Norme CEI 0-21, le novità della nuova edizione

Tralicci TramontoErano molto attese e sono state pubblicate ad agosto le nuove norme CEI 0-21, ovvero le regole tecniche di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica. Si tratta di una nuova edizione che implementa numerose e sostaziose modifiche. Vediamo le principali novità.

Nel dettaglio la nuova norma recepisce le indicazioni della EN 50438 relativa alla connessione di microgeneratori, ovvero quelli con corrente nominale sino a 16A, quindi mentre la vecchia norma considerava i piccoli generatori come utenze passive (con tutte le semplificazioni del caso), ora anche i piccoli generatori devono sottostare alle regole degli utenti attivi.

La norma EN 50438 riguarda i generatori con corrente nominale sino a 16A e quindi impianti di generazione di potenza 11,08kW se di tipo trifase, con la conseguenza che la potenza massima consentita per poter integrare il DDI (dispositivo di interfaccia) nell’apparato di conversione è elevata a 11,08kW. In breve la protezione di interfaccia esterna (dispositivo dedicato) diventa obbligatoria per potenze superiori a 11,08kW.

Sono state riviste le definizioni di sistema di accumulo. Non tutti i sistemi di accumulo sono da ritenersi dei generatori, gli unici sistemi che non rientrano nei sistemi di accumulo sono gli UPS a servizio della qualità della rete e i sistemi necessari a garantire la continuità della rete.

Per quanto riguarda le protezioni di interfaccia, le verifiche periodiche, oltre a quelle di prima installazione, dovrano essere eseguite ogni 5 anni (3 anni con la precedente norma). Con la nuova norma però i risultati dovranno essere trasmessi al distributore in formato elettronico, secondo le indicazioni del distributore stesso.

Ulteriori indicazioni riguardano la frequenza degli impianti fotovoltaici, o meglio la finestra di frequenze all’interno della quale devono lavorare gli impianti (rimanere permanentemente connessi nella finestra 49-51Hz e 30 minuti negli intervalli 47.5-49Hz e 51-51.5Hz) mentre per quanto riguarda eventuali frequenti disconnessioni dalla rete per massima tensione (110% della tensione nominale, protezione in mediamobile) l’utente puo attivare (previo accordo con il distributore) la funzione di immissione in rete di potenza reattiva.

Al fine di permettere ai produttori di inverter e protezioni di interfaccia di adeguarsi alle nuove disposizioni, le prescrizioni della EN 50438 saranno applicate con tempistiche comunicate da apposita delibera emessa dall’autorità per l’energia.

 

Scrivi un commento