Le restrizioni al traffico potrebbero ridurre la minaccia del cambiamento climatico

Una nuova ricerca condotta da un team internazionale di scienziati guidati dal National Center for Atmospheric Research (NCAR), in  Colorado, indica che la Cina , con le restrizioni ai veicoli a motore  introdotta durante i giochi olimpici del 2008, al fine di migliorare la qualità dell’aria, ha avuto il vantaggio collaterale di ridurre fortemente le emissioni di carbonio da anidride tra 26.500 e 106.000 tonnellate. In prospettiva futura gli autori della ricerca fanno notare che questa riduzione di una sola città rappresenta più di un quarto della quantità che si dovrebbe abbattere, per evitare che il pianeta si riscaldi di oltre 2 gradi Celsius entro la fine di questo secolo.

Mentre gli scienziati (ma non solo loro) sanno da tempo che il traffico ridotto consente di ridurre le emissioni di anidride carbonica, le stime precise per un’  area urbana sono difficili da calcolare. “Le Olimpiadi di Pechino del 2008 ci hanno permesso di misurare effettivamente ciò che accade quando le persone guidano molto meno, e abbiamo scoperto che la differenza per il clima, anche in una sola grande città, è sostanziale”, ha detto Helen Worden, membro principale della ricerca. “La gente potrebbe pensare che la scelta di come andare al lavoro non fa differenza, se guidare la propria auto o in sella ad una bicicletta. Ma su larga scala, la differenza la fa davvero.”

Una recente ricerca ha confermato che le limitazioni al traffico della Cina lhanno ridotto con successo i livelli di inquinanti atmosferici come il monossido di carbonio e l’ozono. Helen Worden e i suoi colleghi, utilizzando nuovi metodi nelle osservazioni satellitari e simulazioni al computer, sono stati anche in grado di stimare l’impatto di anidride carbonica, il potente gas serra. I dati provenienti dalle misurazioni sono stati utilizzati per ottenere le stime di monossido di carbonio utilizzate per dedurre le emissioni di anidride carbonica.

Helen Worden ha aggiunto che lo studio non poteva essere applicato alle Olimpiadi di Londra in corso, anche perché le condizioni della superficie a Londra non sono così favorevoli per le misurazioni di monossido di carbonio. Inoltre Londra è molto diversa da Pechino, in termini di controlli sull’inquinamento, e ha già limitato il traffico nel centro della città da diversi anni. (fonte www.jpl.nasa.gov)

Nella mappa sotto la percentuale di riduzione di monossido di carbonio
nel periodo 2007-2008 a Pechino (clicca per ingrandire).

Scrivi un commento