Il risparmio energetico attraverso lo sviluppo delle “Smart Grids”

L’abbattimento dei gas serra è ormai di fatto uno degli obiettivi principali a livello mondiale. Questo obiettivo non passa solo attraverso la conversione e progressiva sostituzione dei combustibili fossili con le fonti rinnovabili, ma anche attraverso un piano di sviluppo delle reti di distribuzione dell’energia. Il risparmio energetico non può prescindere infatti dall’ottimizzazione delle reti e dalla riduzione delle perdite energetiche dovute a malfunzionamenti degli impianti o apparecchiature obsolete e “poco adatte” ad un efficace risparmio energetico.

In quest’ottica si collocano  ai primi posti lo sviluppo tecnologico e l’implementazione delle “Smart Grids”. Le Smart Grids sono reti intelligenti che coniugano l’utilizzo di tecnologie tradizionali con soluzioni digitali innovative, rendendo la gestione della rete elettrica maggiormente flessibile grazie a uno scambio di informazioni più efficace. In poche parole provate ad immaginare una rete intelligente dove l’energia è dove serve e quando serve.

L’integrazione in rete delle energie rinnovabili è una delle applicazioni più immediate, unita all’utilizzo di apparecchiature elettroniche che permettono un costante monitoraggio della rete al fine di permettere l’immediata ricerca di guasti e di soluzioni orientate al miglioramento della qualità del servizio di erogazione dell’energia elettrica. Il costante aumento degli impianti di produzione sta inoltre creando non pochi problemi alle reti pensate per erogare energia, e che invece molto spesso assorbono solamente energia dagli impianti di produzione, con l’inserimento in rete di una serie di variabili che devono ora essere attentamente valutate (in quest’ottica le norme CEI 0-21 stanno intervenendo in modo davvero importante, nei confronti dei dispositivi  di generazione di energia elettrica, ma ne parleremo in un prossimo approfondimento).

In questo sistema, in continua evoluzione, l’utilizzatore della rete diventa protagonista e parte integrante di essa, grazie all’utilizzo di supporti elettronici che rendono trasparenti i consumi,  incentivano la sua partecipazione attiva nel mercato dell’energia, promuovono un uso razionale della stessa. Enel ha cominciato da tempo questo percorso verso una Smart Grid efficiente e di alto livello qualitativo, si pensi ad esempio ai contatori elettronici che ormai sono il 90% di quelli installati nel nostro paese.

In quest’ottica, le Smart Grids saranno implementate con una serie di dispositivi all’interno delle case e nelle città , come ad esempio l’Enel Smart Info, un dispositivo che permette di accedere comodamente da casa alle informazioni sul consumo di elettricità registrate dal contatore elettronico e che avvisa il cliente nei momenti in cui consumare costa di meno, orientandolo verso comportamenti più sostenibili.

Altro si sta già sperimentando nelle città. E’ in corso in europa il progetto pilota Smart City con alcune città (Genova e Bari in Italia) che testeranno  in un unico modello urbano la possibilità di far interagire la tutela ambientale, l’efficienza energetica e la sostenibilità economica attraversol’evoluzione della rete elettrica, l’illuminazione pubblica e gli edifici intelligenti, la gestione della domanda attiva, l’integrazione della produzione di energia da fonti rinnovabili, la mobilità elettrica e l’elettrificazione dei porti, il coinvolgimento delle comunità.

Le Smart Grids migliorano la qualità del servizio. I costi operativi si abbassano, la competitività degli operatori di rete aumenta. Ci sono vantaggi per la sostenibilità ambientale e per l’intero sistema, che risulta più accessibile e affidabile. Gli impianti di produzione di energia, e quindi tutti gli utenti attivi, svolgeranno in questo percorso un ruolo fondamentale, e già da Luglio 2012 si muoveranno i primi passi con l’entrata in vigore integrale della norma CEI 0-21.  L’energia dove serve e quando serve, un obiettivo che forse non è così lontano.

Sotto un simpatico video di Enel Distribuzione che descrive in pochi minuti le Smart Grids, vere e proprie reti intelligenti, e gli interventi che Enel Distribuzione sta implementando sul territorio Italiano

 

Scrivi un commento