Wayel Solingo: mobilità ecosostenibile con oltre 115km di autonomia made in Italy

Solingo_2Lo sfruttamento di una risorsa inesauribile e totalmente gratuita come il sole sta alla base concettuale di Solingo, un veicolo ad uso cittadino innovativo, sicuro ed ecosostenibile.

Il costante impegno nella ricerca e nello sviluppo di soluzioni innovative da parte di Wayel, in questo caso in collaborazione con Rinnova s.c.r.l., società di ricerca, partecipata dall’Università di Bologna, ha consentito all’Azienda di progettare un mezzo che rappresenta il futuro della mobilità cittadina, in quanto permette di spostarsi in modo veloce, agile e sicuro, senza inquinare, rispettando l’ambiente e contribuendo a migliorare la qualità della propria vita e di quella degli altri.

E il primo pezzo uscito dalle linee di montaggio non poteva che essere consegnato in omaggio al Comune di Bologna, con una cerimonia che ha visto protagonisti Giorgio Giatti, presidente di Termal, e Andrea Colombo, Assessore alla Mobilità della città felsinea. (settembre 2014, in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile).

Lo stesso stabilimento in cui viene effettuata la produzione di Solingo è concepito in una logica full ZEB (Zero Energy Building), ovvero di autosostentamento energetico. Si tratta del primo esempio in Italia di stabilimento totalmente eco-sostenibile e i prodotti realizzati al suo interno rispecchiano al cento per cento tale presupposto.

Solingo_1Come funziona Solingo ? Nella fase di avviamento, funziona a batteria solare che alimenta il motore anteriore da 250W. In condizione di marcia subentra il motore posteriore (500W), alimentato dalla batteria principale, che raggiunge i 35 km/h. Nel caso in cui la batteria principale si esaurisca, Solingo entra in riserva, in modalità Solar: la batteria utilizzata è solo quella solare e la velocità è ridotta per permettere di arrivare sempre a destinazione. E se la strada è in salita c’è il booster, una funzione azionabile tenendo premuto un pulsante sul manubrio, che permette di utilizzare contemporaneamente il motore anteriore e posteriore; il booster è utile per le salite o per le ripartenze veloci.

Utilizzare Solingo come mezzo di trasporto è anche economico. Il cityrunner costa 2.290 Euro, mentre il costo delle batterie viene rateizzato, consentendo, in pratica, di pagarle con il risparmio derivato del mancato acquisto del carburante. Altro aspetto importante legato alle batterie è la scelta dell’autonomia, e quindi del costo della rata, che viene lasciata al cliente, in funzione delle singole esigenze di percorrenza. Con Solingo si è esenti dal pagamento del bollo per i primi 5 anni ed è possibile usufruire dei contributi statali per i veicoli a basse emissioni complessive; inoltre, come veicolo elettrico, Solingo gode dell’accesso alle ZTL dei centri storici per una mobilità senza barriere.

Wayel, del Gruppo Termal, nata nel 2007 per interpretare una mobilità elettrica leggera e cittadina, nel 2013 ha inaugurato una politica industriale completamente green che si è tradotta con l’avvio di una produzione tutta italiana di Solingo. Solingo fa parte del piano di rilocalizzazione della produzione dalla Cina, che già oggi comprende anche le biciclette a pedalata assistita Futura e Trilogia 2.0. Il piano è stato avviato attraverso la start up Five (Fabbrica Italiana Veicoli Elettrici). Lo scooter elettrico sarà prodotto, a regime, in uno stabilimento industriale energeticamente autosufficiente che sta sorgendo a Bologna, su 7.100 mq e che opererà in una logica full ZEB (Zero Energy Building).

Per maggiori informazioni:
www.termal.it
www.wayel.it
www.fivebikes.it

Altre risorse su Newsenergia
Wayel E-Bit S
Wayel OldTown

Author: Stefano Caproni

Perito Elettrotecnico, mi occupo di progettazione di impianti elettrici, energie rinnovabili, consulenza e progettazione di impianti fotovoltaici. Profilo linkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *