Riduzione delle emissioni di CO2: partnership strategica tra Enel e General Electric

Enel Distribuzione (società che gestisce oltre l’85% della rete elettrica di distribuzione italiana) e General Electric, hanno raggiunto un accordo di partnership strategica che durerà sino al 31 dicembre 2014.  L’accordo è finalizzato allo sviluppo di progetti di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni di CO2 sul territorio nazionele. General Electric serve il settore dell’energia fornendo soluzioni tecnologiche e servizi che si basano sull’impegno per la qualità e l’innovazione.

 

Le due aziende sono in procinto di avviare diversi progetti di sviluppo e di innovazione, sia dal punto di vista tecnologico che finanziario e gestionale, sfruttando le opportunità e le novità di recente inserite dalle normative incentivanti, con il coinvolgimento di diversi partner in tutto il territorio nazionale. Il tutto mirato ad un abbassamento delle emissioni di CO2.

 

Sandro De Poli, Ad di General Electric Italia, ha commentato: “Questo accordo rappresenta un primo passo di una collaborazione che ci auguriamo sempre più stretta fra due importanti player che risultano complementari nel settore delle energie pulite. Anche per questo motivo la partnership, unendo le grandi competenze tecnologiche di General Electric con la forte presenza sul territorio di Enel Distribuzione, può avere una valenza strategica per il Paese aprendo potenzialità enormi per lo sviluppo di tecnologie green e di sistemi energetici sempre più efficienti in Italia”.

 

Livio Gallo, Ad di Enel Distribuzione, ha commentato: “Ad oggi l’Italia è il paese Ocse più efficiente dal punto di vista energetico. Il nostro primato va difeso e sostenuto anche per garantire il proseguimento del processo virtuoso da tempo avviato, grazie alle politiche adottate e all’impegno messo in campo dalle utilities dell’energia che hanno saputo dimostrare come l’efficienza energetica non è solo un obiettivo, ma anche l’occasione per lo sviluppo di una filiera industriale legata a quei progetti e quelle innovazioni tecnologiche che hanno portato l’Italia al primato nell’area Ocse.

Scrivi un commento