Veleni in provincia di Verbania, quattro ettari di terreni sequestrati dalla Forestale

Un’operazione della Guardia Forestale (Nucleo Investigativo di Verbania, Comando Stazione di Macugnaga e Soccorso Alpino Forestale di Domodossola) su disposizione della Procura della Repubblica di Verbania,  ha posto sotto sequestro alcuni ettari di terreni nelle zone circostanti le miniere d’oro abbandonate della zona della Valle Anzasca, nella provincia di Verbania. Sono state infatti rinvenute quantità rilevanti di prodotti tossici e pericolosi, quali arsenico, mercurio e cianuri. Il sequesto è avvenuto dopo la morte per avvelenamento di alcuni cavalli che si sono abbeverati nella zona.

Le aree delle ex miniere dismesse, sono in parte utilizzate per il pascolo e le coltivazioni, e quindi la loro pericolosità è ancora più rilevante, in quanto rischia di compromettere e contaminare la catena trofica. Nei terreni sequestrati sono state rilevate quantità di sostanze tossiche, anche di 10.000 volte superiori ai limiti di legge (ad esempio arsenico).

Fonte: www3.corpoforestale.it

Scrivi un commento