Le emissioni di gas serra da parte dell’Unione europea si è ridotto del 2,5%

Secondo le nuove stime dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA) le emissioni di gas serra da parte dell’Unione europea si è ridotto del 2,5%, nonostante il più alto consumo di carbone e una crescita del prodotto interno lordo. Le emissioni sono scese ancora nei 15 Stati membri, con un impegno comune nell’ambito del protocollo di Kyoto, che ha permesso di abbassare del 3,5% le emissioni di gas serra tra il 2010 e il 2011. Sulla base di queste stime le emissioni sono calate di circa il 17,5% rispetto al 1990, con l’Unione Europea che si  al di sotto (14%) del livello dell’anno di riferimento ai sensi del protocollo di Kyoto.

Le ragioni principali della diminuzione delle emissioni sono state un inverno più mite nella maggior parte dell’Unione europea, che ha portato a una domanda inferiore per il riscaldmento da parte dei nuclei domestici, e ridotti consumi di gas naturale. Il consumo di energia rinnovabile ha continuato ad aumentare nel 2011, ed ha contribuito al calo delle emissioni. Anche il settore dei trasporti ha contribuito alla riduzione delle emissioni per il quarto anno consecutivo.

Fonte: http://www.eea.europa.eu

Scrivi un commento