Fotovoltaico: deroghe per le zone colpite dal terremoto con la Legge 1 agosto 2012 nr. 122

Oltre a tanti altri problemi molto più importanti, anche gli impianti fotovoltaici hanno subito dei danni nelle zone colpite dal terremoto di maggio in Emilia Romagna. Molte aziende con i fabbricati inagibili avevano programmato, o stavano realizzando degli impianti fotovoltaici. La distruzione o l’inagibilità dei fabbricati stessi, ha in alcuni casi compromesso le installazioni. Un problema non così secondario, in quando molte aziende avevano investito parecchi soldi e l’impianto fotovoltaico poteva e potrebbe essere una grossa fonte di sostentamento economico sia per le famiglie che hanno subito dei danni, sia per la posisbilità di utilizzare gli introiti per la ricostruzione.

La Legge 122 del 1 agosto 2012 è la conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74, recante interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012. Il comma 7 dell’ articolo 8 prevede delle importanti deroghe per gli impianti a fonti rinnovabili, e avranno la possibilità di continuare ad accedere alla tariffa vigente alla data di entrata in vigore del decreto purchè vengano ultimati ed entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013. Ma per evitare dubbi, trascriviamo sotto il testo del comma 7 in modo che ognuno verifichi se sussistono le condizioni per il proprio singolo caso.

Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili realizzati nei o sui fabbricati e quelli in fase di realizzazione, ubicati nelle zone colpite dal sisma del 20 maggio e del 29 maggio 2012, distrutti od oggetto di ordinanze sindacali di sgombero in quanto inagibili totalmente o parzialmente, accedono alle incentivazioni cui avevano diritto alla data di entrata in vigore del presente decreto qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013. Gli impianti fotovoltaici realizzati nei fabbricati distrutti possono essere ubicati anche a terra mantenendo le tariffe in vigore al momento dell’entrata in esercizio. Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili gia’ autorizzati alla data del 6 giugno 2012 accedono agli incentivi vigenti alla medesima data, qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013.

L’unico dubbio che ci rimane riguarda i documenti realtivi alle inagibilità, ovvero da quanto leggiamo sembra che solo chi ha avuto inagibilità comunicata dal Comune possa usufruire di eventuali deroghe, rimane da vedere se anche eventuali perizie giurate di altri enti siano considerate valide, ma ci sarà tempo per verificare e chiedere chiarimenti. Rimane il fatto che le deroghe riguardano solo i fabbricati situati nei comuni colpiti dal terremoto, che abbiano un ordinanza di sgombero per inagibilità, e che abbiano già comunicato l’inizio dei lavori dell’impianto fotovoltaico.

264 Commenti

  1. Stefano Bassi 22 agosto 2012 at 14:11 - Reply

    Confermo quanto già segnalato all’autore Stefano Caproni in altra sede in merito al fatto che almeno per alcune tipologie di fabbricati i comuni non emettono ordinanze sindacali in quanto le attestazioni di inagibilità hanno seguito un percorso diverso rispetto a quello della visita dei tecnici della regione e compilazione delle schede AEDES.

    • Stefano Caproni 22 agosto 2012 at 15:14 - Reply

      Grazie Stefano, credo che dovremmo cercare di chiedere lumi per chiarire se anche le dichiarazioni di inagibilità dei tecnici “scritturati” dai comuni siano utilizzabili. Abbiam un po di tempo, ma teniamo anche presente il fatto che dal 1 gennaio 2013 alcune regole sui prodotti (inverter) cambieranno come da delibera AEEG 84/2012, quindi potrebbe essere necessario cambiare dei prodotti. E visto che c’è tempo meglio parlarne con eventuali clienti in modo da informare di questa cosa. Poi ovvio che tutto dipende anche dai tempi della sistemazione dei fabbricati e del ritorno all’agibilità.

  2. Oviera 28 agosto 2012 at 09:56 - Reply

    Nella sfortuna, almeno la legge italiana arriva in soccorso delle popolazioni emiliane.

  3. Dario 7 settembre 2012 at 15:31 - Reply

    Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili gia’ autorizzati alla data del 6 giugno 2012 accedono agli incentivi vigenti alla medesima data, qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013.

    Questo ultimo paragrafo del comma sette credo rimetta in gioco anche impianti autorizzati che non sono su tetti di immobili danneggiati.

    • Stefano Caproni 7 settembre 2012 at 22:25 - Reply

      Secondo me no Dario. Quella frase va letta nel contesto, insieme agli altri paragrafi. Secondo me vale per impianti autorizzati su edifici crollati o con ordinanze di sgombero.

  4. Dario 7 settembre 2012 at 23:54 - Reply

    Ti ringrazio per la risposta che mi hai dato. Io vivo a Ferrara e mi ritrovo 2 autorizzazioni datate febbraio 2012 dovevamo iniziare i lavori a maggio, e su un capannone infatti i lavori sono iniziati. Poi il 20 maggio e stato bloccato tutto non perché il capannone avesse avuto ordinanze particolari ma per le ovvie verifiche che sono durate oltre 2 mesi. Ora il GSE in base a quella legge mi dice di caricare la pratica sul portale al quinto conto ma che la tariffa sarà del quarto. Loro affermano che hanno diritto e mi auguro sia così altrimenti puoi ben immaginare che danno sarebbe. Come potete immaginare in questi ultimi tre mesi qui e stato un delirio, tra controlli verifiche asseverazioni e chi più ne ha, solo a Ferrara in tre mesi sono stati controllati circa 20000 immobili. Mi auguro e spero che la lettura di quella legge sia così come ti ho indicato altrimenti credo sarebbe una ingiustizia non da poco. Grazie ancora

  5. Stefano Caproni 8 settembre 2012 at 08:53 - Reply

    Ciao Dario, anche io sono di Ferrara. Il mio era solo un parere, spero che tu abbia ragione perché anche io ho clienti nella medesima situazione dei tuoi. Sarebbe una ingiustizia come dici, ma ormai per esperienza credo che ai normatori e al GSE poco importi della giustizia 🙁

  6. bigno 14 settembre 2012 at 21:43 - Reply

    ciao stefano hai notizie sulla legge 122 x i terremotati io ho un impianto fotovoltaico autorizzato ma non ci sono ordinanze di sgombero e gli edifici per fortuna sono sani.Rientrerei nell’ ultimo paragrafo se non fanno chiarezza non è giusto per chi stava inizziando i lavori e ha perso tempo per fare i controlli, poi l’azienda non mi garantiva piu l’allaccio in tempo ciao

    • Stefano Caproni 15 settembre 2012 at 13:28 - Reply

      Al momento no, ma ritengo che il testo sia stato scritto male, ovvero la prima frase dice che gli impianti realizzati o in fase di realizzazione accedono agli incentivi cui avevano diritto alla data di entrata in vigore del decreto, se oggetto di ordinanze di sgombero o distrutti.
      Questa prima fase definisce chi può accedere al beneficio, ovvero chi rientra in entrambe le seguenti opzioni:
      – impianti in fase di realizzazione o realizzati
      – impianti oggetto di ordinanze sindacali di sgombero
      Poi viene ulteriormente precisato che:
      – impianti già in esercizio e distrutti possono essere posizionati a terra mantenendo le tariffe
      – impianti già autorizzati al 6 giugno 2012 accedono alle tariffe vigenti al 6 giugno
      Quindi mi sembra evidente che possono accedere solo:
      – impianti allacciati e distrutti
      – impianti autorizzati al 6 giugno e oggetto di ordinanze sindacali di sgombero.

  7. Dario 15 settembre 2012 at 14:49 - Reply

    Finalmente ieri ho avuto risposta dal GSE e pare che la loro interpretazione della legge 122 sia: gli impianti autorizzati alla data del 6 giugno hanno diritto alla tariffa del quarto conto energia. Ora pero se uno vuole la certezza di quella tariffa deve caricare la pratica sul portale del quinto conto energia. Qualora non si segua questa procedura dovrà realizzare l’impianto e poi chiedere l’assegnazione della tariffa. Mi e stato spiegato dal GSE che questo e un problema che riguarda principalmente loro i quali non sanno da dove prendere i soldi per pagare gli incentivi, quindi per chi si iscrive al registro e chiaro che verranno presi dal monte del quinto conto ma per gli altri al momento non e dato sapersi.
    Molto attiva e dello stesso parere pare essere anche Aper .

    • Stefano Caproni 15 settembre 2012 at 15:20 - Reply

      Ciao Dario, prima di tutto grazie.
      Ti volevo chiedere se hai parlato con loro del discorso ordinanza di sgombero, perchè secondo me solo gli impianti su fabbricati con ordinanze di sgombero possono beneficiare della legge 122, altrimenti vi potrebberoaccedere tutti quelli che hanno impianti autorizzati indipendentemente dal fatto che avessero o meno subito danneggiamenti.
      Grazie.

  8. Dario 15 settembre 2012 at 16:24 - Reply

    Esatto loro sono convinti che vi accedano tutti. Per colpa di quell ultimo paragrafo che li espone e rispondo come hanno detto loro “a sgradevoli ricorsi al TAR ” . Ho notizie che si stanno iscrivendo usufruendo della legge 122 anche impianti a terra pensa te

    • Stefano Caproni 15 settembre 2012 at 16:47 - Reply

      Io sono convinto che stiano prendendo un abbagglio, non so cosa ne pensi rispetto a quanto ho scritto in risposta a Bigno proprio nei commenti qua sopra. Giocare con il GSE è pericoloso, se poi esce qualche chiarimento che non ammette tutti gli impianti fanno dietro front. In ogni caso la prima frase dell’articolo secondo me è significativa (ed anche coerente secondo me):
      —————————–
      Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili realizzati nei o sui fabbricati e quelli in fase di realizzazione, ubicati nelle zone colpite dal sisma del 20 maggio e del 29 maggio 2012, distrutti od oggetto di ordinanze sindacali di sgombero in quanto inagibili totalmente o parzialmente…………………
      —————————–
      Poi il secondo paragrafo secondo me è solo un chiarimento sul fatto che gli impianti di fabbricati distrutti (ovvero impianti già connessi) possono essere messi a terra, quelli autorizzati prima del 6 luglio (e non ancora iniziati) avranno tariffa vigente al 6 luglio. Il primo paragrafo è quello che dice chi può beneficiare, secondo me.
      Chi sta pensando di ricadere nella legge 122 con impianti a terra a mio avviso ha letto male.

  9. Dario 15 settembre 2012 at 17:03 - Reply

    Infatti io con i lavori sono ancora fermo, anche se credo che la risposta che mi ha dato il GSE addirittura in forma scritta mi fa ben sperare. Credo che questa sia diventata più una materia da avvocati. Sicuramente la 122 e scritta male . Comunque troverei assurdo che un capannone che ha subito uno sgombero per problemi di struttura abbia la tariffa ed un altro come nel mio caso che ha subito 2 mesi di verifiche ed alla fine e risultato idoneo non abbia nulla. Se il terremoto non ci fosse stato io l’impianto lo avrei finito alla grande. Io per adesso ho seguito le istruzioni GSE ed ho iscritto il tutto nel quinto conto, ma se fanno scherzi al TAR ci vado di sicuro

    • Stefano Caproni 15 settembre 2012 at 18:03 - Reply

      Il tuo ragionamento non fa una piega, il problema secondo me è dimostrare che ti sei fermato se loro vogliono esclusivamente dichiarazioni di enti ufficiali (comune).
      Il mio consiglio Dario (è solo un consiglio, tu vai avanti per la tua strada) è di prendere con le molle quello che scrivono via mail, io ho riposte diverse su domande identiche, e altri colleghi idem.

  10. Dario 15 settembre 2012 at 18:20 - Reply

    Se per quello ho tanti di quei verbali che meta basta vigili del fuoco, tecnici miei, tecnici dell’azienda proprietaria. Io credo pero che la legge 122 ponga un altro problema , dove prende i soldi il GSE per pagare ?? Per adesso loro li prenderanno dai 700 mil del quinto e anche questo non lo trovo molto giusto. Ammettiamo che il mio impianto abbia la tariffa altri che avrebbero avuto diritto resteranno fuori. Tutto questo perché chi legifera e regolamenta secondo me non ci capisce una mazza ahi noi

  11. Stefano Caproni 15 settembre 2012 at 18:24 - Reply

    Infatti, non ci capiscono una mazza davvero……….chiunque di noi poveri tecnici scrivendo la Legge 122 avrebbe pensato a dove prendere i soldi per gli incentivi e come………
    Mah………….speriamo finiscano sti conti energia………………ormai siamo cotti……….. 🙁

  12. bigno 15 settembre 2012 at 21:24 - Reply

    Ciao a tutti,
    si, la legge è fatta male, sicuramente avevano fretta di andare in ferie. comunque , in primo luogo l’interpretazione del Gse vale come la mia, è solo il governo che può chiarire. Ma poi cosa c’è da chiarire ….. la prima parte dell’art. è già chiara. Se valesse quello che dice il Gse, l’ultima frase sarebbe una ripetizione della prima. E’ ovvio che chi aveva già realizzato l’impianto fosse già stato autorizzato e come avevano già detto che dovevano essere terminati entro il 31/12/2013… comunque è vero è materia di avvocati e sai quante denunce al Tar ci sarebbero….. Anche io mi sono già iscritto al registro del V conto perchè il Gse dovrà rispondermi qualcosa di specifico. Ma dove prenderà i soldi se il IV conto è finito ? Attualmente si pensa dal V … a meno che, e probabilmente sarebbe la soluzione migliore, non si istituisca un fondo fotovoltaico per i terremotati ….. Noi, come azienda agricola, con 2000 mq di eternit da smaltire, non siamo in grado di sostenere la spesa senza fotovoltaico così abbiamo “mobilitato” Confagricoltura di Roma affinchè faccia pressioni in Parlamento per avere chiarimenti su una legge che sembra chiara ma che in realtà dà modo di dare diverse interpretazioni …. ho interpellato diversi tecnici ma tutti si arenano su questo punto … poichè anche il Gse dice “leggete e attenetevi alla legge”….. Grazie al c…. Come mai Dario a te il Gse ha risposto che sei dentro se ti iscrivi al registro ? Io sarei tanto contento che fosse come dicono a te …. Ciao e buonaserata

  13. bigno 15 settembre 2012 at 21:31 - Reply

    Ciao Dario,
    ho riletto il tuo commento e vorrei un chiarimento. Quando dici che il Gse ti ha risposto in forma scritta, cosa intendi? per mail ? pechè a me per mail mi ha scritto di attenermi alla legge perchè parla chiaro! quindi ? Io mi sono iscritto e vivo sperando …. dopo aver speso un altro pò di soldi …. Ciao

  14. Dario 15 settembre 2012 at 22:53 - Reply

    La risposta sono riuscito ad averla dopo 20 gg di pressione dal loro ufficio legale non da chiarimenti.fotovoltaico, ed e una mail. Io credo che chi e in questi comuni ed e autorizzato al 6 giugno entrerà nel quarto. Facendo anche un po’ di conti , quanti impianti ci saranno in questi comuni 30/40 mw. Se poi questi soldi li tolgono al quinto hai capito che sforzo

  15. bigno 16 settembre 2012 at 17:51 - Reply

    Ciao Dario,
    io mi sono iscritto al registro, era da specificare in domanda che sei comune terremotato e per la tariffa ti avvali della legge 122? Poi ancora una domanda : la legge è chiara parla di primo semestre ma alcuni parlano che potrebbe anche essere secondo semestre… mah troppe opinioni! A te hanno detto qualcosa in più?
    Ciao

  16. Dario 16 settembre 2012 at 17:56 - Reply

    Ciao, be’ almeno questo mi sembra molto chiaro la tariffa e quella del primo semestre. Io credo che su questo non ci possono essere dubbi.

  17. Dario 16 settembre 2012 at 18:03 - Reply

    Questa cosa comunque non e una novità, se la memoria non mi inganna i comuni interessati del terremoto abruzzese hanno avuto credo 2 o 3 anni. Quindi fino a poco tempo fa avevano tariffe del secondo conto energia. Il punto e che in quel conto non vi erano tetti di spesa mentre adesso si. E questo può creare un problema di ricorsi.
    Ciao

  18. bigno 16 settembre 2012 at 21:55 - Reply

    ora il dubbio è, se il gse risponde come nel tuo caso e per meta’ ottobre abbiamo la graduatoria del registro che si fa’ si parte visto che abbiamo 6 mesi per fare l’impianto con l’inverno davanti? x capirsi basta una mail dall’ufficio legale per essere sicuri.p.s.certo che questo fotov. ci incasina pure le domeniche almeno adesso non mi sento piu’ solo.

  19. Dario 16 settembre 2012 at 22:14 - Reply

    Hai ragione e un bel po’ di tempo che il fotovoltaico mi crea problemi. Partendo dal presupposto che la classica mano sul fuoco non ce la metto certo su quello che scrive il GSE ,!il mio se vuoi chiamalo ottimismo mi e dato da una serie di verifiche che ho fatto. Prima di tutto all APER poi da uno studio legale specializzato in energy. E speriamo abbiano ragione. E mi sa che messi come noi ce ne sono parecchi

  20. bigno 17 settembre 2012 at 19:29 - Reply

    ciao mi è sorto un dubbio troppo tecnico per certi tecnici, ma al momento della domanda per il registro del v conto era da specificare che la mia tariffa èdel 1 semestre essendo autorizzato,terremotato, e mi avvalgo della famosa legge? o come mi hanno risposto poi le due cose si sovrapporranno? auguri ciao

    • Stefano Caproni 17 settembre 2012 at 21:17 - Reply

      Io non ne ho idea, come sempre regna la confusione, sembra lo facciano apposta 🙁

  21. bigno 17 settembre 2012 at 19:42 - Reply

    non sapevo che i grandi impianti eslusi dal 4 conto avessero la precedenza in graduatoria nel V. Quindi nei 140 milioni noi andiamo in coda. mi sa che tutti non ci stiamo ciao.

    • Stefano Caproni 17 settembre 2012 at 21:16 - Reply

      Si, precendenza alla data di allacciamento. Io non ho ancora capito però se al mio impianto già autorizzato e con ordinanza di sgombero, si applica il quarto o il quinto CE. Boh……..

  22. Dario 17 settembre 2012 at 22:28 - Reply

    Ultime news, oggi ho completato le richieste per 2 impianti poi ho chiamato il GSE , l’operatore mi ha detto e sotto un certo punto di vista mi ha anche fatto tenerezza “ha fatto bene a iscriverli anche se comunque avrebbe avuto lo stesso diritto al quarto , ma secondo lei ce ne sono molti di impianti nelle vostre zone” . Come dice la pubblicità parlare con il GSE non ha prezzo

    • Stefano Caproni 17 settembre 2012 at 22:37 - Reply

      Comunque è vero, fanno tenerezza a volte, gli operatori del GSE penso siano un pelo sotto pressione 😉

  23. bigno 18 settembre 2012 at 01:06 - Reply

    csrto è che chiedere se ci sono molti impianti nelle nostre zone questa è grossa… bo ..nel mio comune siamo in 3 moltiplicato x 50 comuni terremotati…. io penso che molti di questi noo sanno neanche che c’è una legge che gli da questa possibilita….ma poi cosa cazzo vuol dire [comunque avrebbe avuto lo stesso diritto al quarto] allora sanno che ci sono impianti in questi comuni da metter su buona notte

  24. bigno 20 settembre 2012 at 19:56 - Reply

    Hola, avete notizie? al mio geometra che è messo come noi oggi il suo impiantista gli ha detto che gli edifici devono essere inagibili.ora stanno muovendo gli avvocati anche loro speriamo. Sempre lui dice che gli impianti iscritti al v sono 65 , per mè non sono tanti ciao

    • Stefano Caproni 20 settembre 2012 at 19:58 - Reply

      Anche secondo me devono essere stati giudicati inagibili. Vediamo come va a finire la solita telenovela, dovrebbero scrivere leggi e decreti con esempi allegati se non sono capaci di scriverli chiari e comprensibili.

  25. bigno 20 settembre 2012 at 21:21 - Reply

    Io penso ha chi nei giorni del terremoto era li per ricevere il finanziamento della banca, tutto bloccato per verificare i danni dei clienti della banca,passa un mese e il governo ti cambia li conto energia.La banca poi ti dice che ormai non sa se riuscirai ad allacciare entro fine agosto.quessto non è un danno per chi era autorizzato. Ho chi stava appoggiando i pannelli sul tetto, quindi autorizzato,perde un mese perche le scosse sono durate piu di un mese , poi fa’ i controlli ,l’edificio è agibile,i pannelli sono da pagare lo stato ti cambia l’incentivo e tu adesso cosa fai? butto giu’ il capannone e dico che è crollato in ritardo? non sono danni questi? ciao

    • Stefano Caproni 21 settembre 2012 at 09:27 - Reply

      Bigno, vorrei precisare che io sto rispondendo a delle domande dicendo la mia opinione sul testo della legge, non sto dicendo che la legge è corretta. Su quanto scrivi sopra sono perfettamente d’accordo con te, molti impianti non sono stati finiti a causa delal sospensione dei lavori dovuta alle verifiche, che poi avendo giudicato il fabbricato agibile non hanno rilasciato alcun documento di inagibilità.

  26. bigno 21 settembre 2012 at 12:26 - Reply

    CIAO STEFANO, le mie osservazioni sono riferite al governo e gse , ci mancherebbe, era per dire che la situazione è piu ampia. sto tenendo sotto pressione in modo che il ministero emani qualche circolare chiarificatrice anche perchè chi si azzarda partire cn l’impianto con sto casino’ .

    • Stefano Caproni 21 settembre 2012 at 13:33 - Reply

      Ciao Bigno, figurati, non mi riferivo a te in particolare, volevo sottolineare che sono al 100% dalla tua parte quando ritieni queste regole una buffonata, escludono molti casi che avrebbero diritto di attenzione anche se quella Legge li esclude 😉
      Come dici occorrono chiarimenti, io sono tra quelli che non consiglia ai clienti di procedere (a meno che non abbiano l’ordinanza di sgombero) 😉

  27. Leonardo 21 settembre 2012 at 14:44 - Reply

    Ciao a tutti, ho un impianto fotovoltaico con autorizzazione di febbraio 2012 non ancora allacciato, in un comune terremotato, mi hanno chiamato questa mattina dalla Coltivatori diretti per dirmi che secondo loro dovrei accedere ai contributi del 4′ conto energia, sempre interpretando al legge 122 del 1′ agosto. Lunedì ho app.to con un loro tecnico, per capire cosa come procedere.

    • Stefano Caproni 21 settembre 2012 at 15:36 - Reply

      Secondo me ciò che dicono è vero solo se hai un’ordinanza di sgombero e/o inagibilità, altri non la pensano come me e dicono che qualsiasi impianto autorizzato prima del 6 giugno 2012 può accedere.

  28. bigno 21 settembre 2012 at 21:19 - Reply

    Caro leonardo cerca di smuovere la coldiretti che si faccia sentire anche a roma.Piu’ associazioni chiamano meglio è!Comunque per ora stefano ha ragione.L’unico che per ora da notizie positive dal gse è dario visto che è riuscito a parlarci tramite avvocati. Pero’ non ho copito se hai l’ordinanza. Dario novita’? Ti è arrivata la fattura dal gse per il registro? ciao

  29. Dario 21 settembre 2012 at 22:12 - Reply

    No la fattura no ma una ricevuta mi è stata mandata la solita cosa della presa in carico. Comunque più parlo con altri operatori del settore più mi convinco che su questa storia verrà fuori casino. Ho avuto per certo una news che un impianto a terra da 15 mw in un paesino sempre nella lista comuni terremotati e stato inserito nel 5* energia. Provate a pensare se questo avesse la tariffa del quarto ,se gli esclusi non si rivolgono al TAR. Resto convinto della mia opinione che chi aveva un progetto su tetto che poi è risultato agibile quindi senza sgombero, ma comunque con lavori bloccati per dei gg abbia diritto alla tariffa del quarto, e se fanno i furbi e ricorriamo secondo me si vince abbastanza facilmente

    • Stefano Caproni 24 settembre 2012 at 21:51 - Reply

      Nemmeno il GSE sa come comportarsi, sono allo sbando pure loro, basterebbe che scrivessero leggi e decreti insieme, invece di lasciarci come sempre tra dubbi, interpretazioni e attese di chiarimenti e chiarimenti sui chiarimenti………..

  30. bigno 22 settembre 2012 at 07:36 - Reply

    ma non si poteva piu’ fare a terra nel 4 tranne per qualche sito dismesso tipo discariche? ma che verifiche di crollo ha dovuto fare per terra? questo èra un impianto da fare nel 3 conto,ma è rimasto fuori e ora vuole rientrare con le ultime 2 righe della legge.Se entra sara un vero casino,mica aveva 15mw sul tetto ed è crollato.ciao

  31. Leonardo 22 settembre 2012 at 10:16 - Reply

    Come fa a sapere che è stato inserito nel 5′ conto ? Sono uscite le graduatorie ?

    • Stefano Caproni 24 settembre 2012 at 21:11 - Reply

      Ciao Leonardo, non ho capito a chi hai fatto la domanda, o meglio in risposta a chi.

  32. Silvio 22 settembre 2012 at 11:27 - Reply

    Voglio raccontarmi la mia avventura.
    In gennaio 2012 firmo con il costruttore l’ acquisto di 80 Kw di panneli da installare su un tetto di un capannone con smaltimento di amianto (in comune terremotato). ci arriva il preventivo di Enel verso metà febbraio. Pago subito la 1′ parte come da prassi. Si va a fare il sopralluogo con tecnici Enel, e nemmeno subito ma dopo qualche giorno ci viene detto che per installare l’ impianto occorre cambiare il cavo di rete perchè arriva solo a 40-45 kw. Dopo qualche giorno ci dicono che c’è da creare una servitù per far si che Enel possa cambiare il cavo nel tratto di terreno sempre del nostro vicino. (stiamo parlando di 5-6 metri non di più). A questo punto è stato perso un altro mese, e siamo all’ inizio di aprile. Chiamo il vicino , il quale purtroppo dopo varie suppliche e sotto il pagamento di varie migliaia di Euro, ha firmato la servità davanti al notaio. Da notare che con queto tira e molla siamo arrivati a fine luglio. Ci siam detti almeno riusciremo ad allacciarlo entro la fine del 4′ conto (avendo già perso la scadenza di giugno). Solo allora, e ripeto solo allora Enel ci dice che per cambiar eil cavo hanno 3 mesi di tempo. E pensare che al 5 di agosto avevamo già i relais in base alla norma cei 121 già installati. Ora abbiamo perso anche la scadenza del 27 agosto e non sappiamo nemmeno se riusciremo ad entrare nel 5′ conto energia, non sapendo ancora quando verranno a cambiare il cavo. Anche usufruendo del 5′ conto energia non riusciremo ad andare a pari nemmeno fra 20 anni, vi lascio immaginare cosa succederebbe se non rientriamo nemmeno in questo. scusate per lo sfogo…

    • Stefano Caproni 24 settembre 2012 at 21:14 - Reply

      Ciao Silvio, brutta storia.
      però il tecnico o la ditta che ti seguiva avrebbe dovuto fermare tutto prima, o per lo meno, consigliarti di fare non più di 50kW, in modo da evitare per lo meno il registro nella malaugurata ipotesi di quinto conto (che poi si è verificata).
      QUesto perchè nel preventivo i tempi di connessione sono scritti, hai verificato cosa ci fosse scritto sul preventivo ?
      Rimane il fatto che è una situazione davvero assurda, e un danno non da poco per te 🙁

  33. bigno 23 settembre 2012 at 11:22 - Reply

    ma enel fino 100 kw non è obbligata ad allacciare in bassa tensione?almeno la ditta prima del contratto non poteva informarsi da enel?ciao

  34. Silvio 23 settembre 2012 at 14:13 - Reply

    Il cavo che c’è attualmente non permette il passaggio di oltre 40 Kw (questo alla ditta con cui abbiamo effettuato il contratto è stato detto da enel solo dopo 2 mesi che era richiesta. L’ avessimo saputo subito non saremmo nemmeno partiti. Enel ci ha detto dei 3 mesi per cambiare il cavo solamente a luglio….

  35. bigno 23 settembre 2012 at 18:14 - Reply

    nel2012 le ditte queste cose lo sanno prima di partire……. quelle serie…… cavolo sono 80kw …..mica 80 mw

  36. Silvio 23 settembre 2012 at 21:58 - Reply

    L’unica cosa che mi auguro (anche se ci credo poco) è che la legge 122 del 1′ agosto possa venirci incontro essendo paese terremotato con autorizzazione di inzio 2012

    • Stefano Caproni 24 settembre 2012 at 21:20 - Reply

      Silvio io non voglio toglierti le speranze, ma secondo me la Legge 122 ti viene incontro solo se hai ordinanze di sgombero o edificio crollato. In ogni caso occorre anche capire come funziona questa storia, perchè se iscrivi un impianto “terremotato” al quarto conto, ma ancora non in esercizio, non te lo fa iscrivere (perchè non accetta ovviamente impianti a progetto). Quindi ? Un mio collega su suggerimento del GSE lo ha iscritto al quinto conto, ma ovviamente se è impianto soggetto a registro ad esempio non lo puoi fare perchè il registro è chiuso. Come sempre non se ne viene fuori 🙁

  37. Silvio 26 settembre 2012 at 16:44 - Reply

    Infatti, io l’ ho iscritto al 5′. Ieri la coldiretti ha scritto a Roma e mi faranno sapere cosa risponde il ministero.
    Non ci spero più di tanto, ma non mi costa niente provare.

    • Stefano Caproni 26 settembre 2012 at 16:53 - Reply

      Tienici informati Silvio, grazie 😉

  38. bigno 29 settembre 2012 at 12:19 - Reply

    ciao a tutti volevo sapere da silvio e leonardo se la coldiretti ha notizie sulle nostre autorizzazioni.IO spero che confagricoltura questa settimana dica qualcosa ciao

  39. Dario 30 settembre 2012 at 10:38 - Reply

    Si inizia a vedere la luce i 2 impianti che ho inserito sono in graduatoria lista a del GSE. Questo e sicuramente positivo per il riconoscimento della tariffa del quarto.

  40. bigno 30 settembre 2012 at 13:24 - Reply

    ciao dario è gia qualcosina……Ma la lista è gia pubblicata? E un’ultima domanda quando hai fatto l’iscrizione avevi gia richiesto anche la tariffa del quarto o puoi farlo anche successivamente? A mè è stato detto cosi successivamente e

  41. Silvio 30 settembre 2012 at 13:24 - Reply

    ancora non ho notizie, la settimana prossima sento
    x dario, è già uscita la graduatoria del 5′ conto ?

  42. bigno 30 settembre 2012 at 13:34 - Reply

    si, vai su graduatoria quinto conto, entri nel sito gse e clicca elenco A. Io sono dentro, ho appena controllato. Però, IL COSTO ANNUO DEL GSE SEGNALATO IN ELENCO E’ CON LA TARIFFA DEL QUINTO, ORA BISOGNA CAPIRE COSA FARE. Dario cosa ne dici ? come ci muoviamo ora per la tariffa? Cazz….. ciao a tutti

  43. Dario 30 settembre 2012 at 14:10 - Reply

    Ora si tratta di seguire le istruzioni, secondo me, che mi hanno dato loro, alla luce della posizione in graduatoria far valere la legge 122 e questo si potrà fare a gg quando riceveremo comunicazione dell’entrata in graduatoria.
    La cosa positiva e che tutti quelli che io conosco che hanno fatto richiesta delle zone terremotate sono finiti nella lista a. Compresi due impianti a terra da 1 mw in zona agricola. Ora questi impianti non avrebbero avuto diritto mai tutta la vita se non ci fosse stata la legge 122 . Credo che questo per noi sia positivo. Si vede la luce in fondo al tunnel speriamo non sia un treno

    • claudio 27 gennaio 2013 at 16:28 - Reply

      Io ho un 12,5MW su pensiline da realizzare in ex base militare (di proprietà privata però). Zona terremotata. Può accedere a tariffe IV conto? devo iscriverlo al registro secondo semestre del V conto per farlo? o posso accedervi anche senza iscrizione a registro?

      • Stefano Caproni 27 gennaio 2013 at 16:43 - Reply

        Hai diritto al quarto conto energia, solo se l’impianto era autorizzato alla data del 30 settembre 2012. Altrimenti la legge 122 sui comuni terremotati non si applica.

        • claudio 27 gennaio 2013 at 17:07 - Reply

          certo, completamente autorizzato prima del giugno 2012 come opere e come cavidotti enel, quindi mi confermi che non devo avere nessuna iscrizione a registro IV o V conto?

  44. Silvio 30 settembre 2012 at 16:12 - Reply

    Anch’io vedo che sono all’interno del 5′ conto energia.
    x Dario: magari ti faccio una domanda superflua ma i 2 impianti sono a terra perchè avevano il capannone inagibile o con sgombero ?
    Voglio sentire domani la Coldiretti per vedere come muovermi a questo punto.

  45. bigno 30 settembre 2012 at 18:24 - Reply

    dario ci sono 15gg di tempo per farsi aggiudicare la tariffa ho letto sul sito dopo la pubblicazione della graduatoria?

    • Stefano Caproni 30 settembre 2012 at 21:41 - Reply

      Esatto, gli impianti iscritti come “impianti in esercizio” hanno 15 giorni (solari) per fare richiesta di tariffa, gli altri iscritti invece come “non in esercizio” hanno un anno di tempo per entrare in esercizio.

  46. bigno 30 settembre 2012 at 19:07 - Reply

    Leggendo la graduatoria, il costo annuo (ultima colonna) a cosa si riferisce?

    • Stefano Caproni 30 settembre 2012 at 21:42 - Reply

      E’ il costo degli incentivi che il GSE ogni anno erogherà a quell’impianto (costo annuo cumulativo).

  47. Dario 1 ottobre 2012 at 00:41 - Reply

    x Silvio, un impianto e su tetto e questo non aveva avuto nessuna ordinanza di sgombero ma era stato più volte controllato sia da VF e da altri. Mentre l’altro impianto e su pensiline (ed e pure un impianto bello grosso) ed e finito in lista pure lui. Tutti gli amici che sono riuscito a sentire oggi che erano messi come noi sono finiti tutti in lista a. Da domani inizia il martellamento al GSE, ho anche voglia di contattare APER per vedere se fa qualcosa.

  48. Dario 1 ottobre 2012 at 19:19 - Reply

    Ciao a tutti, credo che il GSE stia capitolando. Oggi per la prima volta in modo inequivocabile hanno affermato che chi aveva l’autorizzazione al 6 giugno ha diritto alla tariffa quarto primo semestre. Il problema e che non sanno come gestire questa cosa. hanno anche la fortuna che la lista quinto non e arrivata a budget. Non credo neanche abbiano tutta sta voglia di ritrovarsi un po di cause al TAR contro della gente delle zone terremotate sull’interpretazione della 122.

    • Stefano Caproni 1 ottobre 2012 at 22:01 - Reply

      Ciao Dario, ma l’impianto può seguire le regole del quarto conto ? Perchè ad esempio il mio è un 80kW smaltimento amianto. Se valgono le regole del quarto cono a posto, altrimenti ovviamente no 🙂

  49. Dario 1 ottobre 2012 at 22:40 - Reply

    esatto seguono le regole del quarto conto, l’inserimento nella lista quinto credo sia servita a loro per il reperimento dei fondi necessari . Il loro problema, e me lo dissero subito appena approvata la legge, era da dove attingere per pagare il contributo. In effetti questo la 122 non lo dice, immagino che visto che altre leggi hanno tetti di spesa ben rigidi e regolamentati questo era un guaio.

    • Stefano Caproni 1 ottobre 2012 at 23:41 - Reply

      Ottimo, se seguono le regole del quarto conto, sono a posto con i miei 80kW 😉

  50. Dario 1 ottobre 2012 at 22:41 - Reply

    Scusami non ti avevo salutato all’inizio, Ciao Stefano

    • Stefano Caproni 1 ottobre 2012 at 23:42 - Reply

      Ma figurati 😉

  51. bigno 1 ottobre 2012 at 22:54 - Reply

    ciao a tutti ora dobbiamo tutti fracassare i coglioni al gse cosi li prendiamo per sfinimento….. grazie dario almeno abbiamo una speranza…ora una domanda secondo tè bastera’ solo avere l’autorizzazione prima del 6 giugno ? quindi potrebbero entrare anche chi non si è iscritto [ ho un amico che non si è iscritto] senza aver fatto nessuna verifica alle strutture ma con l’autorizzazione prima del 6.Volevo ringraziare anche stefano per questo sito. stefano non ho capito cosa intendi per le regole? Anchio ho 200 kw con l’amianto ciao

    • Stefano Caproni 1 ottobre 2012 at 23:43 - Reply

      Ciao Bigno, intendevo dire che i nostri impianti (200 e 80kW smaltimento amianto) con il quinto conto dovrebbero fare accesso ai registri, con il quarto (scambio SSP su edificio) no.
      Preciso che il mio non è ancora iniziato, capannone ancora inagibile.
      Volevo capire se gli impianti delle zone terremotate hanno solo diritto alla tariffa del quarto, ma devono sottostare alle regole del quinto (ACE, registri, etc) perchè non avrebbe senso. Se il mio impianto dovesse sottostare al quinto conto, dovrei iscriverlo al prossimo registro, e se non dovesse rientrare, non potrebbe avere la tariffa come da Legge 122. Spero di essermi spiegato meglio 😉

  52. bigno 1 ottobre 2012 at 23:26 - Reply

    ma secondo voi l’ultima colonna del registro dice che la tariffa è del 5..Ora cosa consigliate di fare per avere la teriffa del 4 mandiamo una lettera , una mail facciamo scrivere dall’avvocato, un piccione con un biglietto che noi ci riferimo alla 122? ciao

    • Stefano Caproni 1 ottobre 2012 at 23:50 - Reply

      La soluzione del piccione non è male 😉

  53. bigno 3 ottobre 2012 at 06:47 - Reply

    ciao volevo sapere se su edifici rurali [ stalle agricole e capannoni agricoli gia accatastati in d10] si possono mettere i pannelli integrati con caratteristiche innovative. ricordo che ho su l’eternit e potrei accedere al 4 ciao [ ieri mi hanno detto anche questa]

    • Stefano Caproni 3 ottobre 2012 at 09:11 - Reply

      I pannelli integrati con caratteristiche innovative si possono mettere solo su fabbricati rurali se hanno caratteristiche di edificio. Dalle regole applicative:
      Tutte le strutture (compresi i fabbricati rurali), in linea con la citata definizione che presuppone un volume chiuso energeticamente certificabile secondo la normativa nazionale, rientrano tra i manufatti per i quali è possibile accedere alle tariffe “su edifici”, a prescindere dalla categoria catastale di appartenenza.
      Per energeticamente certificabile il GSE ha chiarito qualche giorno fa http://newsenergia.com/quinto-ce-certificazione-energetica-certificati-chiarimenti-0918.html
      Sul discorso terremoto, anche se altri non sono d’accordo, io credo che vi possano accedere solo impianti autorizzati e previsti su edifici oggetto di ordinanze di sgombero, o impianti in fase di realizzazione, anche se mi pare che qualcuno abbia richiesto i benefici della Legge 122 anche per impianti a terra. Ma secondo me finchè qualcuno non si esprimerà la certezza non c’è. Inoltre la legge 122 parla di tariffe, non di conto energia. Quindi la domanda che mi faccio è: gli impianti oggetto della Legge 122, accedono al quarto conto con relative regole oppure il conto energia è il vigente (quinto) ma con le tariffe del quarto ? Ovvero su un impianto (mio caso) da 80kW con sostituzione eternit, autorizzato a novembre 2011 e in fase di realizzazione durante il terremoto, che regole ci sono ? Se quarto conto sono a posto, se quinto conto devo accedere al registro, e se non rientro nei limiti ? Non posso beneficiare della Legge 122. Quindi su questo punto ho più dubbi che certezze.

  54. bigno 3 ottobre 2012 at 11:11 - Reply

    Ciao Stefano,
    stamane sono stato dall’avvocato di confagricoltura. La legge parla chiaro,l’ultima frase è un’integrazione approvata e diventata legge dell’art. del decreto. Nelle regole applicative del Gse, al primo paragrafo viene unita la frase sulle autorizzazioni legata da una congiunzione (la e):edifici distrutti e autorizzati. Ma nella legge c’è un punto e quindi è un’altra frase. Gli ultimi 2 capoversi della legge sono stati aggiunti dopo in modifica alla legge del 6 giugno da confagricoltura con 2 emendamenti con l’intento di far rientrare tutte le opzioni che riguardano i casi per gli impianti nei comuni terremotati e comunque non è il gse che deve dire come si interpreta la legge ma il Ministero.
    L’associazione ha già interpellato il ministero affinchè faccia chiarimenti al più presto. Per quanto riguarda l’innovativo ti ringrazio, studierò ….

    • Stefano Caproni 3 ottobre 2012 at 11:56 - Reply

      Se hai chiarimenti fammi sapere 🙂

  55. Dario 3 ottobre 2012 at 11:34 - Reply

    Dimostrazione esemplare che gli studi classici servono sempre a qualcosa.
    Comunque il GSE secondo me sta facendo un po il furbetto.

    • Stefano Caproni 3 ottobre 2012 at 11:57 - Reply

      Mah, secondo me non gli frega nulla, loro devono solo distrubuire soldi che arrivano dalle bollette, non è che debbano decidere a chi darli o meno. In ogni caso Dario come te io mi fido poco 😉

  56. bigno 3 ottobre 2012 at 13:07 - Reply

    Volevo capire da dario come si sta muovendo.Ieri ho fatto mandare una mail al gse dal mio tecnico dove richiedo la tariffa del 4 conto essendomi iscritto al registro con esito positivo esto preparando con confagricoltura una lettera col loro avvocato con lo stesso intento vediamo cosa rispondono.Silvio cosa dice la coldiretti visto che dovevi andarci ieri?speriamo facciano pressioni anche loro stagli addosso perche sanno anche loro come fare piu siamo meglio è ciao a tutti

  57. Silvio 3 ottobre 2012 at 20:01 - Reply

    La coldiretti ancora non mi ha fatto sapere nulla. Proverò a risentire, facendo riferimento al fatto che confragricoltura ha già contattato un avvocato a roma.

  58. Silvio 4 ottobre 2012 at 16:32 - Reply

    Prendete con le pinze quel che mi è stato riferito: mi ha chiamato un’ azienda che installa impianti fotovoltaici, perchè ha visto il mio impianto inserito nel 5′ conto energia con autorizzazione prima di giugno.Mi ha confermato che il mio impianto va nel 4′ conto energia (sperava che non avessi ancora comprato l’ impianto…)
    Da quanto mi dice sembra che il Gse la settimana prossima dovrebbe uscire con un comunicato a fronte di questa cosa in cui spiega cosa dobbiamo fare, o perlomeno cosa il comune deve farci pervenire per poter essere inseriti nel 4′ conto energia. Ripeto comunque che è una notizia da controllare e verificare

    • Stefano Caproni 4 ottobre 2012 at 19:48 - Reply

      Ciao Silvio, garzie per la segnalazione, la prendiamo con le pinze ma la teniamo in considerazione in modo da tenere le antenne alzate 😉 Sono convinto anche io che il GSE prima o poi pubblicherà un chiarimento.

  59. bigno 18 ottobre 2012 at 10:57 - Reply

    Ciao ragazzi, tutto bene ??? dai, un pò di animo, non demoralizziamoci … una settimana fa ho spedito a titolo personale (ma con lettera scritta dall’avvocato) una r.a. al Gse chiedendo chiaramente la tariffa che mi spetta in base alla legge e dicendo che la loro interpretazione non segue assolutamente quello che la legge vuole affermare. Speriamo rispondano e rispondano bene!!!!!

    • Stefano Caproni 18 ottobre 2012 at 11:29 - Reply

      Ciao Bigno, speriamo si decinano a fare chiarezza.
      Io ancora non so cosa devo fare con il mio impianto ancora da iniziare su edificio inagibile. Non so se devo iscriverlo al quarto conto o cos’altro.

  60. Stefano Caproni 24 ottobre 2012 at 10:19 - Reply

    Il mio collega in ufficio ha un impianto iscritto in quarto conto, a Ferrara, che ha indicato nella richiesta di essere comune terremotato etc etc etc.
    Gli hanno riconosciuto tariffa secondo semestre, dicendo che per loro vale la data di entrata in esercizio. Allora a cosa serve chiedere se l’impianto è in comune terremotato ?
    Occorrono chiarimenti 🙁

  61. bigno 24 ottobre 2012 at 12:30 - Reply

    ciao stefano scusa ma non ho capito…. ma il 4 conto non è chiuso.Ho è riuscito ha finire l’impianto entro agosto e poi ha fatto la richiesta della 122 per avere la tariffa del 1 semestre?

    • Stefano Caproni 24 ottobre 2012 at 12:41 - Reply

      Impianto allacciato il 24 agosto in quarto conto, autorizzato ad inizio 2012, gli hanno mandato lettera con tariffa secondo semestre.

  62. Dario 25 ottobre 2012 at 15:45 - Reply

    Ciao a Tutti, sono stato contattato da alcune autorità cittadine che hanno avuto notizie che la legge 122 non viene rispettata dal GSE e quindi non vengono riconosciute le tariffe primo semestre ad impianti allacciati alla rete comunque entro il 26 agosto. Questo pare stia capitando non solo a Ferrara ma in tutta l’Emilia. A dire il vero mi e capitata la stessa cosa ma sto ancora discutendo con il GSE. Una cosa che non riescono a capire e quanto sia diffuso questo fenomeno. io ho segnalato questo sito dove svariati operatori o cittadini stanno dibattendo sull’argomento.
    Se qualcuno di Voi vuole segnalare il proprio caso credo che qualcosa si stia muovendo.

    • Stefano Caproni 25 ottobre 2012 at 19:02 - Reply

      Ciao Dario, teniamoci informati.
      Secondo me oltre alle tariffe vigenti alla data di entrata in vigore del decreto, gli impianti devono sottostare alle regole del conto energia in vigore in quel periodo, altrimento ad esempio (mio caso reale) un impianto da 80kW con smaltimento non potrebbe accedere alle tariffe incentivanti, ma dovrebe sottostare al registro, e se non è in graduatoria non prend eincentivi, quindi non avrebbe garantita la tariffa primo semestre come da legge 122.

  63. bigno 26 ottobre 2012 at 13:49 - Reply

    ciao a tutti in chiarimento stefano, il tuo capannone è inagibile quindi tu dovresti rientrare tranquillamente nella legge, hai contattato il gse, cosa devi fare per cominciare i lavori ? Capisco chi non ha le strutture inagibili e si trova in un limbo interpretativo del gse ma per colpa del terremoto ( la terra ha ballato per un mese) non è riuscito neanche ha cominciare ( geometri terrorizzati per le strutture, la ditta che fa l’impianto terrorizzati perche non vogliono salire sui tetti e poi non garantivano piu l’allaccio almeno entro agosto, banche che ti chiamano perchè c’è un finanziamento in corso per paura che crolla tutto e ti chiedono di fermare tutti i lavori e fare i controlli e per finire il governo ti cambia al 1 di luglio il conto energia che da settembre inizia il5 conto con il registro ) e non abbiamo avuto le stesse possibilita’ del resto d’italia almeno di fare l’impianto nel 4 conto.Tutto questo per dire che il governo ha fatto la legge 122 per far si che chi ha avuto tutti questi disagi e spese in piu’ possa fare l’impianto con le stesse possibilita’ del resto d’italia, mica chiediamo piu’ soldi,solo la cartezza che 30 , 40 impianti in quelle zone possano far parte e ripeto con certezza di entrare nella legge 122.AD un mio amico gli hanno negato la tariffa del 1 semestre in comune terremotato ora vediamo se il gse si degna di rispondermi cosa pensa del mio impianto, iscritto al registro in comune terremotato e meno male che dovevano aiutarci, ma siamo in italia. Scusate lo sfogo ma spero che il gse su consiglio di dario legga il sito ciao

    • Stefano Caproni 26 ottobre 2012 at 14:53 - Reply

      Non so coda dire Bigno, non ho contattato il GSE, non ne vedo il motivo visto che le risposte sonbo sempre diverse ogni volta che parli con un operatore diverso.
      Nel capannone del mio impianto stanno facendo i lavori per riottenere agibilità, quindi vorrei sapere se devo usare il quarto conto o il quinto, perchè se devo usare il quinto sono da registro (80kW ocn smaltimento amianto), altrimenti devo ridurre la potenza per rientrare nel quinto senza registri 🙁
      Ma non credo che al call center ne abbiano un’idea

  64. Dario 26 ottobre 2012 at 15:16 - Reply

    Ciao a tutti oggi ce una mia intervista sul Carlino Ferrara per sollevare questo problema, so per certo come riporta anche il giornale che l’Onorevole Bratti (membro della commissione ambiente della Camera) ha presentato una interrogazione parlamentare per avere chiarimenti ai ministri competenti. E secondo il suo parere possono solo affermare quello che noi riteniamo. A questo proposito Vi invito a segnalare i vostri casi in modo da fare il più possibile presente alle autorità competenti il danno che si è venuto a creare.
    E speriamo bene

  65. bigno 26 ottobre 2012 at 19:07 - Reply

    ciao dario come vuoi che segnaliamo i nostri casi su questo sito o altro? Cosi so di altre persone e vedo di segnalarli questa cosa by by:)

  66. Dario 26 ottobre 2012 at 23:56 - Reply

    Se volete potremmo pubblicarle qui, poi segalo alla Dott.ssa Zadro questo sito . Servono pochi dati, il comune , la potenza dell’impianto, da quando e autorizzato e se uno vuole puo raccontare la sua personale disavventura.
    Grazie a tutti ciao

    • Stefano Caproni 27 ottobre 2012 at 12:15 - Reply

      Ciao Dario, se volete posso scrivere due righe in un articolo lunedi, lamentando questo problema, in modo che ognuno possa fornire indicazioni sul suo impianto.
      Fatemi sapere

  67. Dario 27 ottobre 2012 at 12:20 - Reply

    perfetto, se riusciamo a fare un po di massa secondo me ce la facciamo. Ho sentito l’onorevole Bratti, e mi ha confermato che lo spirito dell’articolo 8 comma 7 e esattamente come noi lo stiamo interpretando. Lui ha presentato una interrogazione urgente al Governo. La prox settimana dovremmo saperne qualcosa di più. ciao e grazie a tutti

    • Stefano Caproni 27 ottobre 2012 at 12:25 - Reply

      Ok, lunedi scrivo due righe, nei commenti inseriamo solo notizie sui nostri impianti, in modo che se qualcuno viene a leggere non si perda in mezzo a decine di commenti 😉

  68. Stefano Caproni 29 ottobre 2012 at 09:33 - Reply

    Ciao.
    Ho pubblicato l’articolo per le segnalazioni
    ———–
    http://newsenergia.com/conto-energia-tariffe-gse-lege-122-comuni-sisma-emilia-1029.html
    ———–

  69. silvio 11 novembre 2012 at 17:45 - Reply

    Sulla Gazzetta di Mantova di ieri venerdì, è apparso un articolo di metà pagina con il titolo : ” Fiducia sul nuovo decreto. Salvo il bonus sul solare”. da quel che c’è scritto nel disegno di legge per la conversione del decreto legge sui Costi della politica (174/2012) è previsto uno slittamento dei termini per ottenere gli incentivi. “Gli impianti alimentati da fonti rinnovatbili già autorizzati alla data del 30 settembre 2012- dice in sintesi il provvedimento-accedono agli incentivi vigenti alla data del 6 giugno 2012, qalora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013”,. Il riferimento è a quegli impianti che si trovano nei comuni terremotati. Purtroppo non dice altro, e non ho trovato ancora niente sul web che faccia riferimento a qesto disegno di legge. Comunque i ddl di conversione si avvia a ottenere il primo dal Parlamento martedì e poi ci sarà il passaggio al senato che potrà ulteriormente modificare il testo. Se qualcuno sa altri particolari ringrazio già da ora.

    • Stefano Caproni 11 novembre 2012 at 19:32 - Reply

      Ciao Silvio, grazie per le info.
      Mi pare di capire che abbiano spostato la data di autorizzazione a fine settembre (questa non l’ho capita, non capisco che senso abbia spostare la data autorizzativa al fine di ottenere i benefici, a una data successiva all’evento sismico).
      Ma a parte questo, la cosa da capire è come intende comportarsi il GSE. Ovvero a quale decreto dovranno essere iscritti gli impianti autorizzati (che erano stati pensati per il 4° conto energia) visto che molti se dovessere sottostare al quinto conto non avrebbero i requisiti e dovrebbero sottostare al registro. Inoltre con il quarto conto si poteva accedere al beneficio dlelo scambio, con il quinto no. Insomma un po di confusione, oltre al fatto che ho notizia che alcuni impianti hanno fatto richiesta di conto energia indicando di essere in un comune nell’elenco dei comuni che potevano usufruire dei benefici, ma nella lettera di avvio incentivo la tariffa proposta del GSE era quella alla data di allacciamento, ovvero secondo semestre in luogo del primo semestre. Mah……….come solito, grande chiarezza 😉
      Ne abbiamo parlato anche qua 😉
      http://newsenergia.com/conto-energia-tariffe-gse-lege-122-comuni-sisma-emilia-1029.html

  70. bigno 11 novembre 2012 at 19:50 - Reply

    CIAO A TUTTI si silvio quello che dici è tutto vero è l’emendamento dell’onorevole bratti di cui parlava dario.Ora ho scaricato da internet il testo parla di modifica del terzo periodo e sposta la data al 30 settembre per gli autorizzati. Dario se ci sei parla con bratti se riescono visto che al senato si puo modificare di fare piu chiarezza al testo perche il gse interpreta: gli incentivi vigenti al 6 giugno o 30 settembre sono riferiti al 4 conto energia quindi se mi allaccio a marzo 2013 devono darmi il 1 semestre 2012 o il 1 semestre 2013 dove mi sono allacciato effettivamente? Le ultime due righe della 122 riguardano tutti gli impianti, visto che nell’emendamento di bratti parla di modifiche riguardanti il 3 periodo, e modifica solo le ultime 2 righe allora vuol dire che la legge 122 è fatta di tre periodi.altrimenti non avrebbe senso cambiare solo la parte finale chiamandolo (3 periodo)

  71. bigno 11 novembre 2012 at 20:44 - Reply

    ciao silvio credo che abbiano spostato la data per aiutare gli edifici crollati o danneggiati che per ricostruirli dopo il sisma hanno fatto richiesta di un impianto foto che li aiutasse nel pagare i danni, comunque spero facciano chiarezza in questa nuova legge su quale conto energia sara la tariffa e se qualsiasi impianto autorizzato

  72. bigno 11 novembre 2012 at 20:53 - Reply

    dimenticavo so per certo di aziende che hanno fatto richieste di impianti foto dopo il sisma autorizzate prima del 30 settembre ciao

  73. Dario 11 novembre 2012 at 20:58 - Reply

    Certo Bigno già fatto, comunque io so che ci sono stati contatti tra il legislatore ed il GSE per fornire chiarimenti esattamente sul concetto di terzo periodo. Ora vediamo come evolve la situazione ma il GSE con cui sono in contatto mi pare che ultimamente abbia attenuato di parecchio i toni. Stiamo a vedere.

  74. bigno 12 novembre 2012 at 07:49 - Reply

    bene, sull’art. che dice silvio parla che l’on. carra del pd di mn si sta occupando anche lui di questa cosa, so come contattarlo e sicuramente conoscera bratti, chissa che in due cercheremo di spiegargli il problema.Domanda ma al 30 settembre che conto energia c’è…… se non chiariscono in quale conto andiamo dentro e la tariffa andiamo tutti nel 5 e quindi bisogna iscriversi, con quella data si rischia piu caos di prima? ciao

  75. bigno 13 novembre 2012 at 19:16 - Reply

    ciao dario sto contattando l’on. carra,cerchiamo di spiegargli che i punti in discussione sono due , il terzo periodo cosi tutti gli autorizzati sono a posto e il conto energia ( 5 o 4) e la tariffa specificando se vale o no l’allaccio dell’impianto grazie ciao

  76. bigno 23 novembre 2012 at 12:23 - Reply

    ciao dario,novita’ sull’emendamento di bratti? .Io nessuna per ora anche per colpa delle primarie del pd spero la settimana prossima di avere notizie

  77. Dario 23 novembre 2012 at 13:54 - Reply

    Ciao Bigno, non ho nessuna novità credo per le stesse ragioni, comunque mi sembra di aver capito che al senato verrà posta la questione di fiducia quindi l’emendamento Bratti dovrebbe passare così come lo conosciamo. ciao a presto

  78. bigno 3 dicembre 2012 at 19:04 - Reply

    ciao a tutti almeno le primarie sono finite.Ora speriamo che qualcuno dia chiarimenti.In questi giorni ho sentito di tutto(megavat in discariche dismesse con autorizzazioni pre terremoto che andranno nel 4 1 semestre) . spero solo che i piu furbi e veloci non vincano su veramente chi è stato danneggiato. la cosa che non capisco è come almeno tu stefano non riesca ha fare l,impianto. SE avete notizzie a presto

    • Stefano Caproni 3 dicembre 2012 at 19:15 - Reply

      Aspetto una risposta dal GSE.
      L’impianto verrà fatto a Gennaio, ho chiesto se posso iscrivere al quarto conto, in quanto con il quinto sarebbe da registro.
      Appena mi rispondono vi dico. Che macello……….. 🙁

  79. Dario 3 dicembre 2012 at 23:41 - Reply

    Ciao a tutti, domani e posta la fiducia al senato sul dl enti locali + terremoto in cui c’è l’articolo che interessa a noi.
    Poi dovrebbe esserci un altro passaggio alla camera e poi dovrebbe essere finita.
    speriamo buono

  80. silvio 4 dicembre 2012 at 11:18 - Reply

    Il mio impianto è stato attivato la settimana scorsa, (l’ avevo iscritto intanto al 5′ conto pe non rischiare di rimanerne completamente fuori).
    Ora aspetto che passi la legge al senato (cosa ormai scontata) per poter ottenere in virtù del comune terremotato il 4′ conto.

  81. bigno 4 dicembre 2012 at 13:12 - Reply

    bene …. forza e coraggio speriamo in bene.Oggi mi dicono che se voglio una risposta dal gse devo mandare una raccomandata pec e in 48 ore mi devono rispondere.IO avevo gia mandato una pec e anche una raccomandata con rr quella lettera scritta dal,avvocato dove chiedevo che il mio impianto rientrava nella legge 122 e chiedevo essendo iscritto al 5 la tariffa del 4 conto.La raccomandata è stata protocollata ma chiamando il numero verde gse mi dicono che nn dovevo inviarla a quel ufficio ma di mandare una mail al chiarimenti fotovoltaico gse.Ora vichiedo se sapete qual’è l’indirizzo pec dove iviarla correttamente grazie ciao

  82. bigno 4 dicembre 2012 at 13:16 - Reply

    ciao silvio tra quanto tempo saprai qualè la tariffa e se accetteranno il terremotato

  83. Dario 4 dicembre 2012 at 15:06 - Reply

    Il dl enti locali è in votazione in questo momento al Senato con la fiducia, facendo i dovuti scongiuri dovrebbe essere tutto a posto. L’unico problema e il passaggio che deve fare ancora alla camera e deve essere approvato entro il 9 dicembre. Non si finisce mai di soffrire

  84. silvio 4 dicembre 2012 at 17:26 - Reply

    x bigno. Purtroppo non so niente in merito. Se qualcuno mi può far sapere esattamente cosa dice il testo del dl relativamente al fotovoltaico nelle zone terremotate, lo ringrazio fin d’ora

  85. bigno 4 dicembre 2012 at 18:50 - Reply

    dovrebbe eseere quello del’articolo sul giornale che avevi letto tu.Parla di terzo periodo e sposta la data al 30 settembre ciao

  86. bigno 6 dicembre 2012 at 19:37 - Reply

    ciao dario sai se l’emendamento è passato al senato?TU sai quanto deve aspettare silvio su quale tariffa il gse gli dara’ visto che si è allacciato adesso?.Sicuramento lui è uno dei primi casi che fara’ strada anche per noi.Comunque so per certo che il 4 conto energia è chiuso quindi dove prende i soldi il gse? Dal governo, ma’in quale fondo? ciao a tutti

  87. Dario 6 dicembre 2012 at 21:27 - Reply

    Ebbene si oggi il fantomatico articolo 8 comma 7 e stato sostituito in questo testo “il terzo periodo è sostituito dal seguente : gli impianti alimentati da fonti rinnovabili già autorizzati alla data del 30 settembre 2012 accedono agli incentivi in vigore alla data del 6 giugno 2012, qualora entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2013.” Questa modifica è importante in quanto ha un doppio effetto stabilisce una volta per tutte che quello era il “terzo periodo” della legge, e poi sposta il termine al 30 settembre per cui non può avere nulla a che vedere con gli immobili oggetto di sgombero.

  88. Dario 6 dicembre 2012 at 21:40 - Reply

    La votazione è avvenuta oggi non con poche fibrillazioni visti i casini politici del momento, ma è passata con voto di fiducia alla camera.

  89. Dario 6 dicembre 2012 at 21:41 - Reply

    Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, recante disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate nel maggio 2012. Proroga di termine per l’esercizio di delega legislativa (Approvato dalla Camera e modificato dal Senato). (C. 5520-B) (vedi fascicoli di seduta stampati)

  90. bigno 7 dicembre 2012 at 08:12 - Reply

    bene speriamo serva, sei stato bravo penso sia merito tuo.Ora secondo tè lella legge 174 dovrebbero esserci i soldi per gli impianti, ho dato una letta veloce ma non ho visto niente. ma il c.5520-b cos’è? ciao e grazie ancora

  91. bigno 14 dicembre 2012 at 07:25 - Reply

    ciao dario volevo dirti che tramite conf.agr.il ministero dello sviluppo economico ha inviato al gse una nota in cui viene confermata la nostra interpretazione sulla legge 122 (indipendentemente dalla presenza di danni agli edifici). Ora manca solo l,ultimo passaggio che il gse dica dove prende gli incentivi (5 conto quindi registroo fondo terremotati)Oggi vedo il collega di bratti vediamo se sa qualcosa. TU notizie nuove ne hai? ciao ha presto Autorizzo stefano di darti la mia mail Grazie e ciao a tutti

  92. Dario 14 dicembre 2012 at 12:18 - Reply

    Ciao Bigno, mi dicono quelli di Aper che il GSE gli ha comunicato che tra qualche settimana emetteranno una correzione alla lista del V conto energia e in quella sede comunicheranno quelli che hanno diritto secondo loro al IV causa terremoto. Anche questo mi sembra un modo di procedere alquanto bizzarro. Anche se capisco che questo gli risolve il problema di dove reperire i fondi in quanto li stornerebbero dai costi del quinto. Secondo te quel documento del MSE e possibile averlo oppure e una cosa riservata tra gli enti e quindi non possiamo averlo. Fammi sapere

    Ciao a presto

  93. bigno 14 dicembre 2012 at 19:59 - Reply

    ciao dario sono appena tornato dall,incontro con on. carra gli ho spiegato che il ministero ha detto al gse che sta sbagliando l,interpretazione della legge e chiarisce una volta per tutte che tutti gli impianti autorizzati prima del terremoto hanno diritto indipendentemente dalla presenza di danni agli edifici.Lui in questi giorni chiama bratti per cercare di fare chiarezza sui fondi dove andranno allacciati questi impianti .Per lui è scontato che è il 4 conto 1 semestre il ministero ha fatto chiarezza sulla legge .Ora insieme cercheranno di fare pressione al gse che chiarisca una volta per tutte.Ora tornando ad aper il gse come fa sapere quali impianti sono terremotati nel v se nno sono ancora allacciati?Ho guarda il comune dove si trova l,impianto che lo vedi dal registro?E gli impianti non iscritti come stefano cosa devono fare?IL documento è sul Corriere Agricolo della Lombardia di conf.agri, sono stato oggi da conf. mn per farmi spiegare, loro dicono che è tutto vero ma sto cercando di aver conferme da conf lombardia. Se vuoi chiedi a stefano la mia mail cosi te lo giro se non puo dartela la scrivero’ qua su .Non molliamo perche qualcosa sta succedendo ciao

  94. Stefano Caproni 14 dicembre 2012 at 20:07 - Reply

    Ciao Dario e ciao Bigno, vi ringrazio delle informazioni che state dando, non intervengo perchè ne so meno di voi, quindi è giusto che raccontate voi come procedono le cose 😉
    Volevo solo dirvi che vi leggo ovviamente ogni volta che scrivete 😉

  95. bigno 14 dicembre 2012 at 20:59 - Reply

    mi sono dimenticato,ma la correzzione della lista secondo tè la dara’ il gse sul sito o la dara’ aper ciao

  96. Dario 14 dicembre 2012 at 23:17 - Reply

    CIao Bigno, andando in ordine, la correzione della lista la emetterà il GSE sul suo sito, a detta loro entro l’anno. Per quel che riguarda come fa a sapere il GSE chi è nella zona terremotata, mi ricordo che quando mi sono iscritto alla lista del quinto ho barrato alcune caselle che mi chiedevano se l’impianto si trovava in zone terremotate.

  97. Dario 14 dicembre 2012 at 23:20 - Reply

    Se puoi mandarmi quella documentazione la mia mail è dario.trombetta@yahoo.it mi faresti una grossa cortesia
    Ciao e grazie,
    e speriamo bene

  98. Franco 15 dicembre 2012 at 11:01 - Reply

    Scusate, volevo chieder i cosa si intende impianto “autorizzato”, cioè è’ l’autorizzazione comunale o cosa?

    • Stefano Caproni 15 dicembre 2012 at 13:07 - Reply

      Si, le autorizzazioni (pernmessi di costruire) o le comunicazioni in edilizia libera che non richiedono risposta da parte degli enti.
      Quindi a parte i casi particolari, le comunicazioni fatte al comune relative all’installazione dell’impianto fotovoltaico.

  99. bigno 15 dicembre 2012 at 18:18 - Reply

    ciao dario hai ricevuto la mail ,nella prima colonna mi sembra chiaro.Cerca di sapere anche tu magari da Bratti se è veritiero. Speriamo quanto detto da aper sia vero sara’ un’attesa interminabile.Sto verificando se il tecnico ha barrato le caselle terremotate nell’iscrizione al registro buon fine settimana a tutti

  100. Franco 15 dicembre 2012 at 21:37 - Reply

    Stefano grazie e complimenti a te e agli altri per la competenza. Un’altra domanda, per riprendere l’investimento sospeso occorre chiedere un nuovo preventivo all’Enel o basta accettare quello ante-terremoto anche se sono passati più di 45 giorni?

  101. bigno 16 dicembre 2012 at 10:03 - Reply

    per franco, non so se enel ti riaccetta la tica precedente devi chiedere al tuo tecnico ma io insisterei per farlo perchè cosi hai tutte le autorizzazioni prima del terremoto e il gse non puo’ obbiettare.Fare un nuovo preventivo puo’ essere rischioso perche la legge parla di autorizzati , in teoria dovrebbe essere solo l’autorizzazione del comune,questo pero’ è solo il mio parere e bisogna accertare se la tica deve essere antecedente ciao

    • Stefano Caproni 16 dicembre 2012 at 10:23 - Reply

      Ciao Franco, ti ha già risposto Bigno, sono d’accordo con lui, quando si parla di autorizzazioni si parla di CIL, SCIA, DIA etc. La data della domanda di connessione non dovrebbe avere alcun peso, ma come dice Bigno………..quando si parla di conto energia e GSE meglio non dare nulla per scontato. Anche se mi sento di dire che quando si parla di impianto autorizzato nessuno ti può venire a raccontare che si tratta di impianto con domanda di connessione già fatta. Però meglio approfondire. In ogni caso dubito che Enel ti riattivi la vecchia domanda, non è un’opzione prevista dal TICA mi pare.

  102. silvio 16 dicembre 2012 at 20:46 - Reply

    Se non erro, il Gse dall’ elenco del 5′ conto energia, può già estrapolare un 1′ elenco di impianti autorizzati. Gli basta prendere la colonna della data di autorizzazione e quella del comune di appartenenza (avendo un po’ di pazienza lo possiamo fare pure noi). Da quell’ elenco non sono poi così tanti (in provincia di mantova ad es. dovrebbero essere un numero inferiore ai 10 impianti).

  103. bigno 18 dicembre 2012 at 20:37 - Reply

    ciao a tutti, l’uscita della lista sembra venire da piu’ voci speriamo in bene,rimane il problema di chi non si è iscritto al 5 conto, anche se la legge parla di un tempo che duri fino ol 31/12/2013.Ora vi chiedo, il conto energia è arrivato a 6,5ml il limite è 6,7 e poi scade dopo 30 giorni, come si farà se il conto energia finisce ma i terremotati hanno tempo ancora un anno? Speriamo in questa lista almeno avremo un precedente cosi che altri possano farlo

  104. Dario 18 dicembre 2012 at 23:31 - Reply

    Ciao, nel caso del terremoto dell’Abruzzo il secondo conto energia e durato molto di più è i fondi venivano prelevati dalle bollette, è anche vero che su quel conto energia non c’erano limiti di spesa. Teniamo anche conto però che manca ancora una notevole revisione delle liste del quinto conto.

  105. Stefano Caproni 19 dicembre 2012 at 12:44 - Reply

    Io non ho ancora capito dove e come iscrivere il mio impianto che dovrebbe ripartire a gennaio 🙁

  106. bigno 19 dicembre 2012 at 19:15 - Reply

    ciao stefano,penso che se il gse pubblica la lista dei terremotati sara’ anche per tè un punto a tuo favore.Credo dovrai aspettare che riaprano ancora il registro ,perche il gse non puo’ sapere quanti impianti sono ancora da fare nelle zone terremotate se non si erano iscritti con il 1 registro di settembre.Nel caso non riapra un nuovo registro si dovra fare ricorso alla legge 122 e ultimo decreto , quindi ho fai l’impianto e quando chiedi la tariffa dici che sei terremotato ,o fare richiesta al gse prima di farlo sperando che nei prossimi mesi (vedi silvio che è gia allacciato, iscritto e aspetta che gli diano la tariffa terremotato) un impianto entri nella tariffa terremotato, csi c’è un precedente.Ricorda che i terremotati hanno tempo ancora um anno secondo la legge,ma se il conto energia finisce dove ti mettono.Cercheremo insieme a Dario di informare i nostri contatti e porgergli il tuo caso

    • Stefano Caproni 19 dicembre 2012 at 19:36 - Reply

      Il problema come sai è che il mio è uno smaltimento amianto da 85kW, quindi non so se attendere il registro oppure diminuirlo a 50 e andare avanti senza registro.
      Perchè con questa ultima opzione sono ovviamente molto più tranquillo.
      Se avete dritte fatemi un fischio, e grazie per l’aiuto 😉

  107. bigno 19 dicembre 2012 at 19:21 - Reply

    credo anche che comunque c’è una legge dello stato e credo che lo stato dovra dare i fondi al gse o dirgli come fare perche non puo fare differenza fra terremotati.Spero si sia capito ciao

  108. bigno 23 dicembre 2012 at 10:50 - Reply

    Buon natale a tutti e speriamo sia un buon anno.ciao

    • Stefano Caproni 24 dicembre 2012 at 10:44 - Reply

      Ciao Bigno, grazie per gli auguri e buon Natale a tutti voi 😉

  109. BIGNO 14 gennaio 2013 at 19:10 - Reply

    Ciao a tutti.le ultime notizie dal gse sembrano positive ,l’ultima legge approvata ha portato chiarezza e il gse ha recepito il terzo periodo il quale parla di impianti autorizzati al 30 settembre 2012 anche senza ordinanze di sgombero,bastano le autorizzazioni comunali e tica.Per quanto riguarda la tica ci stiamo informando con certezza se serve antecedente il 30 settembre.L’icentivo sara del primo semestre 2012 (quarto conto energia) .L’impianto deve essere allacciato entr il 30/12/2013,secondo le nostre fonti non importa se il conto energia finirà prima,ma ci accodiamo al conto energia,ma bastera dire al gse,al momento dell’allaccio che l’impianto è in comune terremotato.Comunque è meglio cercare per ogni impianto una comunicazione scritta dal gse che confermi quanto detto prima.CIao

  110. silvio 15 gennaio 2013 at 12:18 - Reply

    Salve ragazzi: ho appena chiamato il gse, la quale mi ha detto che oltre a mandare una mail a rinnovabili@gse.it spiegando la situazione, mi ha pure detto (dopo una verifica veloce perchè lei non si occupa di normative) che in qualsiasi caso per poter accedere al 4′ conto energia deve esserci l’ ordinanza di sgombero. Chiedo a Bigno: la notizia relativa “anche SENZA ordinanza di sgombero” da chi in Gse ti è stata comunicata, e se Gse ha intenzione di mandare un comunicato o qualcosa che spieghi esattamente questo aspetto che ovviamente è fondamentale. Mi ha pure che per quanto riguarda le risorse per il 4′ conto non hanno problemi (ci sono pure risorse per impianti che fanno riferimento al 3′ conto energia). In caso di risposta affermativa alla mia richiesta, devo inviare la rinuncia al 5′ conto energia e poi iscrivermi al 4′ conto. buona giornata a tutti

  111. BIGNO 15 gennaio 2013 at 20:18 - Reply

    Ciao Silvio,prima cosa lo dici anche tu, chi ti ha dato questa notizia non si occupa di normative,io ho avuto una mail dal gse su mie chiare domande,loro mi dicono che in base alla legge 213/2012 art.11 ho diritto all’incentivo 1 semestre 2012 4 conto energia se allaccio l’impianto entro il 31/12/2013.La legge è chiara e parla di, al terzo periodo impianti autorizzati al 30/09/2012 accedono alle tariffe del 4 conto energia,in comune terremotato.L’ordinanza di sgombero non esiste piu ,perche grazie a Dario e all’on.Bratti che la redata ,hanno spostato la data a settembre e il terremoto era in maggio.Quindi mi devono spiegare chi ha fatto l’autorizzazione in settembre ,come puo’ accedere se è dopo il terremoto.Comunque io non mi cancello dal 5 conto per ora, prima mi danno la tariffa terremotata e poi mi cancello anche se si cancella da solo se non faccio l’impianto entro 1 anno dal registro.Poi non mi risulta che bisogna va iscriversi al 4 conto energia,questa come afferma non si intende di normative.Comunque il sito che mi ha risposto è FER CAR gse rinnovabili@gse.it Ho incontrato gente anche oggi ci sono banche che hanno gia finanziato impianti con solo le autorizzazioni con addirittura senza tica,Ma tu non hai detto che il tuo impianto è in comune terremotato e appellati alla legge 213

  112. BIGNO 15 gennaio 2013 at 22:10 - Reply

    Ciao Silvio,la risposta è stata scritta via mail dal gse su precise domande che gli ho posto via mail,una di queste diceva che i miei edifici non avevano avuto danni,ma mi trovo comunque in comune terremotato.So di una discarica in comune terremotato che sta iniziando un impianto da 12 mw,mi devono spiegare che ordinanza di sgombero se non ci sono edifici .Avevo chiamato ilgse piu’ volte ma al telefono non mi sapevano dire niente,se ti scrivono è diverso perche carta canta.Comunque non daranno nessun chiarimento ,nessuno sa spiegare perche ilgse faccia cosi’,gli stessi politici sono pronti nel caso non rispettino la legge213 di fare un ricorso al tar,forse c’è qualcuno ,vedi salva alcoa 2 che non vuole che tanti impianti terremotati gli rubino il posto, ma per noi i fondi ci sono come dici tu.Ma scusa tu l’impianto non l’hai gia fatto,il tuo tecnico ha fatto riferimento alla legge 122 con modifica con la 213.Ma poi è stato il gse ha dirti che ti devi cancellare dal 5 conto ,a voce o con una mail,perche io gli ho detto che ero iscritto al 5 conto ma loro non mi hanno detto di cancellarmi .
    Ciao

  113. silvio 15 gennaio 2013 at 23:11 - Reply

    il mio tecnico non ha fatto nessun riferimento a nessuna legge o norma che sia, sto cercando di muovermi io. Il gse mi ha detto di inviare la mia richiesta con la motivazione, nel momento in cui dovessero rispondermi (come a questo punto credo e spero) affermativamente, mi devono dare la possibilità di iscrivermi al 4′ conto e di cancellarmi dal 5′. Domani scrivo e vediamo cosa rispondo. Mi piacerebbe sapere se c’è qualcuno con l’ impinato attivato che ha già avuto il 4′ conto nonostante. appena so qualcsa vi faccio sapere. saluti

  114. BIGNO 16 gennaio 2013 at 07:40 - Reply

    Prova ad usare la mail che ti ho scritto ,a . mè in giornata hanno risposto ciao

  115. BIGNO 16 gennaio 2013 at 13:46 - Reply

    CIAO ,QUASTE MATTINA MI HANNO CONFERMATOTUTTO,,LA FINE DEL 5 CONTO ENERGIA NON INTERESSA I COMUNI TERREMOTATI,E L’ORDINANZA DI SGOMBERO NON SERVE,MA SERVONO LE AUTORIZZAZIONI PRIMA DEL 30 SETTEMBRE.CONFERMA AVUTA DA MAIL DEL GSE SU SPECIFICHE DOMANDE

  116. silvio 16 gennaio 2013 at 15:03 - Reply

    Bene, ho inviato anch’io la mail, vediamo come mi dicono di procedere. a tutt’oggi la mia pratica non è ancora stata chiusa per problemi del portale Gse (questo mi sta dicendo il tecnico che mi segue ). Grazie

  117. bigno 21 gennaio 2013 at 12:56 - Reply

    Ciao Silvio novita’ dal gse?

  118. silvio 21 gennaio 2013 at 13:06 - Reply

    Ciao Bigno, ho inviato martedì scorso la mail, a cui mi ha risposto una mail FERCAR Gse il giorno dopo dicendomi che la mia richiesta è stata opportunamente segnalata all’ Unità Gse di competenza, mi hanno dato un cod. cliente e un ticket. A te da quel che mi avevi detto sembra che avessero risposto subito e penso che tu gli abbia chiesto le stesse cose che ho scritto io riguardo della legge 213.

  119. silvio 22 gennaio 2013 at 15:40 - Reply

    Ho chiamato oggi per scrupolo il Gse: l’ interlocutrice mi ha confermato che essendo il mio impianto in un comune terremotato, anche se non l’avevo comunicato ed avendo l’ autorizzazione prima del 30/09/2012, mi verrà sicuramente dato l’ incentivo del 4′ conto energia. Ora devo solo aspettare di sapere (quando mi risponderanno ed è questione di qualche giorno mi ha detto) come di dovrò muovere. ci sarà un comunicato da parte del Gse.

  120. bigno 22 gennaio 2013 at 19:11 - Reply

    Silvio è già qualcosa.Tu dovresti essere il nostro apri pista visto che sei allacciato .Speriamo bene .
    Stefano non abbiamo tue notizie cosa ne pensi.Ciao

  121. silvio 22 gennaio 2013 at 19:45 - Reply

    Le indicazioni che mi sono state date (che come ricordo sono solo al telefono) non essendo ancora ufficiali, sono ancora da prendere con le pinze. Al mio tecnico (me l’ha detto poco fa) ad esempio ieri sempre il Gse hanno detto esattamente il contrario. Quindi l’ unica cosa che ci resta da fare è avere ancora una volta pazienza e attendere conferme e dei comunicati da parte del Gse.

  122. bigno 24 gennaio 2013 at 19:25 - Reply

    Ciao Silvio
    forse ho capito qual’è il tuo problema.
    Oggi dal gse ho ricevuto tramite un mio tecnico che quanto detto prima è tutto confermato,ma il gse sta provvedendo ad adeguare, seguendo le regole del 4 conto,l’applicazione informaticax consentire il corretto invio delle richieste per impianti in zone terremotate,sembra che ha breve esca.Tieni duro e mai mulà ciao

  123. bigno 24 gennaio 2013 at 19:29 - Reply

    Ciao Stefano non ti sentiamo piu hai cominciato l’impianto?

    • Stefano Caproni 24 gennaio 2013 at 20:57 - Reply

      Ciao Bigno, leggo tutto 😉
      Lavori di sistemazione capannone finiti e agibilità arrivata da poco o imminente, i lavori inizieranno tra qualche giorno direi, vi tengo informati 😉

  124. silvio 25 gennaio 2013 at 17:11 - Reply

    Ieri mi è arrivata la risposta del Gse, che mi ha comunicato di iscrivermi al 4′ conto energia avendo cura di barrare la pertinente casella “Impianto fotovoltaico, ubicato nelle zone colpita dal sisma del 20 maggio 2012, distrutto o oggetto di ordinanze sindacali di sgombero in quanto inagibile totalmente o parzialmente”.. successivamente potrà rinunciare al 5′ conto. (dovrò attendere la valutazione positiva della mia richiesta al 4′).Quest’ oggi il tecnico che mi segue ha effettuato il collegamento e tra i documenti che dobbiamo procurare non c’è nulla che fa riferimento a inagibilità e sgombero. E anche un loro tecnico a cui ieri ho telefonato per chiedere rassicurazioni, mi ha detto di lasciar perdere la scritta dopo il 20 maggio 2012, perche non è stata ancora aggiornata in base all’ ultima legge 213,e di proseguire la registrazione. (La convers. è stata registrata). Forse stiamo cominciando a vedere un po’ di luce in fondo al tunnel..

  125. Stefano Caproni 25 gennaio 2013 at 19:13 - Reply

    Ciao amici, impianto a terra autorizzato entro il 30 settembre 2012, in comune terremotato e in cessione totale (quindi grande impianto).
    La domanda è immaginabile, si può fare qualcosa o lascio perdere ?

  126. bigno 25 gennaio 2013 at 19:27 - Reply

    Ciao ste,se la tica è attiva , se si trova in qualche discarica, SI. Ne parte uno dalle tue parti da 12 megavat.Se non è in discarica deve rispettare le regole del 4 conto,ma la tica deve essere attiva,mi sembrava che si potesse fare ancora a terra in agricoltura,ma devo controllare ,dammi qualche notizia in piu dove è collocato.
    Silvio paghi una cena alla fine
    ciao

    • Stefano Caproni 25 gennaio 2013 at 19:38 - Reply

      Ciao Bigno, lotto per insediamenti industriali.

  127. bigno 25 gennaio 2013 at 20:19 - Reply

    ma la tica è attiva?

    • Stefano Caproni 25 gennaio 2013 at 20:25 - Reply

      Preventivo accettato a luglio e TICA attiva, ho provato ad inserirlo sul portale del quarto conto, lo inserisco in stato di progetto, ma quando arrivo alla data presunta di entrata in esercizio mi dice di inserire una data entro il 12/2012.
      Boh…..

  128. bigno 25 gennaio 2013 at 21:01 - Reply

    Secondo mè,avevi tempo 1 anno,2012, per fare l’impianto,ecco perche non la prende,ma tu sei terremotato e quindi (potresti) starci, bisogna aspettare che il gse ti apra il portale dei terremotati come diceva silvio.
    Vatti a leggere:DL n.1/2012 art 65 comma2 e poi DL 28/2011 art10 commi 4,5,6:In aree agricole si puo fare sicuro,la cosa che non so se uno puo vendere l’impianto e titolo autorizzativo ad un agricoltore.La cosa che non trovo e gli insediamenti industriali .Comunque aspetta eventualmente il partale terr. ciao

    • Stefano Caproni 25 gennaio 2013 at 21:07 - Reply

      Grazie Bigno, in ogni caso l’impianto parte a prescindere, era nato come impianto senza CE, sono io che mi pongo questi problemi perchè se posso far qualcosa per il cliente lo faccio volentieri 😉

  129. bigno 26 gennaio 2013 at 07:50 - Reply

    Tanto meglio,prova contattare Dario lui nel settore industriale ne sa piu’ di me’, Ciao

  130. claudio 27 gennaio 2013 at 16:44 - Reply

    12,5MW perfettamente e totalmente autorizzati prima di giugno 2012, tica attive, da realizzare nel 2013 in zona terremotata su pensiline e edifici in ex base militare (di proprietà privata). Posso accedere alle tariffe IV conto senza nessuna iscrizione a registro? Per fare questo basta iscriversi al portale del IV conto? entro quando devo farlo? Grazie a tutti.

    • Stefano Caproni 27 gennaio 2013 at 17:15 - Reply

      Secondo me devi iscriverti al quarto conto, quando hai finito l’impianto. Magri aspetta il parere di Bigno e Dario che sono più dentro il discorso di me.

  131. claudio 27 gennaio 2013 at 17:17 - Reply

    Un grazie a Stefano Caproni per le risposte e per aver messo a disposizione questa preziosa discussione. Ing. Claudio Galuppini

    • Stefano Caproni 28 gennaio 2013 at 20:24 - Reply

      Ciao Claudio,
      grazie a voi che riempite questi spazi di notizie e consigli utili 😉

  132. claudio 27 gennaio 2013 at 17:19 - Reply

    Grazie anche a Bigno e Dario ovviamente. Attendiamo aggiornamenti. Spero di darvene anche io.

  133. claudio 27 gennaio 2013 at 18:04 - Reply

    Chiedo perfavore a Bigno e Dario se possono contattarmi via mail per scambiarci i numeri di cellulare, in questo modo potremmo mettere assieme tutte le nostre conoscenze. Poi potremmo fare un aggiornamento completo della situazione su questo forum. mia mail res@nanoride.it

    • Stefano Caproni 27 gennaio 2013 at 18:07 - Reply

      Volentieri Claudio, se qualcuno riesce a fare un sunto delle informazioni certe o quasi certe, possiamo scrivere qualcosa (tipo un approfondimento con tutte le indicazioni per chi si trova in difficoltà).

  134. claudio 27 gennaio 2013 at 18:28 - Reply

    La mia mail ce l’ho messa, fatevi avanti anche voi. Io e te stefano siamo amici su facebook visto che siamo 2 motociclisti 🙂 Claudio Galuppini

  135. Alberto 27 gennaio 2013 at 18:51 - Reply

    Ciao a tutti anch’io avrei bisogno di confrontarmi con voi perchè dovevo realizzare un impianto sopra al tetto di un capannone dichiarato inagibile con tica accettata e pagata e non so a questo punto cosa fare. Possiamo metterci in contatto per scambiarci informazioni? Potremmo attraverso la mail scambiarci i numeri di telefono. Questa la mia mail e20nuovi@libero.it

    • Stefano Caproni 27 gennaio 2013 at 19:02 - Reply

      Per i numeri di cellulare non ci sono problemi, magari parliamone anche qua in modo che possano leggere tutti, se siete d’accordo, fermo restando che se uno si vuole confrontare al telefono può fare come crede, ci mancherebbe 😉

  136. bigno 27 gennaio 2013 at 19:18 - Reply

    OLA,OGGI è DOMENICA!!!!!! A spanne, credo claudio che dovrai pagare non una cena ma una settimana in sardegna a Dario se oggi si puo’ sperare ancora di fare questi impianti.Comunque per mè è si,segui le regole del 4 conto e ora che finisci l’impianto il gse dovrebbe aprire l’applicazione informatica per i terremotati, la tica e il per. comunale sono le cose piu’ importanti che hai piu’ autorizzazioni hai meglio è, perche’ tu puoi dimostrare che prima del terremoto avevi intenzione di fare l’impianto.Ti consiglio di cominciare a bombardare il gse di mail di chiarimento sul tuo impianto , prova con la mail che avevo dato il 15/01/13 su questa pagina la mia mail
    cortesempione@gmail.com ciao

    • claudio 27 gennaio 2013 at 20:51 - Reply

      🙂 Noi abbiamo tutte le autorizzazioni alla costruzione e alla connessione (TICA, STMG, autorizzazione provinciale cavidotto, cabine) tutte entro giugno 2012

  137. Alberto 27 gennaio 2013 at 19:31 - Reply

    Non parliamo del Gse…delle tre mail che ho mandato mi hanno risposto solo una volta dicendomi che avevano preso in esame la mia domanda e che mi assegnavano un numero…Ciao Bigno ti mando il mio cellulare via mail poi giustamente se ci sono novità le riporto qua a favore anche di altri

  138. bigno 27 gennaio 2013 at 19:48 - Reply

    Io dal gse ho avuto tutte le mail(3) ha tutte le domande di chiarimento sul mio impianto e confermando tutto senza ombra di dubbio ,sara’ culo,(impianto su edificio senza ordinanze di sgombero,autorizzazioni e tica attiva prima del 30/09/ 2013 VEdi legge 213 /2012,incentivo 4 conto energia 1 sem. 2012 , e siamo eslusi dal conto energia perche ci accodiamo non serve iscriversi da nessuna parte ciao

  139. Stefano Caproni 27 gennaio 2013 at 19:51 - Reply

    Magri lo sapete, ma vi ricordo di tenere soto controllo tutta la documentazione necessaria a comunicare l’avanzamento lavori. Come sapete occorre iniziare i lavori entro un anno (BT) o 18 mesi (MT) dalla data di accettazione del preventivo. Per cause di forza maggiore (direi che il terremoto lo è) queste tempistiche possono essere aumentate, ma entro i 12 o i 18 mesi occorre (se non si è iniziato) comuncare ad Enel le cause, e aggiornare semestralmente sull’avanzamento lavori.

  140. claudio 27 gennaio 2013 at 20:47 - Reply

    puoi passarmi le mail Bigno?

  141. bigno 28 gennaio 2013 at 08:56 - Reply

    buon giorno,claudio l’ho già scritta ieri guarda piu’ su.Stefano hai ragione tutto vero ottimo consiglio per la cabina enel

  142. Claudio 29 gennaio 2013 at 07:29 - Reply

    Ciao Bigno, potresti passarmi le 3 mail?

  143. claudio 29 gennaio 2013 at 09:45 - Reply

    Ho chiamato Call center GSE e ho trovato finalmente persona preparata. Appare ormai certo IV conto per gli impianti in zone terremotate. Adesso il dubbio è: serve anche l’iscrizione a registro IV o V conto? La 122 non lo chiede ma il call center GSE dice di si. ma secondo me il call center su questa cosa non è sicuro. Voi che dite sul dilemma del registro per gli impianti ancora in progetto?

  144. silvio 29 gennaio 2013 at 09:51 - Reply

    Io ho appena effettuato la registrazione al IV conto energia (mi ero già iscritto pure al V), come dettomi dal gse per email. Poi occorre aspettare che diano l’ ok.

  145. claudio 29 gennaio 2013 at 09:54 - Reply

    Mi puoi passare l’email perfavore? res@nanoride.it il tuo impianto sarebbe stato sottoposto a registro nel IV conto? quanti kWp è?

  146. claudio 29 gennaio 2013 at 11:20 - Reply

    Su consiglio del gentilissimo Silvio ho provato a fare l’iscrizione sul portale GSE del mio impianto da 4,16MW (impianto da 12,5MW diviso in 3 da 4,16MW): non me la accetta perchè mi dice che la graduatoria del registro IV conto energia è chiusa. Ho provato a iscrivere un 199kWp (sotto la soglia per cui è necessario il registro nel IV conto) e me lo accetta. A questo punto mi pare che vale il IV conto solo per chi non ha bisogno di iscrizione a registro oppure per chi ha bisogno e ne è in possesso. Potete darmi qualche speranza dicendo che sbaglio 🙂 ?

  147. Alberto 29 gennaio 2013 at 12:57 - Reply

    Ciao Claudio puoi mandarmi la tua mail vorrei chiederti alcune cose sulla mia situazione. Questo il mio indirizzo: e20nuovi@libero.it

  148. claudio 29 gennaio 2013 at 14:57 - Reply

    Nota divertente. Io e Bigno abbiamo scoperto essere “vicini” di casa. E poi con Rodigo ho un rapporto davvero speciale, ho 2 figli da 1MW ciascuno la.

    • Stefano Caproni 29 gennaio 2013 at 19:17 - Reply

      Ciao Claudio, beh diciamo che se ci interessiamo di impianti “terremotati” di sicuro non siamo più lontani di un centinaio di chilometri, sempre che non siate studi tecnici che hanno lavorato a distanza 😉

  149. claudio 29 gennaio 2013 at 15:24 - Reply

    Resta il nodo della necessità aver iscritto nel 2012 a registro IV conto gli impianti su edificio sopra il MW e gli impianti a terra sopra i 200kW

  150. claudio 29 gennaio 2013 at 20:24 - Reply

    io intendevo che abito vicino a Bigno, a 20 km.

  151. Dario 29 gennaio 2013 at 22:51 - Reply

    Ciao a tutti Ragazzi, sono stato via per qualche gg ma mi sembra che non siamo messi malissimo con il GSE. Anzi mi sembra che stia andando bene.

  152. Dario 29 gennaio 2013 at 22:56 - Reply

    Questa e un una risposta GSE ricevuta da un mio amico alcuni gg fa. Qui stiamo parlando di terreno agricolo, quindi anche questo impianto avrebbe dovuto essere nel registro del quarto.

    gli impianti che ricadono nell’ambito di applicazione della L 122/2012, possono richiedere gli incentivi previsti per il 4° conto energia senza iscriversi al registro: al fine di poter usufruire dei suddetti incentivi dovranno essere registrati direttamente sull’applicazione informatica, seguendo le regole del IV conto energia. Le precisiamo che il GSE sta provvedendo ad adeguare l’applicativo informatico al fine di consentire il corretto invio delle richieste.

    La tariffa spettante sarà comunque quella relativa alla data di entrata in vigore della Legge (primo semestre 2012).

    Si specifica che, per gli impianti “già autorizzati” ubicati nelle aree agricole dei territori colpiti dal sisma, i termini per l’entrata in esercizio di cui all’art. 65, comma 2 del D.L. 1/2012 come convertito dalla Legge 27/2012, sono prorogati al 31 dicembre 2013. Resta ferma al riguardo la sussistenza di tutte le altre condizioni inerenti alla data di conseguimento del titolo autorizzativo e quelle di cui all’art. 10, commi 4, 5 e 6 del D. lgs. 28/2011.

    Ad ogni modo il GSE provvederà a comunicare tali Regole sul proprio sito internet.

    La informiamo che il suo codice cliente è…………… ed il numero di ticket associato al quesito in oggetto è……………

    Distinti Saluti,

    • claudio 30 gennaio 2013 at 00:27 - Reply

      riusciresti perfavore a mandarmi a res@nanoride.it la mail del GSE. Te ne sarei riconoscente.

  153. bigno 30 gennaio 2013 at 07:59 - Reply

    Ciao a tutti ,molto bene ora serve solo aiutare alberto, penso che dario possa aiutarlo anche perche abita vicino, sono entrambi di ferrara,io penso che anche lui abbia tutte le carte in regola per entrare, ha lo sgombero e l’inagibilità,la tica attiva ,ma il comune non gli ha dato l’autorizzazione perche l’edificio è inagibile,Questo indica che lui con la tica stava inizziando i lavori ma il terremoto gli ha danneggiato gli edifici e il comune non puo dargli l’autorizzazione.

  154. Alberto 30 gennaio 2013 at 08:30 - Reply

    Ciao Bigno mi piacerebbe avere il tuo ottimismo, molti invece mi hanno dato contro perchè dicono che senza l’autorizzazione del comune non ho diritto a rientrare nei contributi e quindi se voglio fare gli impianti non rientrando neanche nel 5° conto energia, l’unica possibilità è realizzare gli impianti e vendere la sola corrente prodotta. Appena riesco a parlare con Dario sento cosa ne pensa lui. Intanto ti ringrazio dei suggerimenti per la mail da mandare al gse proverò sicuramente anche quella strada sono e vediamo se nella sfortuna qualcosa possa girare in positivo ciao e grazie di nuovo

  155. claudio 30 gennaio 2013 at 08:35 - Reply

    Tassativa autorizzazione comunale. E’ una delle poche cose che dice il decreto il fatto che un impianto deve essere autorizzato. Dario riesci a mandarmi ticket o mail che hai ricevuto dal GSE?

  156. bigno 30 gennaio 2013 at 10:28 - Reply

    Claudio io ho un’altro impianto con solo autorizzazione comunale,secondo quello che dici tu sarebbe sufficente,ma secondo mè senza tica non ho diritto perche non ho lo sgombero o l’inagibilita’.Nel caso di alberto è il contrario lui ha la tica attiva e il comune non poteva dargli l’autorizzazione perche il capannone è inagibile.Ricordo che le autorizzazioni dovevano essere fatte fino al 30/09/2012 con la legge 213/2012.Ma propio in questo periodo stanno uscendo i contributi per i terremotati per aggiustare i capannoni ,quindi alberto aggiusta il capannone poi dopo il comune mi toglie l’inagibilita’ e mi puo’ dare l’autorizzazione per il fotovoltaico.Tre mesi fa erano tutti sicurissimi che se non avevi lo sgombero degli edifici non si poteva fare gli impianti, adesso tutti possono farlo senza sgombero,e l’unico che ha lo sgombero adesso non puo’ piu’ farlo? Portiamo il gse davanti al tar.Non possiamo mollare adesso tutti devono lottare e nessuno deve rimanere fuori.Ciao

    • claudio 30 gennaio 2013 at 10:55 - Reply

      Ci siamo sentiti per mail ieri. Fra l’altro siamo vicini di casa visto che sono di Volta Mantovana e ho fatto 2MW a Rodigo. Sentiamoci per telefono, perfavore. Il mio telefono nella firma della mia mail.

  157. claudio 30 gennaio 2013 at 10:55 - Reply

    Ci siamo sentiti per mail ieri. Fra l’altro siamo vicini di casa visto che sono di Volta Mantovana e ho fatto 2MW a Rodigo. Sentiamoci per telefono, perfavore. Il mio telefono nella firma della mia mail.

  158. claudio 31 gennaio 2013 at 11:49 - Reply

    Bigno ti ho mandato una mail, ciao

  159. bigno 5 febbraio 2013 at 21:08 - Reply

    ciao a tutti finalmente sono usciti i chiarimenti sul sito del gse con relative note applicative per noi terremotati.

  160. Dario 5 febbraio 2013 at 21:41 - Reply

    Ciao a tutti, il GSE ha chiarito definitivamente che diritti abbiamo noi che abbiamo autorizzazioni in zone colpite dal sisma. Sono particolarmente contento perchè le tesi che qui abbiamo sostenuto sono state riconosciute anche se non con poco ritardo.Voglio però ringraziare pubblicamente l’Onorevole Bratti membro della commissione ambiente alla camera dei deputati e l’assessore all’ambiente Zadro del comune di Ferrara che si sono come si dice in gergo “sbattuti” per arrivare al risultato.
    Ciao a tutti

  161. Stefano Caproni 6 febbraio 2013 at 08:43 - Reply

    Grazie a voi Bigno e Dario che vi siete resi disponibili sul portale per dare una mano a tutti 😉

  162. silvio 6 febbraio 2013 at 08:55 - Reply

    Anch’io desidero ringraziare Stefano, per aver aperto questo blog, e tutti coloro che hanno cercato di portare la loro professionalità e conoscenza al servizio di tutti.

  163. Dario 6 febbraio 2013 at 09:54 - Reply

    Cosa ne pensate se organizziamo una bella cena tra una mese o due quando il clima sarà un po più clemente , magari in qualche trattoria di un comune particolarmente colpito dal sisma tipo Medolla. Mi sembra una buona cosa, è così avremo anche modo di conoscerci e scambiarci idee e esperienze.
    Cosa ne pensate ???

    • Stefano Caproni 6 febbraio 2013 at 09:55 - Reply

      Ciao Dario, ottima idea, io ci sono.
      Tra l’altro ti svelo un segreto 😉
      Tu mi hai già visto, sono seduto sulla scrivania di fronte a Pierluigi 😉

  164. Alberto 6 febbraio 2013 at 10:33 - Reply

    Grazie anche da parte mia a Bigno e Dario per l’aiuto e la disponibilità…buona l’idea della cena

  165. Alberto 6 febbraio 2013 at 10:37 - Reply

    Senza farla troppo lunga Il ringraziamento vorrei estenderlo a tutti perchè ognuno con il suo commento e contributo ha in qualche modo aiutato gli altri me compreso 🙂

  166. Dario 6 febbraio 2013 at 10:45 - Reply

    Ma dai Stefano, ti sei svelato solo adesso eheheheheh

    • Stefano Caproni 6 febbraio 2013 at 11:05 - Reply

      Si Dario, non volevo intromettermi, era gisuto che tu parlassi delle tue cose con Pier senza che io ci mettesi il becco 😉

  167. Dario 6 febbraio 2013 at 11:07 - Reply

    Tranquillo nessun problema, l’importante e avercela fatta, vorrà dire che il giro di grappini alla cena è a carico tuo. eheheheh

    • Stefano Caproni 6 febbraio 2013 at 11:20 - Reply

      Ok, il giro di grappe lo pago io 😉

  168. bigno 6 febbraio 2013 at 11:13 - Reply

    Finalmente internet si è connesso io ci sono alla cena sicuramente ,

  169. bigno 6 febbraio 2013 at 12:31 - Reply

    Dario ma se sei astemio…….Comunque voglio ringraziarti ancora per il grande lavoro svolto di quella che sembrava essere una colossale ingiustizia.Ringrazia anche l’onorevole Bratti del pd da parte mia senza il suo impegno non so’ come avremmo fatto.Ringrazio ancora stefano per aver creato questo blog ciao

  170. claudio 6 febbraio 2013 at 16:42 - Reply

    Grazie a tutti ragazzi. Anche se questi pochi giorni di mancata risposta del GSE mi hanno fatto perdere la progettazione di un 12,5MW. Sono casi della vita, come era arrivato dal nulla se nè andato nel nulla. Bigno non ti ho piu’ sentito ne piu’ ricevuto nulla, se hai bisogno chiama, ciao

  171. giuseppe 16 luglio 2013 at 17:15 - Reply

    salve a tutti ma alla fine gli impianti dovevano essere iscritti al registro del Iv conto?

    saluti

    • Stefano Caproni 16 luglio 2013 at 17:26 - Reply

      No 😉
      ———–
      Tutti gli impianti contemplati nel presente documento, che rispondono alle definizioni di impianti realizzati o già autorizzati, non hanno l’obbligo di iscriversi al Registro per accedere agli incentivi e, pur concorrendo al raggiungimento del costo indicativo cumulato annuo degli incentivi di 6,7 miliardi di euro, sono comunque ammessi agli incentivi vigenti alla data del 6 giugno 2012 anche se sia stato raggiunto il limite di costo stabilito dal Decreto.

  172. nanoride 28 marzo 2014 at 14:20 - Reply

    Ragazzi sapete che c’è stata la proroga al 31.12.2014? A tal proposito sapete come si può dimostrare il nesso causale nei comuni dove è richiesto? http://www.gse.it/it/salastampa/GSE_Documenti/Conto%20Energia%20interventi%20in%20favore%20delle%20popolazioni%20colpite%20dagli%20eventi%20sismici.pdf

    • Stefano Caproni 31 marzo 2014 at 10:50 - Reply

      Ciao.
      Io non sono a conoscenza di nessuna proroga. Non ho capito cosa intendi per nesso causale. Puoi spiegarti meglio ?

  173. Alberto 31 marzo 2014 at 12:49 - Reply

    L’ultimo intervento di nanoride mi ha ricordato la mia vicenda andata male. Ricordo all’amico Bicio che non sono riuscito a risolvere nulla. Avevo l’autorizzazione dell’Enel ma avendo avuto il capannone inagibile per il terremoto non avevo fatto la comunicazione in Comune entro il 30/09/2012. Mi è mancato uno schifosissimo numero di protocollo per rientrare nel 4° conto energia come avevo diritto. Poi gli aiuti per il terremoto dalla regione li ho avuti solo a metà dicembre quindi non sarei neanche riuscito a realizzare l’impianto entro il 31/12/2013, non c’è che dire pura sfiga al 100%…ciao Bicio

  174. nanoride 22 aprile 2014 at 14:11 - Reply

    Nel decreto destinazione italia è previsto che gli impianti installati in zone terremotate autorizzati alla data del sisma prendono la tariffa IV conto energia se connessi entro il 31.12.2014, proroga di un anno quindi.

  175. Alberto 22 aprile 2014 at 20:09 - Reply

    A me risulta che la proroga valga solo per gli impianti della pubblica amministrazione. Mi dici dove hai preso di preciso questa notizia?

  176. nanoride 23 aprile 2014 at 08:28 - Reply

    c’è nel decreto destinazione italia, ma chiedo conferma a voi perchè sono girate varie versioni dell’articolo del decreto che tratta di questo

  177. Alberto 23 aprile 2014 at 12:15 - Reply

    Io ho trovato solo un riferimento agli impianti della pubblica amministrazione che hanno avuto la proroga per il 4° CE al 31-12-2014 ma nessun altro riferimento per gli altri impianti già autorizzati delle zone terremotate, per quelli la scadenza rimaneva il 31-12-2013

  178. nanoride 23 aprile 2014 at 12:26 - Reply

    Grazie Alberto controllo anche io. Ma il post di Gianni che senso ha?

    • Stefano Caproni 23 aprile 2014 at 12:35 - Reply

      Nessun senso, forse non è molto pratico e risponde sempre agli ultimi commenti, indipendentemente dal posto in cui siano. Li cancello 😉

  179. gianni 23 aprile 2014 at 12:42 - Reply

    ?? Io non pratico? Ma saresti in grado di suddividere un pannello da 36v a 12. Come ho fatto io? Io ho fatto un’impresa magari anche tu ci riesci. Cm q grazie ho risolto da solo.

    • Stefano Caproni 23 aprile 2014 at 12:56 - Reply

      Gianni tranquilizzati, ho scritto non pratico di questo forum perchè stai scrivendo in posti che non c’entrano nulla, in questo articolo ad esempio si parla degli incentivi nelle zone terremotate, e in mezzo ai discorsi su incentivi e agevolazioni c’era la tua risposta su celle tensioni e correnti. Non mi sarei mai permesso di dirti che non sei pratico di cablaggio moduli fotovoltaici. Non ti conosco nemmeno.

  180. gianni 23 aprile 2014 at 12:55 - Reply

    E poi come fai a dire che nel mio caso i diodi non mi servono? Se non limitato la batteria si scarica velocemente lasciandola al pannello. Quindi mi sa che sono più pratico di te! I diodi servono sempre!!!!!!! Buon a giornata in generi.

    • Stefano Caproni 23 aprile 2014 at 12:58 - Reply

      Ciao Gianni,
      scusami, a me non interessa molto sezionare pannelli, forse non hai capito in che forum sei e di cosa si parla qua. Questo NON è un forum dove si litiga (mai successo) è un portale dove professionisti e non si confrontano su temi legati alle rinnovabili, al fotovoltaico, etc
      Non è un sito dove si parla di fai da te o di esperimenti con i moduli fotovoltaici, si parla di progettazione di impianti e tematiche legate alle normative del caso. Tutto qua

  181. gianni 23 aprile 2014 at 13:11 - Reply

    Ok allora scusatemi.

  182. Roberto 12 maggio 2014 at 17:56 - Reply

    Mi è arrivata un offerta di un affitto di copertura con in mano tutte le autorizzazioni per l’impianto fotovoltaico in zona terremotata con diritto del conto energia (non so quale). Occorre solo andarlo ad installarlo mettendoci il materiale.
    Quindi ora ho appreso che c’è chi dici che c’è il conto energia per impianti avviati prima del sisma nelle zone terremotate.
    Però non riesco a trovare riscontri.

    • Stefano Caproni 14 maggio 2014 at 21:13 - Reply

      A me risulta che il termine era il 31 dicembre 2013, ovvero impianto autorizzato entro settembre 2012, da allacciare entro il 31 dicembre.
      Fatti dare un riferimento normativo-legisaltivo da chi ti ha fatto l’offerta, se mai ci fosse.

  183. claudio 14 maggio 2014 at 21:27 - Reply

    decreto milleproroghe articolo 2

    • Stefano Caproni 14 maggio 2014 at 21:43 - Reply

      Mi fido, ho provato a leggerlo e dopo il terzo rimando di articoli da un decreto all’altro mi son rotto le balle 😉

  184. claudio 15 maggio 2014 at 15:42 - Reply

    e invece non fidarti, siamo qua apporta per confrontarci 😀

  185. Alberto 16 maggio 2014 at 09:42 - Reply

    Non ho ancora gettato nel ces..tino la possibilità per il mio caso (fare l’impianto fotovoltaico con gli incentivi del 4° conto visto che avevo ottenuto il permesso dell’Enel prima del terremoto ma con l’inagibilità del capannone su cui realizzarlo non avevo fatto comunicazione in Comune) sto ancora cercando nel decreto milleproroghe se lo spostamento della data per realizzarlo è stata realmente spostata dal 31/12/2003 al 31/12/2014 per gli impianti autorizzati anche privati (quelli pubblici sono sicuro di sì perchè l’ho letto per quelli privati non ho trovato ancora niente) nelle zone terremotate. Nel frattempo il geometra del mio Comune mi ha detto che non è più necessaria l’autorizzazione del comune che poi era una semplice comunicazione (Legge 15 del 2013 art. 7) paragrafo m) non c’è più bisogno della autorizzazione-comunicazione al Comune. Secondo voi a questo punto potrei far bastare come titolo autorizzativo alla data del terremoto per realizzare l’impianto col 4° conto energia la sola autorizzazione dell’Enel come titolo autorizzativo per realizzare l’impianto?

    • Stefano Caproni 16 maggio 2014 at 19:16 - Reply

      Secondo me no.
      La domanda di connessione non basta.
      Non è un titolo autorizzativo.
      In ogni caso perchè non chiedi al GSE ?

  186. Alberto 16 maggio 2014 at 19:48 - Reply

    Purtroppo negli anni (dalla fine del 2012) non sono mai riuscito ad arrivare a parlare con qualcuno del Gse. Non sono servite mail normali o anche mail certificata. Avevo anche richiesto un contatto telefonico ad una fiera del settore presso lo stand del Gse perchè nessuno fra i presenti sapeva darmi una risposta poi anche telefonando mi davano un numero di pratica a cui non hanno mai risposto… ci vorrebbe come al solito in Italia la conoscenza del politico giusto cosa che fino ad ora non ho trovato…

  187. Alberto 17 maggio 2014 at 11:12 - Reply

    Devo provare di parlare con qualcuno che conta al GSE se no non ci caverò mai niente..anche se ormai dovrei mettermi il cuore in pace e chiuderla così

  188. claudio 17 maggio 2014 at 11:17 - Reply
    • claudio 17 maggio 2014 at 11:18 - Reply

      spero da voi che ci siano conferme e integrazioni ragazzi, dai pressiamo il gse

  189. Stefano Caproni 17 maggio 2014 at 11:28 - Reply

    Ottimo, ovviamente l’impianto deve essere autorizzato mi pare alla data del 20 settembre 2012 o giù di lì 😉

  190. Alberto 17 maggio 2014 at 18:50 - Reply

    Qualcuno ha delle dritte da darmi anche in privato per arrivare a parlare con qualcuno che conta al GSE? I soliti canali non hanno funzionato…

    • Stefano Caproni 21 maggio 2014 at 07:40 - Reply

      Ciao Alberto, io purtroppo non conosco nessuno del GSE

  191. Alberto 21 maggio 2014 at 08:53 - Reply

    Grazie comunque Stefano

Scrivi un commento