“Connessione di Utenti attivi e passivi alle reti MT ed AT”. Corso CEI , Milano 12–14 febbraio

TraliccioIl problema della connessione alle reti di distribuzione è da sempre sentito nella progettazione degli impianti elettrici in Media e Alta tensione: fino al 2007, ciascun Distributore stabiliva le modalità tecniche di connessione alla rete di propria competenza. Le prescrizioni più diffuse sul territorio nazionale erano quelle emanate da ENEL Distribuzione, come la DK 5600 o la DK 5740.

In questo panorama, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas è intervenuta dando mandato al CEI di preparare una Regola Tecnica di Riferimento (Norma CEI 0-16), alla quale tutti i distributori devono attenersi nel pubblicare la propria Regola Tecnica di Connessione (RTC).

La Norma CEI 0-16 attualmente in vigore, “REGOLA TECNICA DI RIFERIMENTO PER LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI AT ED MT DELLE IMPRESE DISTRIBUTRICI DI ENERGIA ELETTRICA”, è parte integrante della delibera dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, ARG/elt 33/08 e ARG/elt 119/08 ed ha richiesto una profonda revisione specialmente nella parte riguardante gli utenti attivi (impianti di produzione) a causa dei nuovi requisiti di sicurezza del sistema (allegato A70 del codice di rete di Terna) e delle nuove prestazioni richieste dal V conto energia ai generatori relativamente ai servizi di rete, nonché degli sviluppi normativi inerenti i medesimi temi a livello internazionale ed europeo.

Sulla base della nuova Norma 0-16, III ed, un gruppo di esperti, tutti appartenenti al CT 316 del CEI, ha quindi progettato questo corso di formazione, indispensabile ai progettisti e a tutti i soggetti interessati per aggiornare le proprie conoscenze sulla connessione degli impianti di Utente in Media e Alta tensione, sia passivi sia attivi.

Scopo del corso è quindi di fornire gli elementi di completamento alla preparazio-ne dei soggetti a qualsiasi titolo interessati alla connessione di impianti alle reti di distribuzione, con particolare riguardo agli impianti di produzione, che stanno rivestendo un’importanza sempre crescente. Il corso è completato con esempi descrittivi di impianti riconducibili a situazioni comunemente riscontrabili nella pratica impiantistica reale.

Ovviamente, alla luce di quanto sopra, rispetto ai corsi precedenti, maggiore spazio verrà dato alla parti della Norma nuove o radicalmente riviste, rispetto a quello rimasto sostanzialmente invariato ed ampiamente illustrato nei corsi sulle due precedenti edizioni della Norma stessa.

Al termine del corso della durata di tre giornate, verrà rilasciato un attestato di partecipazione CEI.

Per maggiori informazioni
Segreteria Formazione CEI
Tel. 0221006281 – 0221006286
Fax 0221006316

Scrivi un commento