riproduzione in gabbie di gestazione e  polli nati da uova di galline ovaiole allevate in gabbia, nella sua catena di approvvigionamento, una mossa sostenuta da “The Humane Society” negli Stati Uniti.

Secondo la sua nuova politica, Burger King passerà al 100% a polli nati da uova di galline non allevate in gabbia per tutte le località degli Stati Uniti entro cinque anni, e solo all’acquisto di carne di maiale da fornitori che hanno documentato l’intenzione di porre fine all’ utilizzo di gabbie di gestazione per i suini da riproduzione.

“Per più di un decennio, Burger King ha dimostrato un impegno per il benessere degli animali e, attraverso i nostri programmi di responsabilità sociale, continuiamo a sfruttare il nostro potere d’acquisto per garantire il trattamento appropriato e corretto degli animali dai nostri fornitori, “ha dichiarato Jonathan Fitzpatrick, capo e del marchio ufficiale addetto alle operazioni di Burger King.

“Burger King ha dimostrato quando si parla elle più grandi catene di fast food Americane, di definire ancora gli standard più elevati, ha detto Wayne Pacelle, presidente e CEO di The HSUS. “Questi cambiamenti di Burger King migliorano moltissimo  la vita degli animali da allevamento e incoraggiano altre aziende a rispettare i principi del benessere degli animali”.

Piccoli passi, come quelli di Mareblu, che si è impegnata a eliminare i sistemi dannosi di pesca entro il 2016 e che altre case potrebbero seguire se noi tutti cominciassimo a privilegiare solo chi pratica sistemi di cattura non dannosi e sistemi di allevamento più “umani”. Credo che la maggior parte di voi sarebbe ben felice di pagare un prodotto qualcosa in più se si ha la certezza dell’utilizzo da parte dell’azienda di sistemi meno dannosi e più rispettosi nei confronti degli animali.

Scrivi un commento