Gli adeguamenti alla delibera 243 e le protezioni di interfaccia CEI 0-21

LovatoStiamo ricevendo moltissime richieste di verifiche con cassetta relè di protezioni di interfaccia CEI 0-21 ai fini dell’adeguamento alla delibera 243. La richiesta è anomala e di solito chiediamo spiegazioni. Spesso la risposta è “…….l’installatore ci ha detto che per adeguare alla Delibera 243 bisogna mettere questa apparecchiatura, questa interfaccia…….e che va verificata…….”

Ricordiamo che nessuna delibera o norma ha chiesto di inserire interfacce esterne CEI 0-21 ai fini dell’adeguamento all’allegato A70, e che le stesse sono da installare solo in rarissimi casi. Probabilmente chi fa queste richieste o non ha ancora capito nulla, o è in malafede e approfitta per fare business.

Quando si parla di fotovoltaico ed energie rinnovabili, ad ogni adeguamento normativo, spuntano come funghi gli improvvisati del mestiere, quindi occorre sempre prestare la massima attenzione. Informatevi sulla rete e sentite più pareri, non gettare al vento i vostri soldi.

Per quanto ci riguarda non facciamo verifiche su SPI CEI 0-21 ai fini della delibera 243 (in quanto la stessa non è necessaria, tranne come detto in rari casi), a meno che non si tratti di una interfaccia in sostituzione di una interfaccia DK5940 (o guida pe le connessioni) deteriorata.

Per ricordarci meglio, Delibera 243:

b) entro il 30 aprile 2015, gli impianti di produzione di energia elettrica di potenza superiore a 6 kW e fino a 20 kW già connessi alla rete di bassa tensione ed entrati in esercizio alla data del 31 marzo 2012. In particolare, in relazione alle prescrizioni relative alla frequenza ivi contenute, in deroga a quanto previsto dal medesimo paragrafo 5 dell’Allegato A70, i predetti impianti dovranno rimanere connessi alla rete almeno all’interno dell’intervallo di frequenza 49 Hz – 51 Hz, fermo restando quanto previsto dai commi 6.3 e 6.3bis.

Author: Stefano Caproni

Perito Elettrotecnico, mi occupo di progettazione di impianti elettrici, energie rinnovabili, consulenza e progettazione di impianti fotovoltaici. Profilo linkedIn

12 commenti a “Gli adeguamenti alla delibera 243 e le protezioni di interfaccia CEI 0-21

  1. Ciaooo Stefano Buona Sera e spero di non disturbarti! Visto il sito e la tua esperienza e professionalità vorrei chiederti un informazione e spero di trovare in te una soluzione in quanto è un mese che sto alla ricerca.
    Ho un impianto fotovoltaico del quale ho fatto delle foto ed in cui ci sono 6 inverter ma nessuna casa costruttrice ne riconosce la paternità e di cui su internet non si trova nulla.
    se ti mando delle foto ed un data sheet che ho trovato mi potresti aiutare?
    – nel caso non si riesca a mettere mani sull’inverter quale soluzione consigli? ad esempio aggiungere una scheda di interfaccia che abbia solgie 49 e 51? sbaglio? non sono elettrotecnico
    ti potrei mandare delle foto sun un email privata
    cordialità e grazie in anticipo

    1. Ciao Giuseppe, non mi disturbi perchè qua posso rispondere quando ho tempo, diversamente dal telefono che squilla 24 ore su 24 😉
      Puoi mandarmi le foto ma se non lo riconosci tu dubito che io possa fare di meglio, comunque manda pure.
      L’interfaccia esterna in questi casi serve a poco se non si possono modificare le frequenze degli inverter.
      In ogni caso con 6 inverter l’interfaccia ci doveva già essere.
      Insomma l cosa va analizzata un po più a fondo.

  2. Salve, sto adeguando un inverter alla delibera 243 e quindi ho impostato le frequenze nel range 49-51 Hz. Volevo sapere se è necessario allegare anche le foto del display nel nuovo regolamento di esercizio o basta la dichiarazione firmata. grazie.

    1. Non è obbligatorio, ma secondo me se le alleghi male non fa. Se devono controllare qualche impianto secondome controllano dove non ci sono documenti a supporto della dichiarazione, è solo una mia idea. nei miei impianti ho sempre inviato foto di tutto, screenshoot dei software, cassetta relè dove c’era, autotest e non ho mai avuto verifiche.

  3. ciao stefano scusami se disturbo avrei un problema con il mio inverter un sunways nt 10000 dovrei fare l’aggiornamento per la trasmissione dei dati il mio installatore mi dice che la casa madre dell’inverter non risponde a nessuna email per avere la password e mi sta chiedendo di cambiare l’inverter che funziona benissimo ora ti chiedo che tu sappia sta password e diversa da un inverter all’altro ?? il mio ha il numero di serie che inizia con 0044A……puoi aiutarmi grazie

    1. Non rispondono più. Da quanto so per gli inverter senza porta di rete non c’è più nulla da fare. Per quelli con porta di rete credo che forniscano la password per il web server integrato al costo di una trentina di euro

  4. Ciao Stefano Grazie per aver risposto none tanto spendere i 30 o 40 euro per avere questa password il problema che non rispondono a nessuna email il centro assistenza in Italia non esiste piu come devo fare per recuperare questa password ….. Grazie

  5. Salve Dott. Caproni, vorrei chiederle un’informazione. Ho un impianto fotovoltaico da 19 kW con due inverter sunways nt 10000. Devo adeguarlo alla delibera 243 ma non ho le password per accedere all’interno degli inveter. Qual’è la procedura per l’adeguamento alla delibera? Come si può procedere?
    Cordiali saluti.

    1. Occorre scrivere una mail al servizio sunways che invia le password, e ora mi pare che lo faccia a pagamento.
      Sono fuori ufficio e non ricordo la mail, ma la trovi in altri articoli, magari digita sunways nella casella di ricerca del BLOG
      Gli inverter devono essere dotati di scheda di rete a bordo, altrimenti mi sa che si possa fare poco
      Inviando la mail al service occorre chiedere password per il web server integrato inviando matricola degli inverter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.