Il fabbisogno energetico delle abitazioni, isolamento termico e tetti ventilati

Sia in inverno che in estate dobbiamo fare i conti con la bolletta dell’energia elettrica e del gas metano per, rispettivamente, riscaldare o raffreddare i locali delle nostre abitazioni.

In quest’articolo  andremmo ad evidenziare quali sono gli elementi che vanno ad incidere sull’aumento o la diminuzione dell’energia (sia elettrica che termica) per ottenere un comfort soddisfacente.

In particolare cercheremo di dare una risposta alle seguenti domande:

  • Che cosa incide sul consumo di energia?;
  • Come si può risparmiare energia?

Alla prima domanda si deve fare riferimento a molteplici fattori: le condizioni generali della casa, l’isolamento termico, la localizzazione geografica nonché le consuetudini degli occupanti. Una recente abitazione con isolamento termico ottimale non esposta completamente a Nord o a Sud e occupata da inquilino scrupolosi è sicuramente più economica da riscaldare o raffrescare rispetto ad una casa con caratteristiche opposte. Anche la presenza dei tetti ventilati è sicuramente un fattore a favore da tener presente.

Seguendo i concetti già enunciati nella precedente risposta saprete già dare una soluzione al problema su “come risparmiare energia”. Risulta importantissimo e fondamentale che l’involucro della nostra abitazione sia adeguatamente isolato e tenuto in perfette condizioni. E’ indispensabile inoltre dotarsi di serramenti ed infissi di ultima generazione per diminuire il consumo di energia elettrica e termica.

E’ quindi evidente quanto sia importante far valutare da appositi tecnici la condizione strutturale della nostra abitazione.

Scrivi un commento