Anche Pisa vuole essere Smart City: l’alleanza con Enel per una città sostenibile

Il progetto Smart Cities approda anche a Pisa, grazie all’accordo firmato dal sindaco della città Toscana Marco Filippeschi e il Direttore della Divisione Infrastrutture e Reti di Enel Livio Gallo. Il progetto Smart Cities coinvolge in Europa le città di medie dimensioni e le loro prospettive di sviluppo. La grande maggioranza della popolazione urbana vive nelle metropoli ma la sfida del progetto Smart Cities è quella di creare i presupposti per una crescita concorrenziale delle medie città (che sembrano essere meno attrezzate in termini di massa critica, risorse e capacità organizzativa) nei confronti delle grandi metropoli.

 

Tra le iniziative per creare città sempre più sostenibili ci sono ovviamente quelle legate alla salvaguardia ambientale e all’interazione tra cittadini, infrastrutture, servizi, mobilità ecosostenibile. In quest’ambito Enel sta svolgendo un ruolo di primo piano in Europa in quanto leader nello sviluppo delle Smart Grids (reti elettriche intelligenti, leggi l’approfondimento). Anche Pisa dunque vuole essere in primo piano nella ricerca della sostenibilità e del concetto Smart Cities.

 

Gli obiettivi principali a Pisa sono la realizzazione di interventi di rete per integrare la produzione da rinnovabili, sviluppo e potenziamento della rete elettrica in ottica ‘smart’ mediante interventi quali la nuova cabina primaria Ospedaletto, il potenziamento degli impianti primari di Visignano e Porta a Mare, nuove cabine secondarie e centri satellite, l’ulteriore sviluppo della telegestione attraverso il contatore elettronico, il rinnovo di tratti di cavi con tecnologie di ultima generazione, interventi di automazione e controllo rete evoluti, l’interoperabilità delle infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica, il coinvolgimento attivo dei consumatori finali con l’Active Demand e la tecnologia Enel chiamata ‘Smart Info, la building efficiency e l’installazione dispositivi efficienti di illuminazione pubblica, l’istituzione di un “Manifesto sulla mobilità elettrica”che coinvolga in un percorso culturale comune cittadini che posseggono un mezzo elettrico anche attraverso la raccolta di informazioni e suggerimenti.

 

“Questo protocollo – ha detto Filippeschi – ci dà la possibilità di essere in rete con le città più avanzante in termini di innovazione, energie rinnovabili, mobilità sostenibile e rafforza la possibilità di accedere a nuovi bandi comunitari. Dopo il progetto e-mobility prosegue il rapporto con un partner importante come ENEL che a Pisa ha uno dei suoi principali centri di ricerca”.

 

“Siamo orgogliosi – ha detto Livio Gallo – di offrire il nostro supporto a Pisa per entrare nel novero delle ‘città intelligenti’ europee, mettendo a disposizione la nostra esperienza nell’uso più razionale dell’energia elettrica e, in particolare, nelle smart grids, settore nel quale Enel Distribuzione è leader in Europa grazie all’innovazione continua sulla sua rete”.

 

(Fonte: Pisanotizie)

Scrivi un commento