Enel, connessione impianti. Da luglio solo on-line

Dal 1 luglio 2012, le domande di connessione di impianti di produzione alla rete di Enel Distribuzione potranno essere inviate esclusivamente con la procedura on-line. Già da luglio 2011 Enel aveva inserito tra le modalità di inoltro, la possibilità di utilizzare una casella di posta certificata. Tutti i documenti, dalla domanda di connessione agli allegati, potevano essere inviati in formato PDF alla casella pec di Enel Distribuzione, compreso il regolamento di esercizio in caso di autocertificazione per impianti di potenza inferiore a 20kWp.

L’invio è inoltre ancora possibile tramite il servizio di posta ordinaria con raccomandata RA, ma Enel ha comunicato che da Luglio 2012 l’unica modalità possibile per l’invio sarà la procedura on-line (niente più posta ordinaria,  mail certificata o consegna a mano).

Da una sommaria analisi sembrerebbe un miglioramento, e tecnicamente lo è, ma forse sarà un po più complesso gestire l’iter di connessione, ad esempio da parte di uno studio tecnico o di un professionista che agisce per conto del proprio cliente, la procedura con posta certificata era certamente più semplice.

In un prossimo articolo cercheremo di approfondire gli aspetti legati alle nuove procedure on-line, e di analizzare il funzionamento del portale dedicato ai produttori.

Vi consigliamo inoltre di scaricare (anche se con qualche mese di anticipo) la guida al portale, in modo da arrivare preparati al momento in cui si potranno inviare le domande di connessione per gli impianti di produzione solamente con la procedura on-line, oltre a farci sapere le vostre opinioni ed esperienze in merito alle nuove modalità.

Author: Stefano Caproni

Perito Elettrotecnico, mi occupo di progettazione di impianti elettrici, energie rinnovabili, consulenza e progettazione di impianti fotovoltaici. Profilo linkedIn

1.576 commenti a “Enel, connessione impianti. Da luglio solo on-line

  1. La domanda che mi pongo, vista la non chiara specificazione nella guida, è se per ogni cliente, del quale si richiede la connessione, bisogna ripetere sempre la procedura di iscrizione al sito e quindi l’attesa delle specifiche password….!!!

    1. Buongiorno Dario, abbiamo approfondito con alcuni contatti in Enel. La domanda di connessione è a carico del produttore (come del resto quella cartacea) e quindi l’iscrizione al portale va fatta con i dati e con la mail del produttore.

      Abbiamo provato a simulare una domanda di connessione, ed effettivamente quando si procede non vi è possibilità di inserire dati anagrafici diversi da quelli dell’iscrizione perchè i dati vengono prelevati in automatico dai dati di iscrizione.

      Quindi va fatta una iscrizione per ogni produttore, poi lo stesso produttore può inoltrare domande di connessione per i suoi impianti sul territorio nazionale.

      La possibilità per un tecnico/ditta/professionista di gestire la connessione di più produttori esiste, ovveri ci si iscrive (come tecnico/ditta/professionista) e nella prima fase di iscrizione della domanda si spunta la casella che ci identifica come mandatari con rappresentanza, a quel punto possiamo indicare i dati del soggetto per il quale stiamo presentando la domanda, in quel caso la stessa procede con i dati del produttore. Dobbiamo però essere in possesso di Procura Notarile da parte del produttore. Il documento va caricato nella pagina dedicata al caricamento dei documenti al fine di poter procedere con questa modalità.

      Di fatto a mio avviso (ma ribadisco che è una mia opinione) si può anche fare in altro modo. Creiamo una mail insieme al cliente/produttore dedicata alla connessione, con i suoi dati, in modo che sia noi che il produttore possiamo accedere al portale Enel.

      In fondo i documenti li firma il cliente, la domanda la inolra il cliente, noi possiamo caricarli e gestire la pratica tramite il suo user ID e la sua password potendo anche gestire la sua mail.

      Di fatto tutta la procedura avviene con la sua nuova mail e le sue nuove credenziali, che poi i documenti li carichiamo noi dal nostro ufficio poco cambia.

      Fammi sapere cosa ne pensi, se operi nell’ambiente delle rinnovabili sarai d’accordo con me che ormai bisogna un po improvvisare, ogni settimana cambiano le norme le procedure le modalità di accesso ai portali, etc.

      1. Ciao Stefano,

        a proposito dei commenti al servizio on line.

        Ho avuto modo di riscontrare un servizio inesistente nell’inserimento pratiche durante il giorno (non vengono postate le province, si perde o confonde le pratiche, quelle inoltrare ed accettate te le ritrovi in pratiche da completare..), problema che si risolve a notte fonda. Ho scritto a tutti gli indirizzi da loro segnalati per i problemi tecnici del portale e da tutti ho ricevuto la delivery failure.

        Hai qualche suggerimento, numero utile telefonicoda contattare per risolvere il problema?

        Ti ringrazio

        Simona

        1. Ciao Simona, ti dirò la verità, a parte qualche invio di documenti doppio, non ho mai avuto problemi con il portale Enel, forse sono stato fortunato.
          Per quanto riguarda gli indirizzi sono quelli indicati nella prima pagina all’accesso del portale, mi hanno sempre risposto, almeno per l’Emilia Romagna

      2. La tua risposta è ineccepibile e l’accetto pienamente. Quello che non ti ho detto è che io sono un commercialista e per le questioni fotovoltaiche mi limito a gestire le pratiche (anche quelle Enel però) burocratiche. Per il resto … a volte la vita ti porta a fare delle cose che non ti competono … ti devi arrangiare. Fino ad oggi però non ho mai lasciato solo il cliente di fronte alle avversità del fotovoltaico. Certo è faticoso ma va bene così.
        Comunque grazie molte e proverò a rileggere (perchè, sempre con grande fatica, l’ho già fatto) le CEI 0-16 e 0-21-

  2. ciao, io ho un problema con la registrazione al sito produttori nel senso che al momento di inserire il numero di cellulare a cui far inviare il codice di accesso (per completare la registrazione) non via nulla, non mi arriva nessun sms. Come posso risolverla? Hai qualche numero di telefono a cui chiamare per risolvere il problema?

    Grazie

  3. Ciao Giovanni, credo si tratti di un problema momentaneo. Io ho sempre ricevuto i codici senza problemi. Ma oggi anche io non li ricevo. Tieni presente che il codice che ti viene inviato è in ogni caso sempre valido, ovvero non devi chiederlo ogni volta. Quindi se è la prima volta che accedi, attendi che sistemino il problema (che da quanto vedo è loro e non tuo). Purtroppo al momento non mi pare ci siano numeri di riferimento da contattare per problemi tecnici del Portale Produttori e per assistenza. A meno che non si trovi qualcosa all’interno del portale, ma purtroppo ora non riesco ad accedere proprio come te.

  4. Confermo che anche io non ricevo il pin. Usati tutti i browser più comuni, anche in modalità compatibilità. Ho anche provato a cambiare numero o inserirlo con i prefissi internazionali… nulla da fare.
    Cominciamo bene….

    1. Grazie Domenico per la segnalazione. Hai ragione cominciamo proprio bene. Adesso tra connessioni Enel online e GSE ci diventiamo di sicuro. Era così comoda la posta certificata.., 🙁

  5. L’invio dei codici è tornato operativo, evidentemente si trattava di un problema momentaneo, certo che il sistema è un po farraginoso.

  6. Salve, scusate se mi inserisco nella conversazione.. vi volevo chiedere se secondo la vostra esperienza ad oggi è piu’ conveniente agire come studio tecnico ovvero stipulando una procura notarile per ogni cliente oppure effettuare tante registrazioni quanti saranno i clienti dello studio? in questo caso si evita la procura notarile ma va allegato per ogni cliente il modulo di adesione al portale enel sottoscritto dai clienti?
    Grazie anticipatamente

  7. Ciao Giancarlo, quale intromissione, hai fatto benissimo, anzi spero arrivino altri consigli ed esperienze, perchè come sempre c’è un po di confusione, in questo periodo poi tra le domande di connessione che saranno solo on-line e le CEI 0-21 siamo in balia degli eventi.
    Io ti do la risposta da tecnico e ti dico come intendo procedere (ovviamente d’accordo con il cliente). Creo un indirizzo mail dedicato per la connessione che dirotto anche sulla mia casella di posta così leggo i messaggi appena arrivano, lo comunico anche al cliente e gli do anche le password così puo seguire, l’iter delle pratiche sul portale Enel.

    In questo modo è come se la domanda la facesse il cliente, in questo caso secondo me non ci sono problemi, è come se io dessi i documenti tecnici al cliente e lui li caricasse sul portale Enel. Poi che li carichi lui fisicamente o io dal mio PC poco cambia. Non ho intenzione di perdermi tra procure notarili e altri documenti, altrimenti non ne vengo più fuori.

    Tanto Giancarlo di fatto i documenti che firma il cliente sono responsabilità sua (al di là del fatto che li compili tu), i documenti tecnici sono tua responsabilità, quindi chi li spedisce di fatto poco conta. Utilizzando una mail del cliente (anche nuova) e avendo le password e il nome utente, di fatto fai tutto tu per suo conto.

    Poi ripeto, è la mia opinione, non so se ci siano risvolti legali negativi su come intendo fare io. Fammi sapere cosa ne pensi.

    1. Ciao Stefano grazie per la risposta, ma quindi mi pare di capire che crei ogni volta un nuovo account per ogni tuo cliente? e di conseguenza invii ogni volta un modulo di adesione tramite raccomandata A/R sottoscritto dallo stesso cliente?

  8. Esatto, quando mi reco dal cliente per raccogliere tutti i documenti, lo renderò partecipe del fatto che apriremo un mail per la domanda di connessione e gli farò firmare e spedire il modulo di adesione.
    In ogni caso Giancarlo rimaniamo un po alla finestra, perchè se hai notato nell’ultima versione della domanda di connessione è stata inserita una Dichiarazione sostitutiva di mandato con rappresentanza, quindi da quanto capisco forse non è necessaria la procura notarile, diversamente da quanto indicato sul portale. Io non ho capito questa sfumatura, prova a scaricare la domanda di connessione e fammi sapere cosa ne pensi, o se hai novità, più siamo a cercare di capirci qualcosa e meglio è 🙂

  9. Si da un lato il tuo discorso è comprensibile anche se penso un po macchinoso dover registrare ogni cliente creando un’infinità di email e di password, nello studio con cui collaboro vorremmo iniziare a presentare domande online ma come procuratori a nome del cliente, quindi con un unico account, anche perchè un mio collega si è informato presso enel e gli è stato chiarito che la procura notarile non è necessarea per presentare le domande di connessione a nome dei clienti e che basta una scrittura privata tra le due parti

  10. Grazie per la dritta Giancarlo, se basta solo una scrittura privata tra le parti allora il mio discorso decade, molto meglio fare come dici tu. Vedo che come sempre Enel scrive una cosa e poi ti permette di farne un’altra. Quando ho guardato il portale web e relative istruzioni (un mese fa) era evidente che ti chiedesse la procura notarile. Mglio così mi fido di quello che ti hanno detto in Enel 😉 Grazie Giancarlo

  11. Prego figurati, il problema è che cambiano idea molto facilmente e come dici tu fino ad un po di tempo fa la procura notarile era obbligatoria, insomma diciamo che invece di semplificare il lavoro lo rendono sempre piu complicato… forse è una loro tattica….. mahh

  12. Buongiorno a tutti,
    io ho una domanda probabilmente stupida: ma il modulo di adesione cartaceo a quale indirizzo di Enel Distribuzione SpA va inviato?
    Dipende dal luogo della domanda? ma se il produttore fa domande in diversi luoghi afferenti a diverse unità territoriali?
    Sapete aiutarmi?

    Grazie

  13. Salve.
    Girando un po su internet ho trovato molti forum che parlano di MODULO DI MANDATO CON RAPPRESENTANZA, soluzione ideale per risolvere l’unica parte negativa a mio parere della nuova domanda di connessione. Voi avete qualche notizia di tutto cio?

  14. Ciao Rosario, nel portale Enel si parlava di procura notarile, ma come diceva qualche messaggio indietro Giancarlo Enel gli aveva confermato che bastava una scrittura privata tra le parti, poi Enel ha inserito il modulo allegato alla nuova versione della domanda connessione, quindi a questo punto tutto fa presupporre che non serva la procura notarile ma basta la “Dichiarazione sostitutiva di mandato con rappresentanza” che è allegata alla versione Ver. 4.7 del 20/02/2012 del fac simile di domanda di connessione (scaricabile dal sito Enel).

  15. salve
    Ho provato ad inizio mese ad usare il portale enel per conto di alcuni clienti.
    Per il momento sono perplessa ma vi riporto come ho impostato io la cosa:

    1. mi sono registrata io come “richiedente”
    2. il cliente mi ha firmato una scrittura privata che mi conferisce autorità ad agire a suo nome
    3. ho caricato tutto sul portale compresa questa scrittura.

    cosa è successo:
    la fattura del versamento iniziale per la richiesta del preventivo è a mio nome con riferimento al codice fiscale del cliente e al suo pod
    il preventivo è a MIO nome in qualità di richiedente e fa sempre riferimento al pod del cliente.

    posso firmare tutto io senza portare le carte al cliente. (anche con firma digitale)

    sembra comodo…
    ma c’è qualcosa che non mi convince.

    Spero che il contratto finale sia tra enel e cliente e non tra enel e ME a nome cliente!
    qualcuno ha concluso qualche pratica??

  16. Ciao Monica,
    grazie per le info, io ancora sto andando avanti con la PEC quindi non riesco a darti particolari informazioni. Però anche a me qualcosa non quadra, la fattura dovrebbe essere a nome del titolare della connessione o sbaglio ? Ovvero gli atti o i documenti tecnici tipo il preventivo dovrebbero essere inviati a te, però i documenti amministrativi, tipo fatture etc dovrebbero essere a nome del titolare della connessione. O sbaglio ?

  17. Stefano di giusto, in precedenza anche se anticipavo io la richiesta del preventivo la fattura di quietanza arrivava a nome del cliente.
    Provo ad andare avanti perchè ora i preventivi sono arrivati sul portale (non danno comunicazione via mail che è stato caricato sul portale il preventivo.. questo comporta di controllare costantemente se c’è qualche comunicazione da leggere)
    vi terrò aggiornati sugli sviluppi

  18. Grazie Monica.
    Buffo che non avvisino via mail dell’arrivo del preventivo 🙁
    Come sempre riescono a complicarci la vita, non c’è un minimo di stabilità, le cose cambiano ogni 3 mesi. Forza e coraggio che ce la facciamo 😉

  19. Ma qualcuno di voi è arrivato a caricare il regolamento di esercizio?
    Se si, dove si carica?

    Esperienza di pratiche, con regolamento di esercizio caricato da portale, andate a buon fine?

    1. Interesserebbe saperlo anche a me, io fino a fine giugno vado liscio con la PEC, quindi sfrutterei volentieri le vostre esperienze 😉

  20. su energeticambiente si dice che, per impianti < 20 kW, nella sezione fine lavori è possibile caricare il reg. di esercizio. Superiori in BT leggo tra le istruzioni al portale che sia un documento obbligatoriamente da spedire in originale.

  21. Ciao Matteo, ho chiesto ad Enel e confermo, stessa cosa era (è) con la spedizione tramite PEC, sopra i 20kW il documento va spedito in originale, in alcune provincie (ad esempio la mia, Ferrara) servono anche marche da bollo, in altre, almeno sino a poco tempo fa, non servivano.

    1. ti faccio una domanda.
      Ho accettato un preventivo per un 6 kWp, lavori semplici.
      Caricata la ricevuta sul portale e Allegato A.
      Tutto Ok.

      Ora ho dato anche la fine opere Stettamente necessarie, quella data da cui parte li count down dei 30 gg lavorativi, il portale mi segnala “tutto OK”, NON mi manda la mail di conferma, ma fin qui tutto OK…

      Leggo i dettagli della pratica, delle comunicazioni quindi eventi ed appare:
      Richiesta ricevuta in data 14/03/2012
      Preventivazione avviata in data 14/03/2012
      Preventivo inviato in data 29/03/2012
      Preventivo accettato in data 11/04/2012
      Lavori iniziati in data 11/04/2012

      non appare la fine opere strettamente necessarie.
      Non è che ho saltato una qualche fase???

  22. Credo tu abbia fatto tutto perfettamente Matteo, se hai l’indicazione “lavori iniziati in data 14/04/2011” vuol dire che Enel ha iniziato il conteggio dei 30 giorni.

  23. I programmatori del portale non hanno previsto MP, in ogni caso ogni cosa che scriviamo qua è utile a tutti, quindi nessun problema, in fondo stiamo parlando del nostro lavoro, e lo scopo di questo portale è proprio fare informazione e confrontarci. Poi nel modulo contatti ci sono i miei indirizzi mail se vuoi parlare di qualcosa in particolare.

  24. Mi hanno detto che i cambiamenti relativi al portale sono correzioni e aggiustamenti per poter poi andare a regime al meglio. Una precisazione ovvia ma forse non del tutto: le opere “strettamente necessarie” sono solamente quelle da eseguirsi -non sempre servono- a cura del produttore sul punto di consegna (quindi non l´impianto di produzione): per es. un nuovo vano contatore o uno piu´ grande o un tubo sulla sua proprieta´ e per le quali l´enel resta in attesa di dichiaraz. completamento prima di fare i suoi lavori di connessione che puo´ anche iniziare senza aver ancora ricevuto la fine impianto.

  25. Conermo Vic, sempre meglio ripetere le cose più volte. Se nella specifica tecnica non vi sono opere da fare, contestualmente all’accettazione del preventivo è utile inviare la fine lavori Opere Enel, ovvero l’allegato P1. Prima il documento di fine lavori era unico, ora lo hanno diviso in due documenti, fine opere strettamente necessarie e fine lavori impianto di produzione.

  26. Nella guida enel (ora in pezzi) cé´ l´allegato P vecchio, ma sempre sullo stesso sito enel c´e` anche l´allegato P1 da usare.

  27. Vi consiglio caldamente anche di guardare i regolamenti di esercizio che Enel sta spedendo precompilati, in alcuni di quelli che mi hanno inviato c’erano dei legali rappresentanti che non c’entravano nulla, insomma erano sbagliati.

  28. Qualcun’altro come me sta avendo problemi col caricamento delle pratiche sul portale?
    In particolare non riesco a caricare gli allegati, nel senso che nel momento in cui viene completato l’upload di un qualsiasi allegato, l’allegato stesso non compare tra ciò che è stato caricato. Sto provando da ieri pomeriggio con 4 pc diversi, e lentezza disumana del sito, ma non ho ottenuto nessun risultato finora.
    Ho anche chiamato l’assistenza sul territorio, ma non sanno cosa dirmi, perchè il portale non è loro competenza.

  29. Il mio socio in ufficio ha caricato senza problemi qualche giorno fa, magari aspetta un po, a volte i portali vanno in tilt anche acausa di manutenzione

  30. Anche io ho caricato 2 pratiche due giorni fa, e funzionava senza problemi.
    Purtroppo è da ieri che non funziona, e mi chiedevo se ci fosse un numero da contattare per l’assistenza sul portale.

  31. In caso di problemi col portale scrivo una mail, per conto del produttore, al seguente indirizzo email IR_VSS_gestioneproduttori@enel.com
    Purtroppo non sempre rispondono. Quando lo fanno scrivono due righe da modello per scusarsi del disagio e, cosa per me inaccettabile, non indicano mai una data certa per la risoluzione del problema.
    Al momento il portale ha due grossi problemi:
    1. Non consente di caricare gli allegati
    2. Non invia più notifica via email della ricezione/invio di comunicazioni

    1. Grazie Leonardo per la dritta, non se ne viene più fuori, la posta certificata era diuna comodità incredibile. Io sino al 30 giugno uso quella. A proposito per rimanere in tema, Enel mi sta inviando nuovi regolamenti di esercizio perchè quelli che mi avevano inviato nelle ultime settimane sono vecchi. Ne avevo già compilati un paio…………..mi hanno mandato i regolamnti nuovi, se qualcuno li vuole mi scriva li spedisco via mail……

  32. CONFERMO,
    il portale è andato in tilt, non riesco a caricare gli allegati…
    …anche io ho provato da diversi PC, ho disabilitato antivirus e firewall, ho scaricato vari browser, ma NIENTE!

  33. Salve a tutti,
    da ieri cerco di caricare una domanda di connessione sul portale Enel… Non carica gli allegati. Ho pravato in tutti i modi ma niente. Qualcuno sa dirmi qualcosa in merito?

    1. Ciao Dario, da quello che mi hanno detto alcuni colleghi e da quanto leggo qua, pare che sia un problema “loro” 🙁

  34. Oggi ho saputo una cosa che mi sconvolge: Ho iniziato una domanda di connessione sul portale produttori. Ho ricevuto il preventivo e l’ho regolarmente accettato. Ho costruito l’impianto ma non riesco ad inviare la documentazione perchè fallisce l’upload dei documenti.
    Mi hanno detto all’enel che le pratiche iniziate sul portale devono essere concluse li.
    Ora..tenuto conto che il problema delle notifiche delle mail è stato sollevato 2 mesi fa e non è stato risolto io cosa faccio se anche per gli allegati il problema si protrae per tanto taempo..magari fino al 30 giugno (data casuale..). Ora ho tutto il tempo per collaudare e rientrare nel quarto conto energia ma se non dovessi farcela chi lo spiega ai clienti? Come ci si può rivalere (se possibile) su chi ci sta causando tutti questi disagi senza prevedere, proprio perchè il portale è in fase di testing, procedure di recovery? Qualcuno ha qualche idea, informazione ?…

    W l’Italia

  35. Mi sembra una buona notizia… Ho appena ricevuto questa mail che riporto integralmente:

    Buongiorno,

    ci scusiamo per i disagi arrecati. Ad oggi il Portale Produttori risulta regolarmente funzionante.

    Cordiali saluti

    UNITà PRODUTTORI – GPBE

    VETTORIAMENTO RETE ELETTRICA E SERVIZIO SUPPORTO GAS

    GRUPPO ENEL – DIVISIONE INFRASTRUTTURE E RETI

    Qualcuno può darmi conferma visto che stamattina non sono in ufficio? grazie

    1. Ancora niente da fare…
      Anche a me hanno risposto con una mail dicendo che, ad oggi, il portale funzione, ma non è così, non permette di caricare gli allegati.
      W l’Italia

      1. Mi unisco al W l’Italia, e ribadisco che con la PEC era perfetto, ora è assurdo che questi enti non siano capaci di gestire un portale web. Era meglio se continuavano ad utilizzare una banale mail certificata.

  36. Leonardo mi sembra di sognare, l’unica possibilità che ci danno infatti è quella di ultimare lapratica sul portale ma lo stesso non funziona. Credo si ail caso di inviare comunicazioni ufficiali, magari tramite PEC ad Enel. Non so a quale indirizzo. In ogni caso mi sembra necessario fare delle comunicazioni ad Enel, altrimenti non si avrà nessuna arma da usare in caso di contestazioni. Magari poi cambieranno idea e daranno la possibilità di usare la mail, come fece il GSE a dicembre 2010, ad un certo punto portale intasato e tutto si spedì via mail. In ogni caso questa più che una questione da tecnici mi sembra pane per un legale…….

  37. Oggi il sito del portale è addirittura irraggiungibile..dopo qualche giorno di corretto funzionamento ripartono i disservizi..

  38. Roba da matti adesso vorei sapere chi ci tutela, la data della domnada di connessione è importante, soprattuto a fine semestre quando cambia la tariffa. Se non si riesce ad inviare ?

  39. Incredibile! Da 2 giorni tento l’upload dei documenti necessari ma risulta impossibile concluderlo. Non so dove sbattere la testa. Altro che qualità del servizio. Per loro siamo dei poveracci che non contano nulla.

  40. Incredibile davvero, bisognerebbe cercare di capire con chi protestare, probabilmente con l’Autorità (AEEG), le date sono importanti soprattutto in questi periodi di cambiamenti, non è tollerabile che non si possa caricare materiale sul portale Enel

  41. …aggiornamento: presa dalla disperazione , nonostante nel portale ci fosse scritto che potevano essere allegati file fino a 5mb ed i miei file pesassero da 200kb agli 800kb, ho spezzato i file più grossi (dai 500 agli 800kb) in file più piccoli, di 300 kb al massimo. E così sono riuscita ad inviare il tutto!!

  42. Ciao a tutti, mi sta sorgendo un dubbio.
    La mia prima d.d. connessione on-line, postata qualche post fa, a seguito dell’accettazione del preventivo e della fine opere strettamente necessarie presentava la dicitura “lavori cominciati in data”.

    Altre pratiche (tutte le altre), successive a questa, ove ho accettato il preventivo e successivamente data la “fine strettamente necessarie” non presentano la dicitura “lavori cominciati in data”…
    Devo preoccuparmi?

  43. Potrebbe essere che in questa pratica Enel abbia delle opere da fare, mentre nelle altre non avesse opere da fare ?

  44. Di sicuro nelle altre non ha opere da fare…
    pratiche andate a buon fine ove non ti sia apparsa la scritta “lavori cominciati in data”, ne hai?

  45. Sinceramente non lo so, non ci ho mai guardato perchè non ho ancora fatto domande On-Line, fino all’ultimo giorno uso la PEC, spero che qualcun altro ti possa aiutare, magari chiama il responsabile Enel indicato nel preventivo. Nelle mie pratiche controllo lo stato sul portale MyEnel e ho sempre letto la dicitura “lavori cominciati in data”.

  46. Io sto registrando un cliente sul portale enel produttori, tutto ok con il codice di controllo. Subito dopo mi si chiede di compilare l’anagrafica, prima di poter accedere al modulo di adesione. Purtroppo il pulsante “salva” risulta non cliccabile, per cui non riesco a salvare i dati anagrafici anche se ho inserito tutti i dati nei campi obbligatori. Sapete cosa si puo’ fare? Grazie mille per la collaborazione!

  47. Alessndro ho chiesto ad un collega, non gli è mai capitato. Potrebbe essere una delle periodiche “disfunzioni” del portale. Hai provato ad accedere con un altro Browser ? (Explore, Firefox, Opera, etc). A volte mi capita (ad esempio con il portale gaudì di Terna che con alcuno Browser io abbia dei problemi, con altri no. Spero qualcuno possa aiutarti.

  48. Anche stò riscontrando problemi con tasto “salva” e con diversi browser Firefox, Explorer modalità compatibilità, ecc

  49. Non riesco da aiutarvi (Manuela e Alessandro), ho chiesto ad alcuni colleghi, ma anche loro dopo i continui errori del portale sono tornati alla PEC e non usano il portale da qualche settimana

  50. Ciao a tutti, io ero alle prese con la compilazione della nuova documentazione enel per la fine lavori, ho notato che non c’è piu l’allegato p che solitamente enel inviava in allegato con il preventivo di connnessione, volevo chiedere a voi se avete notizie in merito.
    grazie anticipatamente

  51. Ciao Giancarlo, io non sono esperto del portale, anzi ringrazi tutti quelli ceh stanno scrivendo permettendo agli altri di apprendere nuove informazioni, in ogni caso al momento sono in vigore l’allegato P1 (dichiarazione di ultimazione opere strettamente necessarie alla connessione), e allegato P2 (completamento delle opere di realizzazione dell’impianto di produzione a cura del produttore). In ogni caso anche nei preventivi che mi arrivano via PEC ora c’è solo il modulo di accettazione del preventivo. Sotto i due link per scaricare allegato P1
    http://www.enel.it/it-IT/doc/reti/enel_distribuzione/Produttori_ALLEGATO_P1_Enel_v3_gennaio.pdf
    e allegato P2
    http://www.enel.it/it-IT/doc/reti/enel_distribuzione/Produttori_ALLEGATO_P2_Enel_v3_gennaio.pdf

  52. Confermo che anche oggi, sia con Firefox che con Chrome, il Portale non mi abilita il salvataggio dei dati anagrafici. Per ora procediamo, come suggerito sopra, direttamente via posta raccomandata… Comunque dal primo luglio tutto dovra’ passare online, speriamo bene!

  53. confermo anch’io l’impossibilità di salvare i dati anagrafici, per la registrazione al portale, qualsiasi sia il browser utilizzato.
    Allucinante

  54. Ciao,
    ho ricevuto il preventivo di connessione da parte dell’Enel. E’ possibile continuare online o devo procedere con metodo tradizionale secondo voi? Quali sono gli allegati da mandare secondo il metodo tradizionale, visto che le cose cambiano ogni giorno?

    Grazie ragazzi!

  55. Ciao Giuseppe,
    da quello che so se parti con PEC e raccomandata, devi ultimare nello stresso modo, non puoi passare alla modalità on-line (se non è così smentitemi pure). In ogni caso, viste le difficoltà che spesso si incontrano sul portale, io ti consiglio vivamente di proseguire con la normale modalità, meno possibilità di intoppi informatici. Per quanto riguarda i documenti da presentare avrai prima di tutto: Accettazione preventivo e allegato P1 (fine lavori opere strettamente necessarie), questi ultimi mandali via SUBITO, poi a fine impianto dovrai inviare il modello P2 fine lavori impianto di produzione, regolamento di esercizio con addendum tecnico, allegato H, dichiarazione di conformità (non so se serve ancora ma io una copia la mando lo stesso), e le dichiarazioni sostitutive di atto notorio di conformità all’allegato A70 di Terna. Il regolamento di esercizio dovrebbe avertelo inviato Enel insieme al preventivo. ATTENZIONE FAI SUBITO LA REGISTRAZIONE DELL’ANAGRAFICA SUL PORTALE GAUDI’ DI TERNA, perchè le cose sono cambiate, non vale più il certificato, ma lo scambio è telematico tra Terna e Enel e servono un po di giorni (15). Leggi qua
    https://newsenergia.com/allacciamento-enel-terna-gestione-unita-produttive-gaudi-0507.html
    e qua
    https://newsenergia.com/nuovo-sistema-gaudi-validazione-unita-produttive-enel-0515.html

  56. Scusa Stefano, ma gli altri allegati, tipo AC, F15, I, O ecc. non si inviano più? Ho visto che nel portale di ENEL, ci sono ancora quelli secondo la versione 3.0 del marzo 2012.

    Grazie ancora
    Giuseppe

  57. Ciao Giuseppe. ALLEGATO AC non serve per il tuo impianto. ALLEGATO F15 dovrebbe essere la vecchia dichiarazione della taratura del sistema di protezione di interfaccia che ORA E’ INSERITA NELL’ADDENDUM TECNICO del regolamento di esercizio BT. ALLEGATO I mai consegnato, credo saresti il primo in Italia a cui lo chiedono. ALLEGATO O è il Regolamento di Esercizio. Gli allegato sono quelli che citi e vanno bene, ultima revisione.

  58. Scusa Stefano, sto facendo un elenco di documentazione utile per inviare tutto ad Enel. Secondo quanto indicato da te, il P2 e gli altri documenti vanno inviati successivamente all’invio di P1 ed accettazione preventivo. Non si può inviare tutto insieme se è stato ultimato l’impianto? Sia P1, che P2 che la documentazione attestante il fine lavori ecc. ecc.?

    Grazie

  59. Certo, puoi inviare tutto insieme. Dicevo di anticipare in ogni caso accettazione e allegato P1, perchè di solito a volte gli altri documenti e l’impianto non sono finiti, e allora con accettazioen e P1 fai partire i tempi Enel. Se hai finito tutto, fai il pacco regalo e invia tutto. Mi racocmando le certificazioni delgi inverter che in Enel (giustamente) sono pignoli.

  60. Per me questo portale produttori e procedura on line è un disastro!
    Devo fare la fine lavori per connettere entro il 30 giugno e la fase della mia pratica non cambia…è sempre a “preventivo accettato in data”!
    Io ho caricato tutti i documenti, l’impianto è un BT inferiore a 20 kWp ma da nessuna parte si chiede di caricare il regolamento d’esercizio!Solo l’addendum tecnico che è un allegato del egolamento d’esercizio…..non so cosa fare!!!!!!!!

  61. Ciao Cecilia. Io continuo con la PEC finchè posso, quello che state scrivendo sul portale mi preoccupa molto. Io non ho esperienza di caricamento sul portale proprio perchè me ne tengo alla larga finchè posso, spero che qualcuno ti possa aiutare 🙁

  62. Ciao ragazzi. Solo una precisazione.
    All. P: serve per comunicare la fine lavori impianto produzione.
    All. P1: serve per comunicare l’esecuzione opere a cura cliente (es tubo o nuovo vano contatore ecc.), fa partire SI i tempi ma attenzione che se arriva la squadra enel o l’impresa incaricata e trova che non sono eseguite riazzerra i tempi!!
    All. P2: serve per comunicare il completamento, da parte del produttore, dell’impianto di rete. Tale eventualita’ é prevista solo per connessioni in MT o AT.
    Saluti a tutti

  63. Ciao ragazzi,
    una domanda? quando sul portale mi viene indicato “lavoro ultimato in data …..”, significa che sono finiti i lavori a carico di Enel e quindi se si inviassero i documenti di fine lavori, trascorrerebbero 10 giorni per l’attivazione??

  64. All’enel me l’hanno confermato, se risulta che i loro lavori sono terminati, all’arrivo della fine lavori impianto partono 10 giorni per attivare; per farlo pero’ deve essere a posto anche Gaudi di Terna e la musica varia in base a quando l’impianto vi é stato registrato: se registrato prima del 1 maggio tutto come prima (basta attestazione Terna cartacea/pdf), se registrato dopo dicono che vengono avvisati (?!) da Terna. Sembra anche che i loro nuovi preventivi indichino 0 (zero) giorni se non devono fare lavori sulla loro rete, pertanto appena ricevono la fine impianto devono attivare. Se non ho capito male, ciao.

  65. In realta Vic è come dici, ho parecchi impianti validati da Enel in pochissimi giorni, ma Terna non mi ha mai avvertito che potevo completare la creazione dell’unita di produzione, diversamente da quanto indicato dalla stessa Terna che dovrebbe avvertire il produttore dell’avvenuta validazione da parte di Enel

  66. Salve buongiorno a tutti, vi volevo chiedere se la registrazione delle UPNR su gaudì va effettuata anche per impianti in scambio sul posto con potenza maggiore di 55 kW(presumo di si..) lo chiedo visto che “come al solito” sulla guida risulta incomprensibile.. sulla guida gaudi’ trovo scritto: “La creazione della UPNR va fatta per tutti gli impianti minori di 10 MW, per gli impianti in scambio sul posto <=55 kW; voglio dire non sono gia inclusi negli impianti minori di 10MW quelli minori di 55kw? o non va effettuata per quelli maggiori di 55 in scambio? a me sembra un tantino strano.. grazie anticipatamente

  67. Grazie a te Giancarlo, è servito anche a me per rinfrescarmi l amemoria, con tutte queste norme, delibere, regole…….ormai la confusione è all’ordine del giorno 😉

  68. Salve, anzitutto grazie a tutti per le preziose informazioni riportate sopra, in assenza di un numero verde al quale chiedere anche un banale chiarimento l’unico modo è quello di scambiarsi reciprocamente le informazioni.

    Pongo un quesito.
    Supponiamo che un tecnico di uno studio si registri sul portale col proprio nome in qualità di procuratore dello studio e che con tale registrazione vengano gestite tutte le pratiche dei clienti allegando ogni volta il modulino di autorizzazione firmato dal cliente. La domanda è : se poi si crea un altro account ad esempio del rappresentante legale dello stesso studio, questo account potrà vedere le pratiche inserite dal procuratore? Grazie mille

    1. Ciao Domenico, da quello che so le credenziali di accesso sono univoche, quindi non credo che ci possano essere due account che “vedono” le stesse domande di connessione. Ma non essendomi mai posto questo quesito, è solo la mia sensazione, speriamo qualcuno possa avere notizie più certe, magari qualcuno di Enel che legge 🙂

  69. Grazie della tua risposta Stefano proverò a chiamare il numero verde di enel per vedere se hanno info anche sul portale.

  70. Il mio problema sta nel fatto che l’enel mi ha allacciato l’impianto fotovoltaico in data 07-06-12 ma il verbale di allaccio da parte del tecnico enel è stato compilato manualmente e non come prestampato, mi è stato riferito che così comè il gse non lo riconosce come documento valido, intanto i giorni passano e stanno passando i 15 giorni per cui bisogna fare richiesta al gse. Come regolarmi? Grazie

    1. Ciao Mario, non so chi ti abbia detto questa cosa, i verbali di Enel sono prestampati solo per la parte relativa ai dati impianto e ai dati del produttore, la parte relativa ai contatori è sempre stata compilata a mano. Il verbale di allaccio di Enel in quanto tale, è valido, a mano o meno. In tutte le mia pratiche il GSE non mi ha MAI sollevato alcuna obiezione sui verbali di Enel, anzi è l’unico documento che non ha possibilità di contestazioni. Il tuo impianto è in esercizio e puoi fare la domanda di tariffa incentivante, chi ti ha detto che il GSE non accetta verbali compilati a mano forse non ha mai fatto una richiesta di tariffa incentivante 😉

  71. Ciao a Tutti, anche io come Stefano amavo le PEC, ma sto per iniziare ad usare il portale. da quel che ho capito si possono creare molte richieste tramite un unico account (quello mio aziendale) e dobbiamo scegliere :
    “di essere il mandatario con rappresentanza, come da dichiarazione sostitutiva allegata, per la richiesta di connessione, in nome e per conto del soggetto individuato di seguito, titolare del punto di connessione alla rete indicato nella presente richiesta e che assumerà la titolarità dell’impianto di produzione”
    compilare il modulo a disposizione per mandatario con rappresentanza (non servono procure notarili basta documento sottoscritto da entrambe le parti e carte di identità”, poi procedo con i vari documenti in allegato e tutto dovrebbe essere uguale a prima (anche se prima compilavo a nome del cliente ed ora a nome mio PER il cliente)

    sbaglio nella procedura? se si mi date delle dritte.

    Saluti
    Denis

    1. Ciao Denis, io non ho ancora fatto domanda tramite portale, ma in Enel mi hanno confermato che è come dici tu. Però spero ti confermi qualcuno che ha già operato in quel senso.

  72. Scusami Stefano se chiedo ancora dei chiarimenti.l’elettricista enel che ha provveduto all’allaccio mi ha espresso delle perplessità su un possibile errore dei terminali enel, poichè il foglio di verbale non era completo dei dati cliente, mancava infatti di:
    codice punto di consegna,
    cognome e nome,
    indirizzo recapito,
    telefono e note,
    mancava inoltre
    il codice cliente,
    la denominazione,
    la città,
    indirizzo punto di connessione,
    tensione di consegna,
    tensione di consegna,
    potenza impianto produzione
    numero di presa
    normalmente prestampati. Il dipendente ha praticamente provveduto a compilare a mano praticamente tutta la parte in alto a destra perchè in bianco.Che si riferisse al mio impianto si deduceva solo dal codice di rintracciabilità e naturalmente dalla predente lettera di conferma della data per l’attivazione dell’impianto di produzione alla rete di enel distribuzione con tutti i dati relativi. Per questo motivo mi è stato detto da un “esperto”che il verbale di allaccio non può essere accettato dal gse, perchè sprovvisto dei dati normalmente prestampati dall’enel stessa e quindi anomalo. Allora io mi chiedo…perchè è stato allacciato?
    Ciao Stefano e grazie.

    1. Secondo me il verbale può essere anche compilato a mano, in caso che Enel abbia avuto problemi nella stampa o altro. Se è stato compilato tutto, anche a mano, per me è valido, di fatto sei allacciato. Io ti consiglio di fare la domanda di incentivi al GSE, male che vada ti chiederanno un’integrazione o qualche conferma da parte di Enel, io non vedo grossi problemi. Intanto che aspetti che ti valutino la pratica GSE, contatti Enel (il referente indicato nella lettera preventivo) e cerchi di chiarire. Io starei tranquillo, l’impianto è allacciato e tu hai il diritto di chiedere la tariffa.

  73. Ciao Mario, anche a me è successo qualche anno fa che hanno compilato tutto a mano in quanto hanno lasciato il documento in sede. con il secondo conto energia il GSE lo ha accettato e non ha richiesto nulla in integrazione; Incentivo approvato.

    noi aziende che effettuiamo le domande per conto dei clienti, quale dobbiamo scegliere (credo mandatario con rappresentanza e non serve procura notarile) giusto? (questo portale lo hanno studiato maluccio)
    Qualcuno sa indicarmi come procedere per evitare errori?

    Saluti

    Per stefano:
    che differenza c’e’ tra “mandatario con rappresentanza” e “mandatario senza rappresentanza”

    1. Ciao Denis, copio da un link che mi ero salvato.
      Il mandato con rappresentanza si ha quando il mandante, mediante uno speciale atto (detto procura) conferisce al mandatario il potere di rappresentarlo, cioè il potere di manifestare per lui una certa volontà di fronte ai terzi.
      In tale ipotesi, il mandatario agirà di fronte ai terzi in nome e per conto del mandante e, per conseguenza, gli effetti degli atti giuridici da lui compiuti ricadranno direttamente sul mandante, che diverrà titolare dei diritti e degli obblighi relativi.
      Cosi, ad esempio, se Tizio (mandatario) da me regolarmente fornito di procura, compra, in mio nome e per mio conto, una casa da Caio, io divengo proprietario della casa ed io sono obbligato verso Caio per il pagamento del prezzo.

      Il mandato senza rappresentanza, invece, si ha quando il mandante non ha conferito una procura al mandatario. In tale ipotesi, il mandatario agirà di fronte ai terzi per conto del mandante, ma in nome proprio, e per conseguenza gli effetti degli atti giuridici compiuti ricadranno su di lui, che, tuttavia, dovrà successivamente trasferirli al mandante, in virtù dell’accordo con questi stipulato.

      Cosi, ad esempio, se Tizio (mandatario senza rappresentanza) acquista per mio conto, ma in nome suo, una casa da Caio, egli ne diviene proprietario ed è obbligato verso Caio per il pagamento del prezzo. Successivamente, attraverso un regolare contratto di compravendita, egli trasferirà a me la proprietà della casa dietro il prezzo corrispettivo.

    2. Aggiungo che nelle ultime 2 pagine della domanda di connessione è presente uno schema di dichiarazione sostitutiva dimandato con rappresentanza. Prova a leggerla e dammi un parere. Da quanto leggo secondo me se compili quella sei a posto. Agisci per conto del cliente ma il responsabile è lui. Correggetemi se sbaglio, io sono pratico di moduli fotovoltaici e inverter, ma di queste cose ci capisco poco. Spero che qualcuno che sta già operando in questo senso si faccia vivo 😉

  74. Approfitto della tua disponibiltà per un altro quesito: è possibile che sullo stesso capannone, più persone possano affittare e quindi dividendosi il tetto, realizzare più impianti fotovoltaci distinti solo per cessione totale?

    1. Si puo fare tranquillamente, l’importante che il proprietario conceda il diritto di uso della superficie per 20 anni (e quindi anche l’accesso alla proprietà per eventuale manutenzione etc). Tieni solo presente, che trattandosi dello stesso fabbricato, se la stessa persona (o società legate tra loro, ad esempio con lo stesso amministratore) fa più impianti, l’incentivo è erogato per la potenza totale, in breve gli impianti della stessa persona o società si sommano come potenza a fini della determinazione della fascia di potenza relativa alle tariffe. Se due società di tua proprietà fanno due impianti da 15kW la tariffa non sarà per la fascia 3-20kW, ma per la fascia 20-200kW (15+15kW).

  75. Salve a tutti,
    sono un ingegnere inserito all’interno di una ditta che si occupa di FV. Ho 1000 dubbi sulle richieste on-line.Ad esempio:
    chi devo registrare sul portale: il titolare della società o la società stessa?
    posso gestire tutti i clienti dall’account del titolare/azienda come si fa con il GSE o devo fare tante registrazioni e tani regolamenti per l’accesso firmati quanti sono i clienti??
    Vi ringrazio per la disponibilità
    Mario

  76. Ciao Mario, dovresti poter operare per conto dei produttori usando l’account che hai crato sul portale Enel, ti fai firmare la dichiarazione sostitutiva di mandato con rappresentanza e agisci per conto del produttore con il tuo account. Almeno è quello che ho capito, io domande on-line non ne ho ancora fatte perchè fino al 30 giugno opero con la PEC. Qualcuno che ci legge ha già iniziato ad operare in tal senso e puo darci delle indicazioni ?

  77. Salve,
    ho un “piccolo” problema con l’accesso al portale produttori, fino a ieri entravo tranquillamente, oggi che dovevo caricare tutta la documentazione del mio cliente, quando vado a fare il login mi compare questa scritta:
    Impossibile completare la procedura di login.
    (EP-003) Errore nell’esecuzione della query o SP.
    Cosa sapete dirmi in merito?
    Grazie

    1. Ciao Christian, dall’errore che ci hai detto credo proprio che si tratti di un problema tecnico del portale, credo tu non possa farci nulla, se non aspettare che risolvano, riprova domani, magari stanno facendo manutenzione ai sistemi, capita.

        1. Guarda Christian, mi sa che la tua sfortuna non c’entra nulla, su quel portale ogni due giorni si inchioda qualcosa, e pensa tra 10 giorni quando tutti dovranno fare domanda obbligatoriamente sul portale 🙂 Piuttosto qualcuno conferma che si può agire con la dichiarazione sostitutiva di mandato con rappresentanza per conto dei produttori con il nostro unico account ? Grazie 😉

  78. in effetti il portale è più comodo, si devono inserire i vari dati e per ogni comunicazione, dichiarazione il portale crea in automatico il file PDF da stampare e fare firmare al produttore.
    Decisamente più evoluto come sistema.

    1. Immagino Vito, si dovrà solo pagare lo scotto di mandare tutto a regime, è normale che all’inizio ci siano delle difficoltà. Ricordate il portale GSE all’inizio ? Una tragedia, ora funziona bene, a parte qualche cavolata su moduli che stampa in automatico 😉

    1. Ottimo Vito e grazie mille, da questo punto di vista sono rimasto indietro perchè troppo innamorato della PEC. Ora mi abituerò a far firmare il mandato mentre ritiro i documenti del cliente. Se ho qualche dubbio ti rompo le scatole via mail 😉

    2. Perdonami ma con quale tipologia di account?????
      – Persona fisica;
      – Procuratore;
      -Legale Rappresentante;
      -Ditta Individuale.Grazie

  79. Buongiorno a tutti,
    sapreste dirmi se l’indirizzo al quale spedire il “Regolamento per l’accesso e l’utilizzo del portale produttori di enel distribuzione” firmato, per avere l’accesso a MyEnel, è produttori “eneldistribuzione@pec.enel.it”???
    Grazie tante

    1. Ciao Mario, anche io non ho trovato nulla a riguardo, ho mandato la raccomandata RA a Milano in Via Pindaro, e la PEC all’indirizzo che hai scritto tu

  80. Di seguito posto la mail che ho inviato all’enel per avere dei chiarimenti e la loro risposta:

    Si consideri il caso in cui una ditta, che progetta impianti FV, si registri al portale nella persona di un procuratore e gestisca tutti i suoi clienti tramite tale account allegando per ogni cliente il modulo previsto di conferimento di mandato con rappresentanza. I quesiti sono i seguenti:

    – Creando un altro account a nome di un altro procuratore della stessa ditta o del legale rappresentante, con tale nuovo account sarà possibile avere visione anche delle pratiche inserite con il primo account?

    – Sempre nel caso di cui sopra il mandato di rappresentanza deve essere conferito dal titolare dell’impianto alla ditta o al suo procuratore?

    Infine vorrei sapere se esiste un numero da contattore per quesiti inerenti il portale produttori

    RISPOSTA: con un secondo account non è possibile visionare le pratiche anche del primo; il mandato deve essere conferito alla società per il tramite del procuratore o legale rappresentante; al momento abbiamo come unico canale di comunicazione il seguente.

  81. Salve Stefano,
    da alcuni giorni ho serie difficoltà ad accedere al portale produttori di enel…hai notizie di eventuali disservizi?
    Grazie 1000 a chiunque mi possa rispondere…Ciao

    1. Ciao Sebastiano, alcuni colleghi hanno avuto problemi di accesso, e il fatto che tutto ciò accada a pochi giorni dalla data in cui il portale sarà l’unico canale di comunicazione, non mi lascia molti dubbi che siano problemi dei servere Enel, credo si prepari un periodo duro per tutti noi, CEI 0-21, portale Enel, Quinto Conto Energia……….in bocca al lupo a tutti….. 😉

  82. Buongiorno a tutti,

    sto prendendo visione di alcuni accorgimenti necessari per gli impianti in BT. Parlo di:
    -Norma CEI 0-21
    – DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA’ DI CONFORMITA’ DEGLI INVERTER
    (art. 4.2 DELIBERA R/EEL N.84/2012)
    -DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA’ DI CONFORMITA’ DEL SISTEMA DI
    PROTEZIONE DI INTERFACCIA (art. 4.2 DELIBERA R/EEL N.84/2012)
    -allegato A70 terna: REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA
    GENERAZIONE DISTRIBUITA

    ….. sto provando a barcamenarmi tra i vari documenti sopracitati per capire come integrare i lavori sugli impianti….
    Ringrazierei tantissimo chi per cortesia mi fornisse in modo spicciolo le indicazioni pratiche su come agire a riguardo……..vi ringrazio comunque anticipatamente
    Mario

    1. Ciao Mario, fornire le indicazioni su come agire è un po lungo e complesso. In ogni caso ti do alcune indicazioni. Gli inverter da utilizzare venduti dopo il 30 giugno saranno conformi alle CEI 0-21 (in ogni caso verifica nell’elenco Enel)
      La dichiarazione sostitutiva te la forniranno i produttori di inverter (o delle protezioni di interfaccia) quindi per questo non preoccuparti.
      La dichiarazione sostitutiva che firmerà invece il tecnico (dichiarazione di conformità e verifica dell’impianto di produzione e sistema di protezione di interfaccia) dovrebbe essere allegata al regolamento di esercizio.
      Dell’allegato A70 non preoccuparti, se gli inverter e le protezioni di interfaccia sono conformi alla delibera AEEG 84/2012 sono di fatto conformi all’allegato A70 (come derogato dalla delibera stessa).
      Per il resto l’unica cosa che devi fare è progettare l’impianto conforme alle CEI 0-21.
      Quindi fare attenzione agli impianti di potenza superiore ai 6kW (serve interfaccia esterna), e alla necessità o meno del trasformatore per l’isolamento galvanico.
      Come avevo spiegato qua (https://newsenergia.com/connessione-enel-impianti-20kw-trasformatore-obbligatorio-0514.html) il fatto che l’inverter sia conforme alle CEI 0-21 non significa che non vi sia la necessità del trasformatore.
      Andare oltre nelle spiegazioni capirai che diventa un po complesso.
      Scusa se non ti ho risposto subito ma con tutte queste scadenze si lavora 12 ore al giorno 😉

  83. Stefano sei Grandioso,

    grazie per la disponibilità che mostri nei confronti di tutti. Leggo che ancora non fai richieste di connessione on-line, neanche io…ma confrontandomi con colleghi sono convinto che sarà più semplice del previsto.
    Quando sopra parli di Regolamento di esercizio ti riferisci alla parte riguardante l’accettazione del preventivo? mi sbaglio?

    Ho un’altro dubbio, mentre ci sono: fatta la richiesta di connessione, passano minimo 30 giorni prima di ricevere il preventivo? e per le richieste di connessione inviate poco prima dell’ 1 luglio, l’accettazione si farà sempre tramite PEC??

    Grazie ancora
    Un saluto a tutti

    1. Ciao Mario, non devi ringraziarmi di nulla, anche io ho bisogno delle vostre indicazioni, siamo tutti sulla stessa barca, come si usa dire. No, l’accettazione del preventivo è un conto, il regolamento di esercizio è allegato (parlo delle vecchie domande fatte con PEC) al preventivo Enel, e credo che con la procedura sul portale sara disponibile per la stampa.
      In ogni caso puoi guardare qua https://newsenergia.com/regolamento-esercizio-bt-aeeg-allegato-a70-terna-0419.html, ci sono due regolamenti in Word (prendili solo come esempio perchè dal 1 luglio non saranno più validi).
      Le domande inoltrate con PEC seguono la procedura PEC sino al termine.
      I tempi di Enel per l’invio del preventivo sono di 20 giorni lavorativi per domande sino a 100kW, 45 giorni per potenze oltre 100kW e sino a 1000kW e 60 giorni per potenze sopra i 1000kW 😉

  84. Salve a tutti.
    Lavoro in una ditta installatrice di impianti FV, è gestisco le pratiche ENEL di una decina di impianti…..
    Mi ricapitolate per favore con quale titolo mi devo rgistrare al portale produttori senza fare mille account ???

    Grazie

  85. Ciao Francesco,

    ti consiglio di fare un account per ogni cliente. Volevo fare come te, ma mi è stato suggerito da fonti affidabili che è meglio fare ogni richiesta di connessione da un portale diverso. E’ successo che poi la società che si occuapva della richiesta di connessione compariva nella bolletta di ogni cliente ed anche il GSE ha creato problemi successivamente. Se trovi un metodo diverso comunicalo.

    Io volevo chiedere se a qualcuno il portale da il problema nel download del file domanda di connessione del TAB allegati. Ho provato con google crome e internet explorer, ma niente.
    sapete dirmi qualcosa?

    grazie

    1. Ciao Mario, per i problemi del portale non ti so rispondere, non l’ho ancora usato, ma ora mi tocca 😉 Per il resto mi sembra strano che la società che richiede la connessione per conto del produttore sia presente nella bolletta, la bolletta è del produttore e non vedo perchè ci mettano anche chi fa la richiesta di connessione. Non dico che non sia come dici, ci mancherebbe, ma non capisco perchè debbano mettere il nome del richiedente la connessione nella bolletta.

  86. E’ proprio vero come il Gse pure il portale Enel è un vero schifo.Ho inserito la richiesta per una domanda di connessione, nella pagina dove mi vengono chiesti i dati del titolare di connessione mi da l’errato inserimento del codice fiscale mentre nelle compilazioni successive più precisamente nei dati di adeguamento dove vengono richiesti i dati della bolletta Enel il codice fiscale viene accettato.Per questo insulso problema non posso inviare la pratica.Naturalmente anche via e-mail non viene data nessuna risposta e non risulta esserci nessun numero di assistenza. Poveri noi.

    A 21 anni tra Enel e Gse mi stanno venendo i capelli bianchi.

    1. Guarda Andrea, io ci credo ai tuoi capelli bianchi, a me tra GSE, mail certificate perse da Enel i capelli mi sono caduti tutti 😉

  87. Salve a tutti,
    ad oggi io mi sono organizzato in questo modo:
    – realizzo un accesso personalizzato per ogni cliente, con un proprio modulo di adesione al servizio e con una ricevuta della raccomandata A/R a se stante. Agisco come se fosse il cliente stesso a farsi la domanda di connessione.
    Penso che sia un metodo poco pratico e lento, ma funzionante.
    Di mio mi confronto con 3 realtà del settore, tutti professionisti: due di queste agiscono come me, la terza invece ha creato un portale MyENEL a nome della società per cui opera e da li’, usando il mandato con rappresentanza, gestisce tutte le domande di connessione, ma dati i tempi poco maturi non so se’ l’ENEL abbia già mandato loro i primi preventivi. Se dovesse funzionare tale metodo sarò il primo ad adottarlo.
    Se voi avete una qualche conferma sull’uso di un unico portale MYENEL comunicatelo per favore.
    N:B: la power one fornisce una lista di tutti gli inverter che rispettano i vincoli della CEI 021, e sono parecchi.
    Mario

    1. Ciao Mario, io quoto quanto hai scritto, la procedura per singolo cliente è ottimale (è come se il cliente usasse di fatto il suo PC e facesse tutto lui) però è una procedura lenta, ogni volta raccomandate e moduli di accettazione da inviare. La gestione con unico accesso delle pratiche di connessione è molto più pratico, ed in questo caso io non ho ancora capito quale sia il problema, ovvero quali documenti abbiano intestazioni diverse. Da quello che avevo capito chi fa la gestione tramite mandato agisce per conto del produttore (e quest’ultimo è responsabile) e può firmare i documenti al posto del produttore come scritto del resto sul mandato. Ti volevo chiedere una cosa Mario, puoi verificare che davvero chi si occupa della domanda compaia nella bolletta ? Ti chiedo questo perchè ad esempio in uno scambio sul posto (dove la bolletta è già esistente ed intestata al produttore) mi sembra strano che venga aggiunta una persona o una società. Chi ha notizie ce lo faccia sapere, io non posso aiutarvi in quanto non ho ancora fatto domande tramite portale, le ultime mi sono affrettato a farle entro il 30 giugno con PEC 😉

    2. Per quanto riguarda Power-One Mario non avevo dubbi, da questo punto di vista non stanno a guardare e si muovono bene 😉

    3. ciao a tutti! confermo per esperienza che la gestione delle pratiche col mandato senza rappresentanza è più rapida ma mi risulta che non sia ancora possibile creare password dedicate da dare ai clienti qualora gli stessi le richiedessero o qualora rescindessero dal mandato (si ha un unico account con tutte le richieste fatte) per cui qualora si verificassero queste eventualità sarebbe un problema. attualmente sto facendo un account per ogni cliente, in attesa che mi rispondano in merito al problema sopra.
      inoltre condivido le medesime problematiche che ho letto sopra usando il portale: il portale non legge il codice fiscale nonostante sia corretto, si blocca continuamente, non salva l’anagrafica e da continuamente errore.
      ho mandato molte e-mail all’indirizzo indicato sulla guida ‘IR_VSS_gestioneproduttori@enel.com’ ma senza ricevere alcuna risposta. ho chiamato gli uffici enel di bologna (per impianti zona emilia e marche) e non danno indicazione alcuna su chi può dare supporto ai produttori nelle problematiche di portale.
      continuerò a provare chiamando tutti gli uffici che conosco, nel frattempo se ci sono novità aggiorniamoci!

      1. Ciao Lorenza, quindi tu per ogni pratica fai un account per il cliente, con una mail diversa ? hai parlato di mandato senza rappresentanza ? E’ un errore o confermi ? Avevo sempre letto di mandato con rappresentanza. Grazie

  88. Ciao Stefano,
    esperienza diretta di un mio conoscente mi permette di dire con sicurezza quanto è accaduto, cioè lui è comparso nell’intestazione della bolletta del cliente. E non è stato l’unico, questo gli è stato confermato dall’ENEL di zona. Forse lui ha commesso un errore in particolare per arrivare a questo. Vedrò di indagare in modo più approfondito. Anche perché, ripeto, una società per cui lavoravo gestisce tutto da un unico portale e ad oggi l’ENEL non gli ha ancora contestato nulla. Di mio agisco come detto prima, ma tenderei ad avere un unico portale.
    Vedremo……..un saluto

    1. Grazie Mario, appena hai notizie faccelo sapere, anche perchè il titolare della connessione è il produttore e la bolletta dovrebbe essere intestata solo a lui. Ti ringrazio ancora per le dritte utilissime a tutti 😉

  89. Salve a tutti, scusate la domanda forse banale, ma nel caso in cui si voglia inviare tramite PEC il modulo di adesione (firmato digitalmente) cosa si deve allegare al posto della ricevuta della raccomandata AR nella sezione allegati?

    Grazie

    Claudio

  90. Ciao Claudio,
    credo che devi allegare la ricevuta di invio che ti arriva nella tua casella di posta PEC dopo che invii la mail.

    1. Grazie Mario,

      nel dubbio ho fatto la raccomandata ar, tanto basta farla una sola volta.

      grazie comunque della risposta.

      Claudio

  91. Ciao a tutti

    Sapete dirmi dopo quanto tempo arriva il preventivo sul portale?
    Ci vogliono anche qui 20 giorni lavorativi?

    Grazie

  92. Ciao a tutti
    stò tentando di registrarmi su my Enel da una settimana senza alcun esito…
    credo di essere sull’orlo di una vera crisi di nervi…
    Potete aiutarmi?
    Simone

  93. Ciao Stefano, sto realizzando un impianto fv da 19,60kw per sola vendita totale, fiscalmente cosa comporta? La produzione fa reddito? E se si, bisogna dichiararla sommando ad altre entrate come il mio caso,da lavoro autonomo ? Si può scaricare per intero la somma investita? Insomma fiscalmente come bisogna comportarsi in tal caso? Grazie

    1. Ciao Mario, i ricavi derivati dalla tariffa incentivante, non sono soggetti ad IVA ma sono rilevanti ai fini delle imposte dirette e IRAP, sono soggetti a ritenuta di acconto del 4%. I ricavi derivanti dalla vendita di energia sono soggetti ad IVA, e rilevanti ai fini delle imposte dirette e IRAP. L’impianto è un bene strumentale e le quote di ammortamento sono detraibili.
      Prova a guardare anche qua:
      http://www.cnaenergia.it/files/disciplina_fiscale.pdf
      e qua
      http://www.consulente-energia.com/fv-imposte-tasse-reddito-fotovoltaico-vendita-energia-impresa-privato-azienda.html
      Lo spiegano molto bene 🙂

  94. Ciao, vorrei un chiarimento nella compilazione della richiesta online;
    quando inserisco l’allegato della richiesta di connessione, faccio salva e poi scarica pdf.
    dopodichè la firmo e la carico, ma la carta d’ identità e la dichiarazione sostitutiva per l’attestazione della disponibilità del sito, dove la allego???poi, devo perforza allegare la ricevuta di ritorno del modulo di adesione????grazie

    1. Ciao Lorenzo, spero qualcuno risponda, perchè io non lo so, e già qualcuno aveva dei dubbi su dove caricare quei documenti. la ricevuta di ritorno va caricata, sono quasi certo. Non chiedermi dove perchè non lo so 😉

  95. Buongiorno a tutti, buongiorno Stefano.

    Vorrei sollecitare una discussione sul 5° conto energia. Se lavorate in proprio o per conto di un’azienda, vorrei sapere orientativamente le reazioni che avete avuto e/o riscontrato in altri, ed un piano ipotetico d’azione a fronte della forte riduzione dell’incentivo.
    Grazie, un saluto
    Mario

    1. Ciao Mario, vedo di scrivere due righe e aprire un articolo nuovo in modo da utilizzarlo come punto di incontro per discuterne 😉 Abbi pazienza solo un paio di ore, dopo pranzo mi prendo 10 minuti per scrivere 🙂

  96. Buongiorno a tutti: ho una domanda forse banale ma alla quale non trovo risposta: devo inviare la domanda di connessione on line per un impianto da 199 Kwp e mi viene richiesta la ricevuta dell’invio dell’adesione al portale produttori; sul portale di enel non trovo gli indirizzi a cui inviare la domanda dopo il primo luglio. Potete aiutarmi?

    1. Ciao Pierpaolo, avevo chiesto la stessa cosa ad Enel, ti copio sotto la risposta. Vedi se ti è utile 🙂
      “……..Il modulo di adesione dovrà essere inviato alla Direzione territoriale alla quale viene inviata la prima domanda di connessione tramite portale produttori. La Direzione territoriale provvederà ad archiviare il documento e a sbloccare il portale per le Sue successive richieste a livello nazionale.
      Gli indirizzi sono scaricabili dal link:
      http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_connessione/dove_inviare/
      Il modulo di adesione al portale può essere inviato anche tramite posta elettronica certificata, purché firmato digitalmente.
      L’indirizzo della PEC di Enel Distribuzione al quale può essere inviato il modulo è:
      produttori-eneldistribuzione@pec.enel.it.

      Cordiali saluti
      Unità Produttori

  97. ciao a tutti, avrei un quesito da porvi. Abbiamo appena installato un impianto fotovoltaico da 20 kw sopra il tetto di uno stabile con la rimozione dell’eternit esistente. E’ stato inviato il termine di fine lavori all’enel fine maggio e attendevamo l’allacciamento da parto loro. Non avendo risposta ci siamo informati sulla data dell’eventuale intervento e ci rispondono che dal primo luglio ci sono da fare tutte le varie modifiche sia per ciò che riguarda le frequenze degli inverter che sono da variare sia per ciò che riguarada l’installazione di ulteriori interruttori e altro nell’impianto secondo norma CEI021. Mi chiedo, essendo in attesa dell’ENEL, ma la data di fine lavoro era fine maggio, siamo obbligati a fare tutte queste modifiche ? In questo momento richiedono tempo con la possibilità che ci tocchi passare al prossimo conto energia e conseguente variazione di incentivi. Grazie a voi.

    1. Ciao Carlo, credo che purtroppo se l’impianto verrà allacciato dopo il 30 giugno, come ormai sembra essere, gli inverter dovranno essere conformi alle CEI 0-21 e dovrai aggiungere anche l’interfaccia esterna, visto che dal 1 luglio è obbligatoria per impianti sopra i 6kW. E questo sarà un bel disagio per voi. Spero che gli inverter che avete installato siano tra quelli aggiornabili.
      Però la domanda che mi pongo è questa, se avete dato la fine lavori con tutti i documenti a posto Enel vi doveva allacciare. Perchè non ha allacciato ? non è che Enel allaccia quando vuole. Enel ha 30 giorni lavorativi (o 90 se il lavoro è complesso) per allacciare, e questi giorni partono dal momento in cui inviate la fine lavori delle opere strettamente necessarie. Dopo di che se inviate tutti gli altri documenti (fine lavori impianto e regolamento di esercizio), entro 10 giorni dalla scadenza dei 30 Enel vi deve allacciare. Non so cosa sia andato storto.
      Oltretutto se rientrate nel quinto conto energia c’è anche il problema dei registri, ai quali si accede se la potenza supera i 12kW (in alternativa se la potenza è tra i 12 e i 20kW e accettate una riduzione di tariffa del 20% non rientrate).

  98. buongiorno a tutti. avete anche voi problemi con il portale produttori. venerdì ho chiuso una domanda di connessione dopo svariati tentativi di crash del sito. oggi registrando dei nuovi account non manda la mail per validarli e di conseguenza continuare con la registrazione. inoltre non si riesce a stipulare nuove domande perchè non salva i dati inseriti e va in errore.
    grazie mille e buona serata

    1. So che ci sono molti problemi, quindi Marco purtroppo non è una novità, anzi è una vergogna. Bisognerebbe fare qualcosa, protestare e chiedere di tornare a metodi più semplici. Se Enel non è capace di gestire un portale, che si torni alla Posta Certificata

  99. non pretendo sia affidabile come il portale GSE, poichè sappiamo benissimo che ci son voluti anni di rodaggio anche per quello. però almeno le funzioni basilari, tipo inviare la domanda di connessione senza perdere mezza giornata tra crash, notifiche che non arrivano e dati che si cancellano misteriosamente dalla compilazione. grazie mille per il riscontro e buon lavoro

    1. Ma figurati Marco, anche a me basterebbero le funzioni basilari. Buon lavoro a te, anche se ormai si può parlare di tutto tranne che di BUON lavoro 🙁

  100. Vi do un cosiglio (per chi non lo avesse già notato)…Mentre inserite i dati nel portale (intendo i dati relativi all’impianto, al titolare delal connessione ecc…) non cliccate sul pulsate salva che compare al di sotto di ogni TAB…Andate, una volta compilato tutto, alla sezione in cui si salvano i dati e la DCE e cliccate su salva dati…avrete la vostra Domanda di Connessione in formato pdf subito disponibile senza errori…
    Inoltre ultilizzare Crome, personalmente Explorer mi creo molti problemi..
    Queste le cose che ho personalmente notato utilizzando il portale…;)

  101. Si Fabio ha ragione. Però ho notato che il portale, quando da errore nel salvataggio, vuol dire che qualche campo è editato male. Vi consiglio di non scrivere testi lunghi nelle note tecniche perchè va in errore. inoltre la domanda di connessione non è formalmente corretta in quanto, scegliendo l’opzione di mandatario con rappresentante, viene dichiarato nella sezione D che il richiedente (mandatario) è proprietario/comproprietario (o la scelta indicata). in realtà dovrebbe essere scritto “il mandante”. è una formalità per carità, però è errata! per il resto sembra sia in ordine e vi devo dire che se i futuri passaggi andranno bene, potrebbe essere più veloce anche della PEC. sono un uomo di fede, purtroppo 🙂

    1. Ciao Marco, tu come le stai facendo le domande ? Come mandatario con rappresentanza ? Ovvero gestisci come unico interlocutore le tue domande di connessione ? Grazie

    1. Penoso, dobbiamo fare qualcosa. Dobbiamo tornare alla PEC. Se non sono capaci di gestire un portale non è un problema. Torniamo alla PEC e la storia finisce li. O sbaglio ?

  102. stanno mettendo a dura prova la mia fede! il portale è tornato a non funzionare ovviamente. allucinante lavorare così.
    comunque Stefano, io sto gestendo in parte con apertura di utenza singola per ogni cliente (quindi una mail creata appositamente per l’apertura) e in parte con il mandato. ovviamente il secondo è molto più veloce perchè ti evita di aprire ogni volta un’utenza e di spedire il modulo. ho notato solamente quell’errore all’interno della stampa della domanda. il resto mi sembra in ordine.
    se tutto funzionasse non sarebbe poi così male. è abbastanza ordinata e di facile utilizzo. il problema è che non funziona ed il fatto che non ti salva i dati inseriti è sicuramente gravissima poichè è lavoro e tempo buttato via.
    non è presente un call center, e alle mail del servizio clienti penso che vadano direttamente cestinate. la PEC era sicuramente una buona gestione però immagino e spero che poi per compilare tutti gli allegati della fine lavori sia una passeggiata visto che tanti dati sono già stati inseriti. speriamo sia come logica chiama!

    1. Domani scrivo un articolo e evidenzio che non va una mazza, se mi confermate che non va 🙂 Cosi protestiamo lì, so che Enel ci legge 😉 Non solo il mio portale, tutti in genere 🙂

  103. confermo che non funziona. e penso che per oggi rimanga tale. spero domani mattina.
    ti chiedo una delucidazione: hai scritto nei commenti precedenti che la nuova norma CEI 0-21 obbliga ad installare un’interfaccia esterna per impianti sopra i 6kW. ho riletto bene la normativa e dice che gli impianti sotto i 20kW non aventi più di tre inverter sono esclusi dall’obbligo dell’installazione di un’interfaccia esterna (vedi punto 8.2.2.2), quindi sembra sia rimasto uguale a prima. ho capito male? grazie mille

    1. In realtà non dobbiamo confondere la dicitura DDI con SPI, il DDI è l’interruttore. L’articolo che hai citato dice che per impianti con più generatori (3 inverter) il DDI (ovvero l’interruttore o contattore) deve essere di norma unico e comandato da un unico SPI (protezione di interfaccia). Poi dice che è ammesso l’uso di più DDI (interruttori o contatori) comandati da un unico SPI (protezione di interfaccia) purchè collegati in logica OR. Sino a 20kW poi puoi usare fino a 3 DDI + 3 SPI senza logica OR. La protezione di interfaccia SPI può essere esterna o interna all’inverter, e l’articolo 8.6.2 dice chiaramente che oltre i 6kW la protezione deve essere esterna. Nonostante sia un po “arzigogolato” in realtà l’articolo 8.2.2.2 NON dice che puoi omettere la protezione di interfaccia esterna sino a 20kW. Infatti tutti i produttori hanno la dicitura SPI per impianti di potenza maggiore di 6kW. Sono abbastanza sicuro, ma non vuol dire che abbia ragione. In realtà il paragrafo 8.2.2.2 dice solo che puoi usare 3 SPI asserviti a 3 DDI senza logica OR sino a 20kW. Correggimi se sbalgio 😉

      1. Ciao a tutti…

        Mi intrometto per confermare quanto riportato, hoi avuto conferma anche da TNE.

        Se l’impianto supera i 6kWp obbligo di SPI esterna e relativo DDI esterno.

        Se si superano i 3 inverter e/o i 20 kWp necessario anche il rincalzo tra SPI e gli inverter…

        PER QUANTO RIGUARDA IL PORTALE:

        Quel maledetto non funziona…dovevo solo confermare la pratica certosinamente inserita e si blocca proprio mentre dovevo salvare…

        Spero che sia solo in manutenzione e domani sia
        tutto funzionante…

        Pensavo che il portale applicativi del GSE fosse una palla al piede ma questo è indecente!!

        Devo inserire 4 impianti domani….speriamo bene!

        1. Ciao Marco 😉 Ti intrometti ? E fai benissimo 🙂
          Grazie per le due conferme, la prima non l’avevo trovata su TNE.
          Per il malfunzionamento del portale Enel ormai vedo che è la norma 🙁

  104. rileggo tutto con molta attenzione. grazie mille per il chiarimento/confronto.
    sono curioso di leggere il tuo articolo. buon lavoro!

  105. Cari Tutti,
    ho letto con molta attenzione ogni vs commento/argomento. Li trovo sempre di grande aiuto xkè sono due settimane che non dormo grazie a tutta sta normativa/burocrazia/enel/terna/ecc… che ringrazio per avermi rovinato sonno e business.
    Ma xkè solo in Italia da sempre esiste l’ U.C.A.S. ?
    (ndr: Ufficio Complicazione Affari Semplici).
    Un saluto assonnato 🙂

    1. Ciao Fabrizio, dai che ce la facciamo 😉
      Anche io ho sonno, ma chiacchierare con voi durante il giorno mi sveglia un po 😉

  106. Buongiorno, ve ne sarete già accorti tutti ma anche oggi il portale Enel non funziona… Di certo non fanno nulla per renderci il lavoro semplice, operazioni semplici come la richiesta di un preventivo a causa del loro sito ballerino ora richiedono ore e ore di lavoro, spesso ripetuto, perchè i dati inseriti non vengono salvati! Ora l’epilogo… non funziona proprio

  107. Buongiorno Stefano,
    potresti dirmi dove stai scrivendo, così lo comunico ai colleghi che come me sono bloccati a causa del portale. Ti appoggiamo tutti!

    1. Sto scrivendo un articolo qua (tra 10-20 minuti), per protestare e per raccogliere informazioni su eventuali contatti per inoltrare le nostre lamentele. Io ho qualche contatto, ma non essendo ufficiale non posso postarlo. però magari raccogliendo tutti informazioni riusciamo a protestare con un po più di forza 🙁

  108. Io ieri sono riuscito ad inoltrare tramite portale due DCE…vi consiglio, se il portale vi crea problemi e non avete mai salvato nessuna TAB, di salvare 1 VOLTA e poi riloggare…a questo punto non dovete fare altro che inoltrare la domanda..io ieri ho risolto così…tuttavia non è modo di lavorare..Se il loro intento è quello di risolvere il problema del Loro portale facendo morire di rabbia ed isterismi gli utenti, beh, il portale allora funziona a meraviglia!!!!
    Proposta per Stefano: potresti aprire una discussione sugli inverter attualmente compatibili CEI 0-21 e su come si comporta ENEL attualmente con i Regolamenti di Esercizio che richiedono stampe delle soglie di intervento, autordichiarazione ecc…??

    1. Appena ho un attimo lo faccio. Ma intendi un mio approfondimento o un articolo per avere un punto per parlarne ? Nel primo caso non ho ancora esperienze dirette con Enel soo il primo Luglio (ho previsto allacciamenti ad agosto e settembre), nel secondo caso nessun problema 😉

  109. Buongiorno a Tutti,
    e bravo Fabio….inverter compatibili 0-21 ? una chimera ! tante chiacchiere e consegne a metà settembre !! ed attenzione….il 27 agosto cambierà ancora molto: conto energia ma anche la storia del riciclo moduli FV che dovrà essere garantita e certificata a GSE altrimenti….
    Morale: *********** 🙂
    alla prossima, ciao.

    1. Ciao Fabrizio, io sono esasperato……..non so voi……a questo punto mi pare una mossa deliberata per NON farci allacciare impianti prima di settembre. Vuol dire che questa estate andrenmo tutti al mare a fare i buchi nella sabbia per cercare l’acqua 😉

  110. Caro Stefano, i buchi già li ho….nelle tasche 🙂
    niente allacci niente incassi 🙁 non mi resta che la vasca da bagno ma tant’è….that’s life ! show must go on 🙂

  111. Per discutere delle marche, delle problematiche di aggiornamento firmware e come al solito cercare di uscire da questa melma burocratica che continuamente ci viene spalata addosso senza affogare nel tentivo di trovare delle soluzioni..Alla fine i problemi credo siano comuni a tutti..Poi Stefano ovviamente se il tutto può nascere da un tuo approfondimento ben volentieri…

    1. Guarda Fabio, hai centrato il concetto, ed è quello che pensavo, con il tempo che ho di approfondire, preferisco aprire un post (o articolo chiamiamolo come vogliamo) e con i commenti cerchiamo di darci una mano 😉

      Ora sono incasinato, domani apro 😉

  112. sono anch’io un progettista che si occupa anche di fotovoltaico per lo più nel basso Trentino dove invece di Enel abbiamo SET e devo dire che la procedura on-line è molto agevole e veloce. Con Enele invece è sempre un problema, persino di accesso al sito, in alcune ore è praticamente impossibile fare pratiche di accesso. Ora io ho un problema con un cliente. Enel mi comunica che sul portale c’è il preventivo, io vedo che inserita la data di invio ma non riesco a trovarlo, vi è mai capitata una cosa simile? vi devi dire che è la prima volta che uso il portale per cui non conosco bene i vari passaggi, ma mi sembra di seguire la strada giusta che è poi quella indicata nella email che ha inviato enel. Mi sapere aiutare?
    grazie Adriano

    1. Ci sono persone più esperte di me sul portale Enel, ma molto spesso sono problemi del portale, non delle procedure che usa l’utente, spero qualcuno ti sia di aiuto 😉

  113. Ciao Adriano prova a cercare:
    – nei documenti non letti della prima pagina del portale o
    – in “domanda di connessione/ricerca/dettaglio/comunicazioni ricevute da leggere”
    sempre con il beneficio del dubbio…

  114. Se qualcuno mi può aiutare! Mi succede che ho caricato sul portale My Enel una domanda di connessione ed ho caricato i vari documenti in più giorni, ora gli Uffici di Enel Distribuzione mi chiamano e mi comunicano che la domanda è respinta , perche l è “fuori time”? Che significa? qualcuno sa se ci sono dei tempi da rispettare, dall’inizio del caricamento pratiche all’invio definitivo? grazie mille!

  115. Grazie Stefano per la tua cortesia, per dirla tutta, mi hanno detto che la pratica è respinta e che devo rifare la procedura da capo, sapendo che ormai non riesco più a far allacciare l’impianto del mio cliente entro il 27 agosto! Sigh!

  116. Fuori tempo massimo……. per quello chiedevo se qualcuno mi poteva aiutare a capire dove posso trovare e se esiste veramente dove è indicato o spiegato che la domanda di connessione devo caricarla nelle 24 ore da quando scarico il modulo d’adesione, lo faccio firmare dal cliente, lo spedisco A/R e poi carico la pratica con la ricevuta postale e tutti gli altri documenti…. Oggi un funzionario Enel mi ha detto che devo farlo nelle 24 ore!!!!!

    1. Mi sembra di sognare, tra Enel e GSE hanno tempi biblici per fare il loro dovere e noi dobbiamo fare tutto in 24 ore, ripeto stanno impazzendo tutti 🙁

  117. Buongiorno,
    Dalla Vostra esperienza, per volturare una domanda di connessione presentata via PeC e parzialmente gestita via PeC (accettazione preventivo, invio autorizzazioni, ecc.. già effettuato) è necessario continuare via PeC oppure si deve effettuare una registrazione a portale?
    Grazie!!

    1. ciao Alessandro. io sto continuando via PEC per le domande di connessione presentate prima del 01/07/2012. anche perchè a rigor di logica se dovessi usare il portale dovresti rifare la domanda di connessione e tutto l’iter. inoltre l’ENEL ha mandato via PEC i nuovi regolamenti di esercizio “cartacei” quindi sono da compilare e fare il solito plico spedendolo via PEC fino ai 20kW.
      spero di esserti stato utile. ciao

    2. Ciao Alessandro, le domande di connessione che hanno iniziato l’iter via PEC devono ultimare la procedura (fino alla connessione) tramite PEC

  118. novità del portale ENEL Produttori! oggi nessuno dei titolari della connessione e produttori può essere nato a Vicenza poichè Vicenza non è presente nella scelta a tendina e non è possibile chiudere la pratica!
    sempre meglio. ma lo stanno sistemando o lo vogliono ridurre sempre peggio. sono incredulo.

    1. Ciao Marco, forse qua non c’entra Enel, credo che a Vicenza il gestore di rete sia AIM, quindi Enel non ha competenza in quella città, correggetemi se sbaglio.

  119. il problema che non è possibile inserire Vicenza nemmeno come località di nascita. cosa che ieri ho fatto tranquillamente per tre pratiche. sembra sia stata tolta stanotte. avevano detto che il governo voleva abolire le province ma non credevo così in fretta 🙂
    comincia ad essere pesante la situazione. sai se il servizio clienti via mail risponde. perchè io ho mandato una mail lunedì e devo ancora ricevere risposta. grazie mille

    1. Allora secondo me hanno eliminato dal database Vicenza perchè di fatto non sono competenti per quel territorio, ma ovviamente se elimini la città dal database che è lo stesso che serve per scegliere il luogo di nascita Vicenza non ci sarà. Non ho idea sui tempi di risposta, l’ultima domanda di connessione l’ho fatta il 30 giugno via PEC e le prossime le ho in programma per metà Agosto, per fortuna non ho ancora avuto a che fare con il portale Enel 😉

    2. Su tutte o quasi le provincie è così…
      Pure io aspetto da lunedì che mi rispondano per un problema con 2 codici fiscali.
      La situazione è indecente e meriterebbe di essere segnalata. Qualcuno di voi ha riferimenti dell’AEEG?

  120. A quanto pare non si può nemmeno nascere a Torino…ed anche a Milano…io ho dei seri problemi con questo portale e non c’è un numero verde di riferimento…non funziona nulla, non si carica la schermata degli allegati…
    Disperata ho indicato nel luogo di nascita un paesino della provincia torinese per vedere se cambiava qualcosa e salvando non posso più modificarlo e non so come fare e a chi rivolgermi….che schifo…

  121. Buongiorno, scusate ho un urgente problema da risolvere. Ho inoltrato la richiesta di preventivo ad Enel per un impianto Fv da 3 kWp il 21/06/2012 tramite posta certificata. Ora ho ricevuto il preventivo, vorrei chiedervi come faccio ad inviare il tutto tramite procedura on-line. CIoè mi sono registrato al sito (come produttore) ma non rieco a trovare la sezioe dedicata all’invio dell’ultimazione lavori. Forse eprchè non ho inviato la domanda di connessione on line?Grazie

    1. Ciao Ivan, per tua fortuna visto come funziona il portale Enel, le domande inviate via PEC devono essere ultimate tramite PEC 😉

  122. Salve, complimentiper l’approfondimento e la preparazione di molti di voi (e soprattutto del grandissimo Caproni!), non so se è un quesito vecchio ma leggo che dal 1 Luglio la procedura è interamente on-line.. talmente on-line che non ho alcun riferimento su dove inviare la raccomandata A\R di adesione. E’ ancora obbligatoria? Ma soprattutto… che carico sul sito, dato che l’asterisco è ancora rosso (cioè allegato obbligatorio) alla voce “ricevuta invio accomandata A\R???

    Grazie!

    1. Ciao Mario, grazie.
      Ma i complimenti sono anche per voi, i vostri commenti sono utilissimi anche a me, li leggo TUTTI anche se poi vado a letto tardi la notte 😉

  123. Sì Mario, è ancora obbligatoria ed il portale lo dice chiaramente quando la scarichi “I suoi dati sono stati acquisiti è ora necessario scaricare dalla Home Page il Regolamento per l’accesso al portale produttori di Enel Distribuzione S.p.A. con il modulo di adesione già compilato con i suoi dati.Deve sottoscriverlo, scansionarlo ed allegarlo sul portale in occasione dell’invio della prima domanda.Dovrà, inoltre, inviarlo firmato in originale con raccomandata A/R agli indirizzi di riferimento pubblicati sul sito di Enel Distribuzione S.p.A.
    Clicchi sul logo per accedere alla Home Page”.

    Cmq per me oggi è la prima volta che utilizzo questo portale e devo dire che riesce ad essere più fastidioso del Censimp e delle sue bolle azzurrine. E’ possibile che in tutto il giorno sia riuscito ad arrivare solo fino all’inserimento dei dati tecnici? La scheda allegati non vuole saperne di aprirsi dalle 10 di stamattina. E’ uno scandalo, ma che server hanno in enel, dobbiamo connetterci uno alla volta? pessimo, pessimo, pessimo.

    1. Ciao Michele, il portale Enel come dici è molto più fastidioso di quello GSE e Terna messi insieme, se volevano complicarci la vita, sono stati davvero bravissimi 🙁

  124. Ciao. Stamattina il portale non è proprio raggiungibile. In questi giorni non si riesce a fare nulla che comporti il caricamento degli allegati. Personalmente ho iniziato a inviare il tutto anche via PEC allegando il frontespizio con comune e provincia. Enel ha detto che non verranno prese in considerazione altre modalità di invio ma è l’ultima spiaggia… Opinioni? Altre idee?

  125. Ciao Michele,
    sto avviando le pratiche per un impianto 12 kW su tetto e penso di attivarlo per gennaio /feb Dio aiutandoci che non faccia finire il V conto.
    Dunque mi sono registrato al portale ENEL , h oscaricato il modulo di adesione: ora devo inviare la raccomandata.
    Domanda: la si manda apputno per A/R a quegli indirizzi stessi che una volta si usavano per la domanda di connessione tipo la casella postale di via Pindaro di Milano (a seconda delle varie province?)? grazie amici

    1. Ciao Francesco,
      in attesa della risposta di Michele che ne sa più di me sulle domande di connessione da portale, ti allego sotto la risposta di Enel quando ho mandato il modulo di adesione in giro a tutte le mail che avevo di Enel (mi son detto che avrei preso tra gli indirizzi mail anche quello giusto) ;-):
      ———————
      Le comunichiamo che questo non è l’indirizzo al quale al quale inoltrare il modulo di adesione.
      Il modulo di adesione dovrà essere inviato alla Direzione territoriale alla quale viene inviata la prima domanda di connessione tramite portale produttori. La Direzione territoriale provvederà ad archiviare il documento e a sbloccare il portale per le Sue successive richieste a livello nazionale.
      Gli indirizzi sono scaricabili dal link:
      http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_connessione/dove_inviare/
      Il modulo di adesione al portale può essere inviato anche tramite posta elettronica certificata, purché firmato digitalmente.
      L’indirizzo della PEC di Enel Distribuzione al quale può essere inviato il modulo è:
      produttori-eneldistribuzione@pec.enel.it.
      Cordiali saluti

      Unità Produttori

  126. e rispondo, visto che l’impianto sarà a nome di mia sorella, mentre sono io che ho la firma digitale e la PEC, va bene lo stesso se mando con mia firma digitale e con mia PEC? grazie ancora carissimi amici

  127. Caro Stefano e tutti,
    in merito all’entrata in vigore dell’ennesimo C.E. cosa pensate del balzello “riciclo garantito dei moduli FV” ? e poi….ho urgente necessità di INV 2KW , qualcuno ne dispone ? mi toglierebbe da guai. Grazie e buon lavoro.

    1. Ciao Fabrizio, non mi preoccuperei di quella dicitura, dal 1° Luglio tutti i produttori devono aderire ad un consorzio di riciclo, la sostanza è quella, la cosa è valida anche per il Quarto Conto dal 1° luglio al 27 agosto.
      Per gli inverter ti mando una mail.

  128. Salve,
    Sto facendo installare un impianto fotovoltaico sopra il tetto di casa mia, dal sito enel la situazione e’ la seguente :

    Stato Pratica:
    Lavoro ultimato in data 25/07/2012. In attesa di attivazione misuratore.

    Iter di allacciamento
    Fase per la connessione Data Scadenza
    Richiesta ricevuta in data 29/06/2012
    Preventivazione avviata in data 29/06/2012
    Preventivo inviato in data 25/07/2012 26/07/2012
    Preventivo accettato in data 25/07/2012
    Lavori a tuo carico per impianto di rete ultimati in data
    Lavori iniziati in data 25/07/2012
    Lavoro ultimato in data 25/07/2012 25/07/2012
    GME/CE intallato in data
    Impianto attivato in data

    Cosa significa “In attesa di attivazione misuratore.”

    Secondo voi in quanto tempo mi verranno ad attivare l’impianto?
    Ho qualche minima speranza di entrare nel 4 conto ?

    Grazie mille delle utilissime informazioni che ho trovato sul sito

    Saluti
    Fabio

    1. Ciao Fabio, da quello che leggo se invii tutti i documenti di fine lavori impianto, entro 10 giorni ti dovrebbero allacciare. In attesa di attivazion emisuratore secondo me significa che a Enel rimane solo da fare l’installazione del contatore. Lo faranno entro 10 giorno da quando inii i documenti di fine lavori.

  129. Salve a tutti.
    volevo chiedere una delucidazione.
    nelle domande di nuova connessione.
    nella compilazione dei “Dati Impianto nuovo” cosa si intende con “durata della potenza istantanea”???
    quel dato non l’ho mai compilato nelle precedenti domande di connessione ma ora con la procedura on-line è obbligatorio inserire questo dato!
    Grazie

    1. Ciao anche a me e capitato e il tecnico enel con cui ho parlato mi detto di inserire un valore a caso….60s per esempio…non cambia nulla..serve solo nel caso di macchine che richiedano più potenza per partire (motori per esempio)…Quindi vai tranquillo e metti un valore a caso..Enel non lo guarda nemmeno..

  130. Ah bene!
    E’ inutile che mi aggiunga alla già gran massa di operatori del settore che in questo momento stanno insultanto l’opera d’arte chiamata portale Enel.
    Grazie lo stesso!!
    aspetto che qualche buon anima che si sia già imbattuto nel mio crucio mi chiarisca un po’ le idee. da quello che vedo c’è un sacco di gente ultra informata. Rimpiango le PEC…

  131. Questa volta amici chiedo io un consiglio a voi. La prossima settimana parto con alcune domande di connessione, ho già account sul portale Enel. Che faccio, parto con il mio account con mandato o faccio un account per il cliente ? Preferirei la prima ma ascolterò i vostri consigli 😉
    Grazie

  132. Vai di mandato.
    All’inizio pensavo di dedicare un profilo per impianto perchè c’era il discorso dell’atto notarile ma dato che ora basta una semplice comunicazione non vedo perchè non farne uno solo, hai tutto sotto mano.
    E poi c’è il discorso della e-mail, e se non ho capito male anche il numero di cel non può essere lo stesso tra due pratiche.
    Ah troppe rotture di scatole con profili diversi.
    per di più con un profilo unico hai tutto sotto crontrollo.
    Questo è il mio modesto parere.

  133. Scusate ma con il regolamento d’esercizio da consegnare ad enel voi come avete risolto? voglio quei report per gli inverter….senza quelli non può essere accettato il regolamento d’esercizio. Va fatto con cassetta prova relè? ma qualcuno ce l’ha in giro?

    1. Ciao Alessandro, nel regolamento di esercizio è specificato che deve essere fornito il file della prova. Che poi quello che viene richiesto sia diverso da quello che viene scritto non lo so. In ogni caso la CEI 0-21 dice nel fac-simile di regolamento che il gestore di rete deve chiedere il file. La cassetta in c’è, io l’ho ordinata ma arriva a settembre 🙁

    1. Per fortuna no, abbiamo fatto in fretta a chiudere tutti gli impianti entro il 30 giugno, e i clienti che volevano fare un impianto hanno deciso di aspettare e andare con il quinto conto 😉 Stiamo per fare domande di connessione e allacceremo quando dovrei già avere lo strumento 😉

  134. scusa l’indiscrezione ma quanto costa quello strumento? E’ possibile che si rischia di comprarlo e poi magari cambiano nuovamente leggi e regolamenti in modo tale da seppellire definitivamente il settore?
    Grazie per la disponibilità collega 😉

    1. Costano dagli 8.000 ai 20.000 euro. Che poi se aggiungi tutto quello che serve, tra interfacce e altri “aggeggi” non lopaghi meno di 12.000 euro e infatti io l’ho pagato (o meglio lo pago quando arriva, almeno questa me la sono tenuta, pagamento alla consegna) 12.000. Non credo cambino le normative, ormai la CEI 0-21 è in vigore, al limite saranno da aggiornare. Io se cambiano le norme e non va più bene glielo intrigo dove puoi immaginare e chiudo l’attività 🙂 L’hanno scorso sono stato in Scozia, e mi ci vedo bene a pascolare le pecore sulle verdi colline delle Highlands 🙂

  135. Io tra un pò partirò a Malta…vedrò di trovare qualcosa per il futuro; magari mi arruolano in qualche squadra di marinai che escono in mare coi pescherecci 😉

  136. Ciao,
    in merito alla domanda che ho posto il 27/07 in merito alle nuove connessioni di impianti fotovoltaici, ho la risp magari vi è utile.
    Per gli impianti FV non è richiesto di “compilare correttamente” questi dati, nel senso che non riguardano il FV bensì quegli impianti di produzione di energia elettrica che all’avviamento necessitano in prelievo di una potenza notevolmente superiore (spunto) rispetto a quella in assorbimento con impianto funzionante a regime (prelievi per servizi ausiliari o altro).
    Per capirci meglio la potenza istantanea è la potenza di spunto e il tempo è per l’appunto la durata dello spunto.
    Il FV si sa non ha spunto ma il portale Enel non l’ha ancora ricevuta tale notizia, dunque
    nel caso di impianti FV, siccome il portale ancora non distingue la tipologia di impianti di produzione e per poter andare avanti con la pratica si devono compilare anche i due fatidici dati, un tecnico Enel mi ha consigliato di riportare come potenza istantanea la Pn dell’impianto e come tempo di mettere 0, ed ha pure aggiunto che per gli impianti FV non ne tengono nemmeno conto di quello che hai scritto in merito a quei dati. Spero di essere stato abbastanza chiaro ed esauriente.

    1. Andres, chiaro, esauriente e utilissimo. Un po’ come il portale Terna, dove ci sono un mucchio di caselle con varie potenze, ma per il FV si mette solo la Potenza Nominale.
      Grazie mille per aver condiviso 😉

    1. Avevo letto qualcosa ma poi ci avevo mollato, mi pare si tratti dello 0,3 per mille dei ricavi, e che ne siano assoggettate le imprese che esercitano una delle attività della lista, tra le quali la produzione di energia elettrica. Però non ho capito se il contributo si calcola anche sulle teriffe incentivanti o solo sui ricavi da vendita, e se si applica anche alle imprese che fanno scambio sul posto con liquidazione delle ecedenze. Ma l’ho letta in fretta, vedrò di approfondire 😉 Grazie per avermi ricordato l’ennesima delibera………non se ne può più 😉

  137. ciao,
    Sono soggette al pagamento e quindi all’iscrizione al portale dell’AEEG tutte le imprese che hanno un impianto fotovoltaico e si applica su incentivi, RID, TO e scambio sul posto per la quotaparte di energia non autoconsumata e venduta (eccedenze).
    Ah dimenticavo…… scade oggi!!

  138. Ciao a tutti….

    La news:

    Parto per le ferie tranquillo (una terribile settimana in tunisia), dopo aver caricato le mie 2 domande di connessione….

    Cosa riceve il cliente?? chiamata dall’ enel per avvisarlo che il tecnico (io) non ho caricato la planimetria catastale nel portale…!!

    Ma se non è neanche possibile conferemare la pratica senza caricare gli allegati??!! questo sistema è pieno di falle…!!

    Roba da matti…

    Adesso mi collego al portalone… e vedo se si può risolvere…

  139. Buongiorno Stefano, e tutti !
    dopo aver accantonato gli inverter….mi sono dato alla macchia per impianti a isola 🙂
    ho un piccolo sito da 1KW con 6 batterie da 12V160A e ti chiedo se hai consigli sul tipo di regolatore di carica inserire (il campo fornisce circa 80V)
    Grazie e buon lavoro.

    1. Grande Fabrizio, mi sai che hai anticipato molte persone, darsi alla macchia sarà il futuro. Per quanto riguarda la tua domanda spero qualcuno ti aiuti, io sono completamente impreparato su queste cose 🙁

  140. Ciao, ho un problema, sono alla mia prima pratica che invio sul portale, ora mi trovo scritto preventivo inviato.
    Vado in “Preventivo” mi dice accetta, ma non riesco a visionarlo per capire quanto devo pagare. Enel mi dice che ci sono dei problemi… poi dopo aver scaricato l’allegato A cosa devo fare?? ti ringrazio anticipatamente per la risposta.
    Saluti Lorenzo

    1. Ciao Lorenzo, io non ho ancora fatto domande su portale, spero ti aiuti Andres che ne sa 100 volte più di me 😉

  141. Ragazzi mi dispiace deludervi ma ne ho fatte si diverse di richieste di connessione ma ho iniziato un paio di settimane fa a utilizzare il portale dato che ho spremuto fino all’ultimo le pec.
    Sono ancora in attesa di ricevere il primo preventivo. Solamente ti posso dire che Enel dopo alcuni giorni ti invia il numero pratica per il resto sono in attesa pure io. Prova ad inviare una mail agli indirizzi resi disponibili da Enel.
    A me fin adesso hanno risp. A volte subito a volte dopo qualche giorno, penso vadano a sentimento. Mi dispiace di non essere stato d’aiuto.

  142. Grazie Andres, io sono già dopo quelle fase, il preventivo lo hanno già inviato…solo che mi c’è l’opzione accetta …ma non visualizza!!!mha

  143. magari è un problema di browser….prova a cambiare browser…fallo con firefox o chrome…io ho mandato già 6 richieste di connessione, ho ricevuto i codici di rintracciabilità ma non ancora i preventivi.

  144. AIUTOOOOOOO!!!!!!
    Non so più cosa fare…qualcuno sa come accettare il preventivo e, soprattutto, dove posso visualizzare questo benedetto preventivo?

    ke nostalgia per i francobolli, racc. a/r, PEC.. 🙁

    1. Ciao Lucio, mihanno detto che dovrebbero aver messo a disposizione dei numeri di telefono sul portale, hai provato ?

  145. Ciao Stefano, mi hanno riferito che il portale sblocca la pratica dopo 24h, ossia e’ possibile visualizzare il preventivo.
    mah! vi aggiornero’ se ci sono novita’

  146. Ciao a tutti, mi ritengo un’esperta ormai di portale Enel dopo aver caricato 70 domande di connessione in 12 giorni! Funziona così: caricate la domanda con tutti gli allegati richiesti, dopodichè Enel vi manderà il codice di rintracciabilità e dopo aver fatto il sopralluogo, vi invierà il preventivo. Entrate in “domande di connessione” e poi “ricerca”; selezionate dal menu tendina, la voce “preventivo ricevuto”, in questo modo filtrerà le domande con il preventivo da accettare. Cliccate su dettaglio e poi su documenti da leggere. Scaricate l’allegato (che è il classico preventivo); pagate l’importo e quando avrete il bonifico potete procedere con l’accettazione. Andate su PREVENTIVO, Accetta, e seguite l’iter (è facilissimo e molto veloce).
    Ora vi chiedo, qualcuno sa darmi qualche informazione su come si può inviare una fine lavori??? Grazie, spero di essere stata abbastanza chiara..

    1. Chiarissima Clarissa.
      Una persona che ha fatto 70 domande in 12 giorni è molto utile a tutti, spero tu intervenga di nuovo.
      Per il resto io non so aiutarti, ho posticipato il fotovoltaico a settembre perchè non mi volevo rovinare agosto, quindi per ora ancora niente domande on-line 😉

  147. Clarissa una domanda, le hai inserite sempre con un solo account con la procura del cliente oppure hai creato 70 posizioni? la fattura del preventivo a chi arriva?
    Grazie.

  148. Abbiamo creato un unico account a nome della mia azienda, e poi ogni cliente viene inserito come titolare della connessione dandoci però mandato di rappresentanza. In questo modo abbiamo la completa gestione della documentazione per conto del cliente. Inviata la domanda, se dovessero esserci delle integrazioni, o il preventivo, arriverà via mail a noi, e come raccomandata cartacea al cliente.

  149. Salve a tutti,
    Clarissa da quanto scrivi prendo nota che è possibile gestire tutti i clienti da un unico portale creato a nome della società, e presentarsi con il mandato di rappresentanza. Fin’ora ho operato crendo un accesso per cliente, mandando il modulo di adesione per ogni cliente, creando un account assestante….lavoro laborioso, ma funzionale.
    Vedo di aiutarti per la fine lavori:
    ricevuta la mail con il cod. rintracciabilità T0T5…., vai su preventivo e accetti.
    Poi vai al TAB “gestione lavori”. All’interno ci sono 4 sotto TAB. Lavori sui primi 3, il 4° non lo apre.
    In ogni TAB metti il codice di rintracciabilità, poi per ogni sottoTAB compili per quello che ti interessa ed in fine alleghi i doc che ti chiede e fai controllo e inoltro. Ripeto, questo per ogni TAB. Il primo dopo che l’hai compilato non te l oapre più per un po.
    Un saluto a tutti
    Ciao clarissa
    ciao stefano

  150. Grazie ragazzi, io leggo tutto.
    Poi alla fine farò un figurone perchè sarò ferratissimo sull’argomento ;-))
    In ogni caso credo siano notizie utilissime, il “come ho fatto io” se ha funzionato, è la risposta migliore che potere dare su un problema 😉 Meglio che ci arrangiamo tra di noi, che se dobbiamo aspettare Enel arriviamo alla pensione 😉

  151. Buon Giorno a tutti,
    io mi ritrovo a dover effettuare la prima fine lavori sul portale produttori enel.
    qualcuno mi puo spiegare anche in modo abbastanza rapido la successione delle schede da compilare??
    l’impianto è da 4,8 kw in bassa.
    il primo intoppo l’ho riscontrato compilando “Iter autorizzativo” sottoscheda “Fine procedimento”, mi viene richiesta una data di termine ultimo per il completamento dell’impianto di produzione, questa data dove la trovo o a cosa fa riferimento?
    i famosi autotest che richiedono dove vanno caricati? vi chiedo piu informazioni possibili in quanto non so piu che fare!!!!!
    Vi ringrazio anticipatamente
    Michele

  152. Si Mario, da un unico account gestisco tutti i clienti ed è meglio così, perchè con un unico accesso al portale ho sempre la situazione sotto controllo.
    Per quanto riguarda la fine lavori, ne ho inviata una, ma fino a quando non ho riscontro dall’enel, non so se è corretta. Della sezione Iter Autorizzativo, sai niente? E in “Gestione Lavori” compilo la sezione Fine Opere necessarie solo se ho la specifica tecnica?
    Grazie

  153. salve a tutti.
    Oggi è arrivato il primo preventivo sul portale,e come immaginavo non ho idea di come procedere.Tra gli allegati mi chiede la lettera di accettazione e il bonifico e fin qui ok…ma il regolamento,il preventivo,gaudi,dich.dell’inverter e tutto il resto dove va??non so proprio come procedere.io credevo che si procedesse come con la domanda di connessione,cioè che si scrive tutto sul portale e invece…so che sembrerò imbranata ma io stavo tanto bene con la PEC.
    grazie

  154. ho letto adesso il commento di Clarissa.Quindi quando si riceve il preventivo bisogna stampare la lettera di accettazione allegare il bonifico e inviare e basta? fatto quello dopo c’è il resto della procedura e si può accettare il preventivo?ci vuole tanto però?

  155. Non è stato possibile inoltrare al sistema di back office l’accettazione del preventivo.
    (EP-002) Errore nella procedura di invoke del WebServices.

    Qualcuno consoce questo problema all’accettazione de preventivo ed eventualmente sa come risolverlo?
    Il mio referente di zona Enel mi ha detto che c’è un indirizzo mail dell’enel per segnalare i problemi sul portale, ma che non riesco a trovare.
    Grazie

  156. Risolto. Leggendo su qualche forum ho trovato indicazioni di segnalare tramite mail (non precisata) ad Enel l’anomalia. Contattando un altro referente ENEL mi ha semplicemente spiegato che si tratta di una congestione momentanea sul portale dovuta al troppo traffico. Infatti ho riprovato poco dopo e si è sbloccato e sono riuscito a fare l’invio.

  157. si potrebbe fornire una guida breve “step by step” per completare una pratica di allaccio di un impianto fv fino a 20kW (domanda, accettazione preventivo, ecc.)? Ma il progetto va inserito?

    1. Appena completo una pratica di connessione (riparto a settembre con le connessioni) potrei vedere di farla, se qualcuno vuole buttare giù qualcosa da pubblicare non mi da fastidio, anzi 😉

  158. scusate qualcuno sa dirmi x quanto riguarda gestione lavori se gli allegati sn da inserire tutti o solo quelli cn l’asterisco?

  159. Gentile Stefano Caproni,

    avrei una domanda sulla questione. E’ possibile dare sul portale produttori Enel il “fine delle opere strettamente necessarie…” senza aver installato il dispositivo di protezione di interfaccia?

    La ringrazio e la saluto.

    1. Certo, il fine opere strettamente necessarie, indica che il produttore ha realizzato le opere necessarie per la connessione indicate nella specifica tecnica. Ovvero le opere che Enel chiede per la connessione (realizzazione di una nicchia contatori, posa di tratti di tubazione, etc). La si può dare anche senza aver iniziato l’impianto.
      Il documento fa partire il termine di 30 (o 90) giorni entro i quali Enel deve dare la disponibilità per la connessione, da realizzarsi entro i 10 giorni.

      1. Chiaro, grazie.

        Avrei un ulteriore chiarimento al proposito:
        quel termine (30 o 90 gg.) di fatto è anche il limite entro cui l’impianto deve essere completamente terminato (incluso il sudetto dispositivo, se ad esempio il fine opere strettamente necessarie era stato dato senza) al fine di consentire all’Enel di procedere all’allaccio?

        1. No, l’impianto lo completi quando vuoi, mi pare che hai 12 mesi per impianti in BT (ripeto mi pare). I 30 o 90 giorni sono il tempo entro il quale Enel deve darti la disponibilità alla connessione. Una volta che tu mandi la fine opere strettamente necessarie conti 30 giorni lavorativi, entro quei 30 giorni Enel ti deve dare disponibilità all’allacciamento (e allacciarti entro i 10 giorni succesivi se hai inviato la fine lavori impianto e tutti i relativi allegati), oppure ti deve dire che è pronta e attende la fine lavori se non l’hai inviata (appena la mandi soliti 10 giorni). In caso non siano previste opere per la connessione Enel ha 10 giorni per allacciarti dal momento in cui mandi la fine lavori.

  160. Salve a tutti, qualcuno sa come si puo’ risolvere o cosa bisogna fornire per il problema della mancanza del TIMESTAMP che richiede l’ENEL in merito ad alcune domande inviate tramite il portale ?Grazie1000 Saluti

  161. Buongiorno: avrei una domanda da porre: un mio cliente produttore ha inoltrato domanda di connessione nel marzo del 2009 col sistema tradizionale. Ora causa problemi autorizzativi ha dovuto diminuire la potenza d’impianto ed ENEL richiede una nuova domanda. Devo adattarmi al nuovo sistema on line oppure, dato che avevo proceduto ad una domanda precedente posso utilizzare lo stesso canale tradizionale? Grazie per l’eventuale attenzione.

    1. Se la domanda di connessione (preventivo Enel scaduto, o tempi per la realizzazione dell’impianto scaduti), occorre fare una nuova domanda. Se diminuisci la potenza in un impiantoancora con TICA attiva, non devi fare nessuna nuova domanda se non cambi la potenza massim ain immissione. Questo è certo perchè ho già agito in questo modo per due impianti. C’è anche un modulo Enel per comunicare il cambio di potenza di picco.

  162. scusate, sto facendo una fine lavori per un impianto da 4,8kwp.
    Mi chiedo comè è possibile che negli allegati della comunicazione di fine lavori il regolamento di esercizio, schema unifilare, ecc. siano allegati non obbligaori (senza asterisco)?
    Immagino di aver sbagliato qualcosa.
    Grazie

    Claudio

  163. Buona sera!
    Come tutti voi – o quasi – anche io ho un problema col portale produttori Enel che mi ha fatto perdere un sacco di tempo: non riesco ad andare avanti con l’invio della domanda di connessione perchè mi dice che l’anagrafica del produttore è già presente. Ho pensato che potrei cancellare l’account e ripartire da capo, ma sembra impossibile…Aiuto!

    1. Ciao Valentina, rispondo perchè non vorrei pensassi che non leggiamo i messaggi, solo che io non ti so aiutare, parto a settembre con le domande On-Line, e purtroppo in questo periodo c’è poca gente in giro 🙁

  164. Ciao a Tutti finalmente sembra che martedi 21 agosto viene l’ENEL a farmi il collegamento del mio impianto. Dopo che ho costantemente sollecitato la qeustione all’enel e all’installatore a cui mi sono rivolto.
    Ora la situazione e’ la seguente:

    Documentazione e adempimenti:

    Iter di allacciamento
    Fase per la connessione Data Scadenza
    Richiesta ricevuta in data 29/06/2012
    Preventivazione avviata in data 29/06/2012
    Preventivo inviato in data 25/07/2012 26/07/2012
    Preventivo accettato in data 25/07/2012
    Lavori a tuo carico per impianto di rete ultimati in data
    Lavori iniziati in data 25/07/2012
    Lavoro ultimato in data 25/07/2012 25/07/2012
    GME/CE intallato in data
    Impianto attivato in data 21/08/2012

    Delle voci iniziali e’ tutto ok a parte che non ha la spunta “Acquisizione codice CENSIMP”

    Mentre il mio vicino di condominio (villetta bifamigliare) ha tutto spuntato e vengono nelle stesso giorno, sto rompendo le scatole all’enel che mi mettano a posto la spunta sulla voce acquisizione censimp ma loro dicono che e’ tutto ok che andra’ a posto … ma il tutto non mi lascia tranquillo non vorrei trovarmi martedi 21 dei problemi.
    Mi devo effettivamente preoccupare?

    Ciao e grazie Fabio

    1. Ciao Fabio, non mi preoccuperei del discorso Censimp, su questo Enel non è così fiscale, nel senso che se la procedura Censimp è già avviata ed è stata registrata l’unità produttiva, mancherà solo l’acquisizione del regolamento di esercizio che fa Enel. Io non mi preoccuperei 😉

  165. volevo segnalare che ho concluco i lavori il 31 luglio 2012 e l?enel mi ha connesso in rete il 13 agosto 2012, sto in provincia di Pescara e vorrei segnalare che ci sono società veramente serie in tutto come la Ega Energia di Guardiagrele Chieti veramente efficientissimi, il mio impianto e da 6 kw e sta producendo circa 30 kw giorno che ne dite ?

    1. Ciao Luciano ci sono aziende che lavorano benissimo. Anche se servirebbero i dati dei pannelli e il corretto orientamento, mi sono preso 2 minuti per guardarci, un impianto da 6kW con pannelli di qualità media e correttamente orientato a Chieti in agosto dovrebbe fare una media di 970kWh, quindi al giorno 30-32. Direi che considerando il caldo (che non fa bene ai moduli) che ti puoi baciare i gomiti 🙂

    1. Dovrebbero essere simili, guarda pero che non sempre i contatori sono con i dati a zero quando vengono installati. Se vuoi fare la prova fai il punto zero su un block notes (segna i dati di inverter e contatore) e poi leggi la sera.

  166. Buongiorno a tutti, mi occupo anche io di pratiche enel per fotovoltaico on line. Nel ringraziarvi di aver organizzato questo forum vorrei un aiuto per procedere con le pratiche che seguo.
    Ho un impianto da 5,88Kw, sono arrivata al preventivo di connessione. ho pagato il corrispettivo per il preventivo, ho allegato il tutto insieme alla lettera accetazione preventivo e ho inoltrato a enel.ora mi trovo nella pagina dell’iter autorizzativo dove leggo testualmente: richiesta di avvio del procedimento autorizzativo per la costruzione e l’esercizio dell’impianto di produzione nel rispetto della tempistica di cui agli artt. 9.5 e 21.5 dell’allegato A della delibera Arg/Elt n. 125/10. cosa sarebbe? qual è in realtà la documentazione che chiedono? scusate le domande a raffica. vi ringrazio attendo risposta!

    1. Quello che ti chiedono è la comunicazione di inizio lavori (CIL, SCIA, DIA) da fare al comune. Va fatta entro 60 giorni dall’accettazione dele preventivo e va comunicata con un apposito modulo (sempre che tu abbia già fatto la comunicazione di inizio lavori). Trovi i fac simili per la comunicazione qua https://www.enel.it/it-IT/doc/reti/enel_distribuzione/Produttori_Fac-simili_comunicazioni_e_dichiarazioni_sostitutive_v2.zip la tua è quella relativa agli articoli 9.5 e 21.5. Ovviamente hai 60 giorni lavorativi per presentare in comune la rihciesta del titolo autorizzativo dalla data di accettazione del preventivo.

  167. grazie stefano per le risposte , comunque io ieri sera ho segnato i dati erano 100 all’inverter e 70 al contatore comunque lo tengo sotto controllo e stasera risegno i dati e grazie ancora e credimi sono contento di questo investmento fatto e mi vorrei baciare i gomiti come dici tu ma per non averlo fatto prima, comunque va bene così grazie e complimenti per la tua puntualità e competenza.

    1. Figurati, grazie e voi che mi leggete. Ogni nuovo impianto allacciato fa felice anche me, è un piccolo passo avanti per un paese più green 😉

  168. Per questo cliente è necessario richiedere l’autorizzazione paesaggistica ( una sorta di permesso per poter procedere) poi a noi serve anche un documento rilasciato dal comune ( Tortolì) che attesti che questo certificato è titolo idoneo alla costruzione dll’impianto .Io mi chiedo se per poter procedere, quando l’Enel parla dell’avvio del procedimento autorizzativo si può riferire a questo permesso?

    1. L’avvio del procedimento autorizzativo è quello di cui hai parlato, ovvero l’autorizzazione a costruire l’impianto (paesaggistica, etc), o meglio l’avvio del procedimento (in caso di un procedimento che richieda una risposta, basta che tu abbia fatto richiesta del titolo autorizzativo). Il documento che attesti che l’autorizzazione è titolo idoneo non serve ad Enel ma al GSE in seguito. In pratica con i moduli che ti ho allegato (o meglio il modulo di pertinenza) devi dichiarare che ha fatto richiesta del titolo autorizzativo in data etc etc, se leggi il modulo (dichiarazione sostitutiva) secondo me è tutto più chiaro.

  169. mi sono affidato alla ditta installatrice per il disbrigo di tutte le pratiche. Il mio impianto con chiusura lavori il 25 luglio ancora, purtroppo, non è stato collegato alla rete,
    i 10 gg di cui parlate sono quindi trascorsi senza esito. vi è una possibilità di chiedere un risarcimento per mancata produzione.
    grazie

    1. Sei sicuro che sia stato inviato tutto ? Perchè se manca anche solo un documento i tempi non partono, se invece ci sono documenti errati Enel deve darti comunicazione, il silenzio Enel mio suona più da mancanza documenti, in ogni caso solo tu puoi verificare (telefona al referente indicato nel preventivo e chiedi lumi). In ogni caso si, i risarcimenti sono previsti sia per l’allaccio in ritardo che per la perdita di eventuale tariffa (passaggio da un conto ad un altro a a una tariffa più bassa dello stesso conto energia.
      Ne ho parlato qua https://newsenergia.com/tutelarsi-ritardi-enel-perdita-incentivi-0625.html

  170. Ciao ragazzi, sono sempre io!ho un problema…sono nella sezione iter autorizzativo, – inizio procedimento- ho compilato il tutto e ho allegato il seguente documento: Dichiarazione sostitutiva di atto per avvio iter autorizzativo. Una volta inoltrato al distributore c’è la fase fine procedimento ma quando ci clicco sopra con numero di pratica leggo “Al codice pratica corrisponde un procedimento non ancora avviato.” c’è qualcosa che ho tralasciato?

  171. Gentile Sig.Caproni,

    innanzitutto la ringrazio per le preziose informazioni e articoli presenti nel sito, nonchè per le esaurienti risposte fornite ai quesiti.

    Essendo in compilazione delle DOMANDA DI CONNSESSIONE di un impianto che certamente aderirà al 5°conto energia, mi è sorto il seguente dubbio (nella sezione Dati impianto-Dati tecnici).

    D3a – CESSIONE PARZIALE – vendere l’energia elettrica al netto dei propri autoconsumi attraverso contratti bilaterali o alla vendita diretta in borsa

    D3b – CESSIONE TOTALE – vendere l’energia elettrica prodotta al netto dell’autoconsumo degli ausiliari (attraverso contratti bilaterali o alla vendita diretta in borsa)
    D3c – SCAMBIO SUL POSTO – accedere alle condizioni previste dal Testo Integrato per lo Scambio sul Posto (TISP), di cui alla delibera ARG/elt n. 74/08 e successive modifiche e integrazioni

    D3d – CESSIONE PARZIALE RITIRO DEDICATO O TARIFFA OMNICOMPRENSIVA – accedere alla condizioni previste dal Ritiro Dedicato o dalla Tariffa omnicomprensiva per la vendita al GSE dell’energia elettrica prodotta al netto dei propri autoconsumi

    D3e – CESSIONE TOTALE RITIRO DEDICATO O TARIFFA OMNICOMPRENSIVA – accedere alla condizioni previste dal Ritiro Dedicato o dalla Tariffa omnicomprensiva per la vendita al GSE dell’energia elettrica prodotta al netto dell’autoconsumo degli ausiliari

    LA QUESTIONE è:
    -Detto che con il 5°conto energia la tariffa incentivante (omnicomprensiva e premio) è ALTERNATIVA allo scambio sul posto, significa che NON DEVO spuntare “Scambio sul posto” se voglio in seguito accedere alle tariffe incentivanti, ho il dubbio su quale delle opzioni possibili va spuntata per avere l’accesso al Conto Energia inteso come tariffa omnicomprensiva + tariffa premio?

    Questo perchè trovo vi siano delle incongruenze su quanto scritto ai punti D3d e D3e e l’Art.5 del decreto relativo al 5°Conto Energia…

    -Citando il sito GSE:
    gli impianti che accedono ai meccanismi di incentivazione previsti dai Decreti Interministeriali del 5 luglio 2012 (V Conto Energia) non possono accedere al Ritiro Dedicato

    inoltre

    -La tariffa omnicomprensiva paga solamente la quota di produzione netta, dunque accedendo al D3e, sarebbe simile al 4°Conto, ovvero con (quasi)tutta l’energia pagata con una sola tariffa…

    Grazie anticipatamente per l’aiuto a coloro che risponderanno

    1. Ciao Fabrizio, ti do la mia opinione.
      Secondo me nessuno dei casi è applicabile:
      D3a – CESSIONE PARZIALE
      Ovviamente NO
      D3b – CESSIONE TOTALE
      Ovviamente NO
      D3c – SCAMBIO SUL POSTO
      Non applicabile in Conto Energia
      D3d – CESSIONE PARZIALE RITIRO DEDICATO O TARIFFA OMNICOMPRENSIVA
      Non credio perchè per tariffa omnicomprensiva si tratta di questa
      http://www.gse.it/it/Qualifiche%20e%20certificati/Tariffa%20omnicomprensiva/Pages/default.aspx
      D3e – CESSIONE TOTALE RITIRO DEDICATO O TARIFFA OMNICOMPRENSIVA
      No, vedi sopra
      La domanda di connessione ti permette di procedere anche senza cliccare nulla ?

      1. E’ esattamente la conclusione a cui sono giunto anch’io vagliando attentamente le alternative MA speravo di aver esagerato nel “pensar male” 😀

        Probabilmente il portale non è stato ancora ben adeguato alle casistiche realmente ammesse dal 5°Conto Energia, da qui il problema…

        Vedrò di andare avanti lo stesso, auspicando che un eventuale scelta errata non sia VINCOLANTE rispetto a quelle che sono le reali intenzioni.

        Grazie, un saluto.

    2. Allora vai con il D3d, anche perchè come lo hanno scritto loro, nessuno può dirti nulla. Di fatto c’è scritto Tariffa Omnicomprensiva, che è una tariffa prevista per impianti a fonti rinnovabili, e il fotovoltaico lo è.
      Non mi preoccuperei più ditanto, anche perchè se vai nel Quinto Conto eventualmente un po di tempo per rettifiche c’è 😉 Ma non credo ce ne sarà bisogno 😉

  172. Buonasera! Innanzitutto grazie per questo forum che tanti dubbi mi ha tolto! Sto compilando la mia prima domanda online per un impianto da 3,50 kWp e mi è sorto un dubbio: ma la domanda è composta da sole 8 pagine? sono spariti l’allegato AC ed altri allegati o ho sbagliato io qualcosa? grazie!

    1. Ciao Stefano, io non ho ancora fatto domande on-line, ma non avevo mai visto l’allegato AC nemmeno prima, con la modalità PEC. Allegato AC mi fa solo venire in mente la “scheda pparecchiature disturbanti e sensibili del cliente”.

    2. Si Si Stefano, posso confermare che sono 8 pagine, c’è “”solo”” da compilare tutte le maschere disponibili e il documento viene poi emesso automaticamente con il SALVA DATI nella sezione ALLEGATI 🙂

      Attenzione particolare al momento del caricamento (dopo aver firmato ed allegato un documento di identità) ovvero la versione caricata deve coincidere esattamente in termini di DATA e ORA con quella ultima generata con il SALVA DATI.
      Esperienza negativa personale: mi hanno chiesto come integrazione il RE-INVIO della domanda a causa di un “Salva Dati” di troppo, nonostante nulla fosse cambiato tra la versione caricata e quella salvata di nuovo per errore
      RISULTATO: 20 gg. persi 🙁

  173. Buongiorno a tutti! Vi ringrazio anticipatamente
    per un eventuale chiarimento alla grande confusione che è il portale Enel!!
    Qualcuno di voi che è già arrivato alla fase della fine del procedimento autorizzativo,
    sa dirmi quali sono i documenti che devo allegare nella sezione dove l’Enel
    richiede testualmente : ” Documentazione relativa alle autorizzazioni dell’impianto di rete?????????????
    Vi Ringrazio Help!!

    1. Laura….il portale e’ unico per impianti piccoli e grandi…..dove il produttore ha facoltà di realizzarlo in proprio e poi volturalo ad ENEL.
      Per poter realizzare l’elettrodotto dal punto di consegna alla propria cabina o lotto occorre che il produttore chieda le autorizzazioni per realizzarlo.

  174. Un saluto a tutti gli utenti,

    ho letto che anche altri come me hanno il seguente dubbio:

    “Come è possibile che nel fine lavori l’unico documento OBBLIGATORO sia la comunicazione, e che tutti gli altri non lo siano?”

    Qualcuno ha per caso nuove informazioni in merito?
    Grazie

  175. Ragazzi io leggo tutti i messaggi, se non intervengo non prendetelo come un “non me ne frega”, se non intervengo è perchè non so la risposta 😉

  176. quello l’Ho capito anche io ma quello che mi chiedo è in pratica quali sono queste autorizzazioni? ci sono dei moduli da compilare e spedire?

    1. Ciao Laura, se c’erano delle opere per la connessione di rete (che so uno scavo in una strada, etc) e tu hai scelto di occuparti in proprio delle autorizzazioni, allora devi allegare la documentazione (ovvero tali autorizzazioni e dichiarazioni sostitutive di aver realizzato le opere necessarie alla connessione) altrimenti non devi allegare nulla.

  177. Salve a tutti,

    qualcuno di Voi lavora con impianti grossi sopra i 20 kWp? Vorrei sapere qualcosa di certo sul Registro al quale deve essere iscritto l’impianto.
    Grazie anticipatamente per le eventuali risposta

    Mario

    1. In effetti è una questione piuttosto complessa. Come consiglio propongo PAZIENTE 😀 lettura del decreto 5 Luglio 2012 in cui seppur in maniera disordinata ci sono numerose informazioni in merito…

      http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&viewType=1&idarea1=593&idarea2=0&idarea3=0&idarea4=0&andor=AND&sectionid=0&andorcat=AND&partebassaType=0&idareaCalendario1=0&MvediT=1&showMenu=1&showCat=1&showArchiveNewsBotton=0&idmenu=2263&id=2023797

  178. ciao a tutti io non so piu dove sbattere la testa fatto sta che io ho sul tetto un impianto fotovoltaico di 4.9Kwp finito la prima settimana di giugno la ditta appaltatrice mi assicura di avere fatto tutto il necessario.Di avere spedito i documenti prima per raccomandata poi per mail certificata.Fatto sta è che con l’impianto finito al 09/06/12 potevo rientrare nel terzo conto energia invece non rientro neanche nel quarto perchè lunedi 27/08/12 va in vigore il quinto conto energia.Scusatemi se mi sono sfogato forse nel sito sbagliato.Ma io da privato cittadino cosa posso fare?Paolo da Padova

    1. Come dice Matteo sembra impossibile. Anche se fosse stata una connessione semplice con 30 giorni per l’allaccio, il tempo c’era tutto. La domanda di Matteo è lecita. Il punto chiave per continuare a ragionare è la data della mail certificata.

    2. Ciao Paolo, se puoi essere più preciso faremo di tutto per aiutarti. Se hai della documentazione o qualche data in più possiamo cercare di venire a capo della situazione anche se, purtroppo, non si può tornare indietro nel tempo quindi quello che è perso, è perso.
      Possiamo però evitare di perdere altro tempo.
      Certo che rientrare nel 3° conto energia avendo finito l’impianto il 09/06/2012 non la vedevo possibile, potevi altresì tranquillamente allacciare il tutto entro il 4° conto energia semprechè nel tuo caso Enel non abbia previsto un “lavoro complesso” per l’allaccio del tuo impianto.
      In quest’ultimo caso potrebbe spiegarsi il ritardo “ingiustificato” visto che, per tale situazione, i tempi previsti per l’allaccio sono di 90 gg lavorativi…

  179. Sto cominciando ad inviare domande sul portale Enel, ultimate le prime mi è apparso un messaggio che parlava dell’invio di una mail a conferma dell’invio della domanda. A me non è arrivata alcuna mail ? Normale ?

    1. In effetti è successo anche a me per una domanda inoltrata ieri…

      Potremmo dedurne che si sia trattato di un malfunzionamento del sistema 🙂

      Come stato della domanda mi da INOLTRATA…

      1. Ciao Fabrizio, si tratta di disservizio momentaneo, mi ha risposto Enel:
        Sig.Caproni, al momento c’è stato un piccolo isservizio in proposito, è comunque in smaltimento a coda notifiche e-mail quindi in breve riceverà quanto richiesto. 😉

        1. Ah, bene così allora 😀

          Invece vi segnalo che il problema rilevato qualche giorno fa sul portale ENEL in fatto di scelta del “REGIME ENERGETICO” (ssp, ritiro…), c’è anche in GAUDI, speriamo li adeguino entrambi al più presto.

  180. Diciamo che hanno grossi problemi a gestire il portale, dovrebbero inviare una mail per ogni documento inviato e invece sono settimane che non inviano nulla.
    Oggi, ho scaricato le mail e me ne hanno inviate 74 per recuperare tutte quelle che non sono arrivate, ma ne prevedo molte altre.. speriamo si sbrighino a sistemare il portale perchè così non si può lavorare!

  181. Buongiorno a tutti, avrei una domanda.

    Con la nuova procedura telematica ENEL in vigore dal 1°Luglio, dove si deve inviare il regolamento di esercizio in parallelo con reti BT?
    Questo perchè non lo vedo citato da nessuna parte tra gli allegati per il FINE LAVORI…

    Grazie, un saluto

  182. Ciao Stefano, volevo finalmente inviare il modulo di adesione per il portale Enel, ma tu lo hai fatto come procuratore del tuo studio? Grazie.

    1. Ciao Piergiuseppe, l’ho fatto a mio nome, come persona, spero di non aver sbagliato. In ogni caso agisco come Per.Ind. Stefano Caproni, e non come studio, anche perchè non ho una società.

          1. Ciao Piergiuseppe, credo che Raniero rispondesse ad un altro messaggio e che si sia incolonnata la risposta qua per errore 😉

  183. Ciao a tutti ho inviato diverse domande di connessione sul portale enel, e ho ricevuto i vari preventivi. dopo ho pagato il relativo bollettino e accettato il preventivo e inltrato tutto sul portale.
    Domanda a questo punto cosa devo fare? Aspettare comunicazioni dall’Enel per andare avanti con la pratica ? Mi trovo a un punto morto e non so come andare avanti AIUTOOOOOOO.
    Cosa bisogna fare peer andare avanti? Grazie

    1. Direi che Enel non ha più niente da comunicarti, aspetta che tu mandi la fine lavori e il regolamento di esercizio.

      1. Questo è il mio problema come devo fare? devo andare andare su iter autorizzativo ? non ho ancora mai fatto nulla da qui in avanti dove di devo allegare?

        1. Azz. Max, non so, non ci sono ancora arrivato, ho fatto un bel po di domande, al ritorno dalle vacanze spero qualcuno abbia risposto 😉

  184. Oggi enel mi ha comunicato al data di allaccio di un impianto la cui pratica è stata gestita totalmente nel portale Enel…
    cosa posso dire…
    SI PUO’ FARE!!!!!

    1. Io se ho bisogno ti chiedo di sicuro, non sono timido 😉 Anche se la prossima settimana sono (finalmente) in vacanza e vi arrangiate tra di voi 😉

  185. ciao ieri ho provato a mandare una fine lavori ed e’ andato tutto ok, ma adesso il regolamento di esercizio quando lo devo spedire? e dove bisogna allegarlo?

  186. Nel tab Fine lavori, dopo aver compilato tutti i campi, nella sezione allegati troverai la possibilità di allegare l’auto certificazione regolamento di esercizio.
    Naturalmente dovrai prima compilarlo tu, il portale non te lo da già precompilato come la Domanda di connessione.

    1. Ok ti ringrazio Faio, stamattina ho sentito un referenete Enel il quale mi ha detto che una volta che ho inviato accettazione preventivo e inoltrato il pagamento devo andare direttamente su gestione lavori – fine lavori e stampare il fine lavori (All P) saltando fine oere necessarie e inizio lavori.
      Speriamo bene altrimenti provo a sentire altro referente

  187. Andata a buon fine anche la seconda pratica…Evidenzio che per inoltrare la conferma delle date che enel ci rende disponibili bisogna entrare nel Tab Comunicazione->allega e inoltra->pag-5 troverete la sezione idonea per allegare la conferma della data di parallelo..

    1. Fabio ormai sei una fonte di informazioni fondamentale, mi sa che ti romperò le scatole al rientro dalle vacanze quando dovrò “lavorare” le mie domande di connessione. 😉

  188. A disposizione…la vita di noi progettisti addetti ai lavori è già complicata di suo almeno cerchiamo di aiutarci l’un l’altro per evitare inutili patimenti.. 😉

    1. Salve a tutti per le utili spiegazioni. Una domanda per Laura o Stefano: quando inserite il regolamento d’esercizio mettete nello stesso file snche le foto dell’inverter? Se no dove vanno messe le foto? Lo stesso vale anche per l’autodichiarazione del Produttore degli inverter. Dove lo caricate? Grazie

      1. Ciao,
        io non ci sono ancora arrivato, però direi che le puoi caricare nella parte del regolamento di esercizio, mi pare si possano caricare più file. In ogni caso la prossima settimana devo andare avanti con un po di domande di connessione. Magari saprò essere più utile, spero qualcuno che c’è già arrivato ti dia info più dettagliate delle mie 😉

  189. Ciao a tutti mi inserisco nelle vostre discussioni per chiedervi quanto segue.
    Sono alla fase in cui sto compilando il Regolamento di Esercizio. Nel preventivo e documenti che mi ha inviato pochi giorni fa l’Enel c’è questa dicitura..faccio copia e incolla
    Ai fini della compilazione del Regolamento di Esercizio, prima del suo invio, dovrà
    richiedere ad Enel:
    o l’eventuale esclusione della funzione di riduzione della potenza immessa in rete
    all’aumentare della frequenza di cui al par. 7.1.1 dell’Allegato A70 e all’Allegato F
    par. F.3 della Norma CEI 0-21;
    o i valori di taratura da impostare sul Sistema di Protezione di Interfaccia e da
    riportare nella “Dichiarazione di conformità e verifica dell’impianto di produzione
    e sistema di protezione di interfaccia” allegata al Regolamento di Esercizio
    stesso.

    la domanda è questa: voi avete fatto questa richiesta preventivamente? e se si che vuol dire? non ci sono nè moduli e nè form.
    Il mio è un impianto da 3KW
    grazie mille

  190. Ciao Simona, mi permetto di comunicarti quanto sono venuto a conoscenza. Dopo il bailamme di luglio-agosto: intendo le novita’ dell’alleg. A70 + Cei 021 condite dallo scadere del IV conto energia; Enel ha corretto il “tiro”, nel senso che non chiede piu’ a tappeto comando loc. Alto (soglie restrittive) sugli inverter/Spi, bensi’ esegue (a regime lo fara’ in fase di preventivazione) dei calcoli per verificare il rischio di isola indesiderata. Dopo tali calcoli chiedera’ al produttore il setting delle soglie di frequenza permissive nel caso che il rischio isola non ci sia; in caso contrario chiedera’ il setting delle soglie restrittive o, in alternativa e se escludibile (sentire il costruttore dell’inverter), l’esclusione della funzione che riduce la potenza in regime di sovra-frequenza. Questa funzione é un novita Cei 021 ed é appunto l’abbinamento con soglie permissive che fa temere ad enel il rischio di isola. Tornando al regolamento da compilare é necessario controllare se chi ha redatto il documento ha gia’ indicato Permissive oppure Restrittive (in alternativa a restrittive é possibile optare per l’esclusione della funzione f/P). Se nulla é stato indicato (causa trambusto di agosto) devi contattare il referente indicato nel preventivo (mail, tel. ecc o anche inserendo la richiesta nel portale). Mi hanno riferito che ogni volta che indicano soglie di frequenza restrittive devono prima chiederlo a Terna… Spero di esser riuscito a chiarirti le idee, ciao

    1. Dovrebbe essere così Vic, però poi anche se erano indicate le soglie restrittive, mi è capitato che l’Enel mandi una rettifica del preventivo in cui chiede le soglie permissive, con, come puoi immaginare, notevoli ritardi sull’allacciamento e mia figuraccia con il cliente che crede sia stato un mio errore!!

  191. Buonasera, ho il seguente problema: durante la registrazione al portale produttori sul sito ENEL è stato commesso un errore registrando l’utente come procuratore di una data società invece che come privato.
    E’ possibile eliminare l’account così attivato e rifare da capo la registrazione? ho tentato più volte ma da MyEnel mi dice che l’account non è eliminabile e dal portale produttori non riesco a trovare il riferimento.
    Grazie mille in anticipo dell’attenzione e buon lavoro

  192. Ciao Stefano,
    in questi giorni sto cercando di capire come funziona il portale dedicato ai produttori. Ho una domanda di connessione da presentare per una impresa. Nel portale ci sta una scheda chiamata anagrafica del richiedente. In questa scheda ho messo i miei dati e nel campo dedicato mi sono dichiarato come rappresentante legale. Al che si apre la seconda scheda dedicata ai dati da inserire dell’impresa. Ai campi dedicati all’inserimento della parita IVA e del codice fiscale della stessa impresa che è una ditta individuale mi segna ” FORMATO NON VALIDO”. E non so come fare per correggere l’errore. MI puoi essere di aiuto? Buon lavoro.

    1. Franco non ho idea 🙁
      Però nella scheda del richiedente io mi sono indicato come mandatario con rappresentanza e non come legale rappresentante.
      Non so se questo crei problemi

  193. Buonasera,
    nessuno di voi è riuscito a risolvere il problema del codice fiscale? Questo errore mi impedisce di andare avanti con la domanda.
    Ringrazio anticipatamente chiunque possa aiutarmi.

  194. Stefano, al di la tutto, grazie per avermi risposto. Cmq nella scheda richiedente alla voce: ”IN QUALITà DI” mi da 4 possibili scelte, che sono legale rappresentante, persona fisica, procuratore, ditta individuale. La scelta mandatario con rappresentanza dove sta? Magari risolvo l’ingrippaggio perchè non riesco ad andare avanti e sto perdendo solo tempo. Avevo pensato di fare la richiesta direttamente a nome del cliente e dichiararlo come persona fisica evitando di scrivere la partita IVA di quest’ultimo che nella scheda anagrafica società non viene accettata. Ma avrò problemi dopo con il mio cliente che vuole essere registrato come ditta individuale. Ho inviato delle email all’ENEL ovviamente per chiarimenti ma al momento nn ho avuto risposta. E intanto non so piu cosa dire al cliente. Spero di risolvere.

    1. Franco purtroppo non sono in ufficio sino alla prossima settimana, e senza supporto di un PC faccio fatica ad aiutarti in modo più concreto. Mi spiace. Spero che qualcuno che legge possa darti una mano.

  195. Salve a tutti,
    a qualcuno è capitato di vedersi “scomparire” tutto a parte il pulsante dell’anagrafica sul portale? Dal giorno che mi hanno inserito il preventivo è scomparso tutto. Assistenza? Mi hanno dato un numero incident e poi…il nulla: sto mandando racomandate, email e pec a chiunque. Ho pure parlato con chi si occupava prima delle pratiche di allaccio e me l’ha reinviata, logicamente sul portale! Qualcuno ha un’idea su come fare? Grazie infinite

    1. Ciao, non vorrei fosse un problema di browser..Io uso con successo Chrome, mentre IE lo dovresti utilizzare in modalità di compatibilità..

  196. Anche io credo di avere lo stesso problema di Franco. Sto caricando due richieste di connessione per delle società. Nella registrazione come persona giuridica, come da esempio di ENEL, riporto il codice fiscale del legale rappresentante ma indica un errore!!!! Non so proprio come andare avanti. Qualcuno mi può aiutare?

    1. Ciao Ruggero, non so se hai risolto ma io si proprio ora.
      Fai così, cancella tutti i dati (nome, congnome, CF, PIVA) e lascia solo il POD. Poi lascia passare un po di tempo in modo che il sistema si resetti. Al limite cambia pagina (vai su dati tecnici e poi torna sulla pagina dei dati impianto).
      Poi digita prima la P.IVA, poi il CF (all’inizio potrebbe ancora darti errore) e poi la ragione sociale.
      Dopo un po dovrebbe sparire la scritta del CF NON VALIDO,
      Dovrebbe funzionare.

  197. Ciao Fabio, ti ringrazio anche se anche io uso Chrome e li avevo provati tutti, memore dei problemi con il portale del Gse. Comunque finalmente abbiamo risolto grazie ad un’anima pia dell’Enel distribuzione (ogni tanto esiste qualcuno competente). Ho dovuto per l’ennesima volta reinserire tutti i dati anagrafici e rimandare tutto e per magia stavolta ha funzionato. Risposta alla domanda, del perchè le altre n volte non era successo niente? “Lo ha inserito nel momento di caos in cui tutti erano sul portale per chiudere il IV conto e il sistema si deve essere impallato sulla sua pratica” (che fortuna!!!!!!)….non ho più commenti, mi vengono in mente solo parole non adatte a una femminuccia. Grazie a tutti, è meraviglioso riuscire a trovare persone preparate, competenti e che amano il loro lavoro nonostante tutto, a partire da Stefano a tutti voi.

    1. Ciao maria Elena, la cosa importante è che tu abbia risolto, non sempre ce la facciamo tra noi, ma almeno la soluzione di uno può diventare una risposta per tutti 😉

  198. Oggi mi vedo arrivare dall’ENEL una richiesta di integrazione su un impianto fotovoltaico da 2,88kW dicendomi che “i test effettuati sull’inverter non sono completi, pertando si richiedono tutti i test effettuati con valori di tensione e frequenza corretti, come previsto dalla norma CEI 0-21 2012, inoltre le foto del display dell’inverter devono riportare la matricola dello stesso”.
    Ho contattato subito il tecnico di zona e dopo un colloquio di circa mezzora siamo arrivati alla conclusione che i test effettuati andavano bene (mi faceva le domande su come andavano letti che non era per niente preparato) l’unica mancanza è che nelle foto non si vede la matricola dell’inverter.
    E’ corretto chiedermi quanto sopra?

    Perchè la matricola sul inverter io ce l’ho di lato e il display è frontale… il tecnico ENEL mi ha detto di fare una dichiarazione dove dichiaro che è impossibile fare la foto insieme! Ma ne ha il diritto? Noi siamo tecnici con una deontologia professionale mica truffatori!

    1. Ciao Nicola, sul fatto della deontologia sono d’accordo, ma ti faccio presente che molti nostri colleghi, giravano per forum e siti web ad agosto cercando foto di autotest e verbali di collaudi SPI da taroccare con Photoshop (capisco la diffidenza di Enel).
      Detto questo Enel ha diritto a chiederti le foto complete dell’autotest, ma nonha diritto a chiederti foto dell’autotest con matricola inverter perchè non tutte le marche hanno il numero di matricola nell’autotest. In ogni caso a scanso di equivoci, io mando sempre una foto contestualizzata, dove si vede un pezzo di garage, di sottotetto, etc, e cerco di fare la foto in modo che si veda che l’inverter è quello. Per la dichiarazione che è impossibile fare la foto insieme mi sembra che il tecnico Enel stia un po delirando 😉

      1. Si sulla deontologia hai proprio ragione Stefano.
        La dichiarazione, anche se mi sembra un pò un abuso di ufficio, la faccio lo stesso non mi costa niente dichiarare il vero.
        Come sempre grazie mille per la disponibilità!

        1. Vero Nicola, mi hai fatto sorridere. Visto che dichiarare “il vero” non comporta alcun problema, tanto vale accontentare Enel 😉

  199. Salve a tutti!
    Avrei una cortesia da chiedervi…Qualcuno potrebbe elencarmi i documenti obbligatori da allegare sul portale dopo l’accettazione del preventivo di connessione da mandare all’Enel?
    Vi ringrazio anticipatamente
    Buona giornata

    1. Ciao Laura, io non ho ancora ultimato le pratiche su portale, ma i documenti dovrebbero essere sempre quelli:
      – dichiarazione fine lavori
      – dichiarazione fine opere necessarie se c’erano opere da fare (non per connessioni senza opere con 5 giorni per l’allaccio)
      – regolamento di esercizio
      – addendum tecnico
      – dichiarazione di conformità dell’impianto e del sistema di protezione di interfaccia
      – elenco personale autorizzato
      – dichiarzione produttore inverter o interfaccia alla delibera 84/2012
      – report del test della SPI se esterna
      – dichiarazione di conformità dell’installatore
      Io mando sempre anche l’allegato H (quello sui rischi specifici) dell’impianto
      Spero di non essermi dimenticato nulla 😉

  200. Ciao Stefano mi unisco al tuo elenco per farti una domanda. Il Regolamento di esercizio con tutti i suoi allegati dove lo inviate?. Io ho controllato tutto il portale ma l’unica soluzione sembrerebbe in altre comunicazioni. Qualcuno è arrivato a sto punto e può aiutarmi… E scusate l’ultima cosa..l’impianto elettrico che chiedono dopo l’accettazione del preventivo tra gli allegati del Regolamento di esercizio è quello che chiede anche il GSE? perchè lo schema unifilare l’ho già inviato prima che mi venisse accettato il preventivo. Scusate per il tema.ps ci hanno mollato proprio perchè anche i tecnici di zona non sanno come aiutarci. Io vivo in provincia di Cagliari e mi hanno risposto”non saprei” noi vediamo un portale differente dagli utenti con tutte le linguette disponibili dove allegare i vari documenti.
    Simona

  201. Ciao a tutti,
    mi vergogno quasi a fare questa domanda… ma è la prima richiesta di connessione che affronto e sono un po’ terrorizzata… quindi parto dalla cosa più banale per non sbagliare subito!

    Il versamento di 100€ + iva per la richiesta del preventivo a chi si va intestato? Enel Distribuzione?
    Dove trovo iban e causale per effettuare il bonifico?

    E’ da ieri che navigo alla ricerca di tali dati.
    L’impianto sarà in un comune della provincia di Roma.. Ho trovato dei dati in un file che risale però a luglio 2011 (causale e iban):

    – nominativo e codice fiscale del richiedente la connessione;
    – “UNITA’ VETTORIAMENTO E BILANCI – CORRISPETTIVO PER L’OTTENIMENTO DEL PREVENTIVO”;
    – eventuale codice POD se la fornitura di energia elettrica è già esistente.
    – Banca Intesa IT80 I030 6905 0200 0080 2076 178
    Enel Distribuzione SpA Lazio, Abruzzo e Molise – Via della Bufalotta 255, 00139 Roma

    Sono questi?

    Grazie mille e scusate ancora per la domanda “sciocca”!

  202. CIAO STEFANO, MI UNISCO ALL’ELENCO DI TUTTE QUESTE PERSONE CHE COME ME E TANTI ALTRI HANNO PROBLEMI PER LE DOMANDE ON LINE…
    TI CHIEDO, MA L’ALLEGATO 1 MODULO DI ADESIONE VA SPEDITO IN A/R AD OGNI CLIENTE O CE QUALCHE ALTA VIA?
    GRAZIE CARLO

    1. Ciao Carlo,
      il modulo di adesione, come dice il “regolamento per l’accesso e l’utilizzo del portale produttori” va inviato, unitamente al Regolamento e a copia di documento di riconoscimento in corso di validità, o per raccomandata A/R agli indirizzi di Enel Distribuzione indicati nel sito di Enel oppure per mezzo di posta elettronica certificata con allegazione in essa di documenti firmati DIGITALMENTE dal richiedente.

      P.S.: ricordati che come allegato alla prima domanda di connessione devi scannerizzare il Modulo di Adesione sottoscritto ed inserirlo nel portale unitamente al documento e alla ricevuta della raccomandata A/R.

  203. NICOLA GRAZIE ….. IO SONO UN INSTALLATORE DITTA INDIVIDUALE E QUINDI COME DISSE STEFANO UTTILIZZO LA RISPOSTA DI MANDATARIO CON RAPPRESENTANZA FACENDO UNA DICHIARAZIONE DAL CLIENTE…. MA L’ENEL SIAMO SICURI CHE APPROVA QUESTO ATTO TRA INSTALLATORE E PRODUTTORE? SE SI AVETE PER CASO QUALCHE BOZZA?

    SALUTI CARLO

    1. Su questo non saprei aiutarti Carlo mi dispiace.

      Personalmente, visto che il portale e la normativa è già poco chiara e complicata di suo, ho sempre creato una e-mail nuova al cliente e ho fatto tutto a nome del cliente stesso (con il suo consenso naturalmente).

    1. Grazie Nicola per l’aiuto.
      Riguardo il mandato con rappresentanza, Enel accetta tranquillamente, infatti trovi il modulo proprio sul portale (prima pagina quando accedi).
      La modalità è la seguente (in parte ripeto cose che ha già detto Nicola in modo corretto, solo per ribadirle):
      – ti iscrivi al portale come azienda
      – compili il modulo di accettazione al portale e lo spedisci agli indirizzi Enel soliti (https://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_connessione/dove_inviare/) con raccomandata RA
      – compili il mandato con rappresentanza con i dati del produttore, e con i tuoi (azienda)
      Dopo aver fatto questo, alla prima richiesta dovrai caricare sia la ricevuta di invio del modulo di accettazione, il modulo stesso e il mandato con rappresentanza. Ogni volta che farai una domanda nuova dovrai caricare il mandato con rappresentanza di ogni singolo produttore.
      In questo modo gestisci tu tutto quanto (per dirtela in breve firmi tu la domanda di connessione e tutto il resto).
      Ricorda in questo caso che TU sei il richiedente la connessione (per conto del mandante) e il produttore e il titolare della connessione. Fammi sapere se è tutto chiaro.

  204. CIAO STEFANO, NELLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE MI CHIEDE “AUMENTO DI POTENZA NOMINALE DELL’IMPIANTO DI PRODUZIONE “A COSA SI RIFERISCE?
    PER NUOVA POTENZA INVECE (E UN IMPIANTO DA 4KWP)VA BENE 3,3?

    1. Ciao carlo, aumento di potenza solo se aumenti la potenza di un impianto esistente.
      Nuova potenza per un impianto da 4kWp io starei un po più alto, metti che l’impianto abbi aun buon rendimento e usi pannelli in tolleranza positiva, potresti avere una potenza immessa anche di 3,4-3,5.
      Io indicherei 3,5 e sto ovviamente parlando della potenza richiesta in immissione. La potenza di picco è ovviamente la somma delle potenze dei pannelli.

    1. Carlo io non so che tipo di impianto è quindi posso solo andare ad intuito, ti faccio un esempio:
      Impianto fotovoltaico nuovo da 4kW collegato ad utenza con 3,3kW in prelievo:
      – aumento di potenza impianto = O (prima non c’erano impianti)
      – potenza nominale impianto FV = 4kW
      – potenza richiesta in immissione 3,5kW (quella che presumi vada in rete, io tengo il 85-90% di quella nominale)
      – nuova potenza in prelievo dipende da quello che devi fare, se non servono aumenti di potenza in prelievo lasci ZERO se invece vuoi chiedere contestualmente alla domanda di connessione un aumento della potenza in prelievo metti la nuova potenza che vuoi in prelievo.
      Tieni presente che la potenza in immissione non è legata a quella in prelievo, quindi su un contratto in prelievo di 3,3kW puoi fare un FV da 6kW.

  205. OK TUTTO CHIARO!!!!
    DIMMI UNA COSA MA UNA VOLTA CHE FACCIO LA PRIMA DOMANDA DI CONNESSIONE LA RICEVUTA DELLA SPEDIZIONE A/R CHE DOVRO’ ALLEGARE AL PORTALE VALE PER TUTTE LE ALTRE DOMANDE?

    1. Confermo, l’accettazione del regolamento del portane è unica, così come la sua spedizione con raccomandata. Io comunque ogni volta che faccio una domanda di connessione la carico sul portale nella sezione allegati, si sa mai, tanto mi costa poco tempo farlo 😉

  206. Ciao a tutti, se possibile avrei bisogno di un chiarimento, volevo sapere se adesso anche i privati con l’entrata in vigore del quinto conto energia e quindi della tariffa omnicomprensiva sono soggetti a tassazione?

  207. Ciao Stefano grazie per la risposta, in pratica si tratta di una persona fisica che realizza un piccolo impianto 3kw per usi privati con un autoconsumo di 1580 kwh ed un immissione in rete di 2300 kwh circa però mi chiedevo, visto che l’omnicomprensiva comprende tariffa incentivante+vendita se tali immissioni sono soggette ad imposte anche per i privati

    1. Capito Giancarlo, di seguito un chiarimento dell’Agenzia delle Entrate, sulla omnicomprensiva per un eolico, che vale ovviamente anche per il FV, si dice che la vendita non è rilevante ai fini IVA, ma che va inserita quale reddito diverso (quindi è soggetta ad imposte ?) però ripeto, io di queste cose ci capisco poco 😉
      Però se faccio una simulazione con il Solarius in tariffa omnicomprensiva NON mi inserisce tasse. Boh……..
      ———————
      In generale, considerando che tale tariffa omnicomprensiva persegue lo stesso fine incentivante della tariffa corrisposta ai titolari di impianti fotovoltaici (detta anche conto energia), è possibile ritenere che la stessa non assuma rilevanza ai fini dell’IVA quando è corrisposta nei confronti di soggetti titolari di impianti da fonte eolica o da altre fonti, posti a servizio dell’abitazione o della sede dell’ente oppure di impianti di potenza fino a 20 kw.

      Tale interpretazione discende dalla considerazione che l’immissione in rete di energia, quando è effettuata alle suddette condizioni, non configura un’attività commerciale svolta abitualmente in quanto l’impianto è destinato a soddisfare principalmente bisogni personali.

  208. BUONASERA A TUTTI!!
    QUALCUNO DI VOI SA PER CASO SE L’INVERTER SCHNEIDER SUNEZY 4665 SI PUO’TARARE PER LA NUOVA NUOVA NORMATIVA ENEL?

    SALUTI CARLO

    1. Ciao Carlo, non trovo documenti relativi a delibera 84/2012, anzi i documenti sul portale in qualche caso fanno ancora riferimento a DK…..secondo me no 😉

  209. Ciao a tutti,
    sto compilando tramite portale produttori la domanda di adeguamento di un impianto esistente.

    Ho un contratto con Enel da 6Kw.

    Vorrei installare un impianto di produzione fotovoltaica da 6Kw.

    Nella sezione “dati adeguamento impianto” mi viene richiesta:

    1 – potenza già disponibile in immissione. Ho inserito il valore 0 (non ho altri impianti di produzione esistenti)
    2 – potenza già disponibile in prelievo. Ho inserito il valore 6
    3 – aumento di potenza nominale dell’impianto di produzione. Cosa devo mettere? 0 (non avendo un impianto già esistente)?
    4- Nuova potenza richiesta in prelievo. Cosa devo mettere se non voglio variare il contratto e la potenza attualmente in essere??

    Ci sono risposte contrastanti per i punti 3 e 4 e non so come muovermi.

    Grazie!
    Simona

    1. Ciao Simona, non possono esserci risposte contrastanti 😉 lA risposta è una sola, provo a dartela:
      1) Ok come hai fatto
      2) Ok (ma gaurda la bolletta di solito c’è il 10% in più rispetto al contratto, quindi potrebbe essere 6,6)
      3) Ok ZERO
      4) ZERO
      Ciao 😉

  210. CIAO SIMONA LEGGI QUA SE TI POSSO ESSERE D’AIUTO, QUESTO E’ UN COMMENTO FATTO DAL SIGN.STEFANO CAPRONICarlo io non so che tipo di impianto è quindi posso solo andare ad intuito, ti faccio un esempio:
    Impianto fotovoltaico nuovo da 4kW collegato ad utenza con 3,3kW in prelievo:
    – aumento di potenza impianto = O (prima non c’erano impianti)
    – potenza nominale impianto FV = 4kW
    – potenza richiesta in immissione 3,5kW (quella che presumi vada in rete, io tengo il 85-90% di quella nominale)
    – nuova potenza in prelievo dipende da quello che devi fare, se non servono aumenti di potenza in prelievo lasci ZERO se invece vuoi chiedere contestualmente alla domanda di connessione un aumento della potenza in prelievo metti la nuova potenza che vuoi in prelievo.
    Tieni presente che la potenza in immissione non è legata a quella in prelievo, quindi su un contratto in prelievo di 3,3kW puoi fare un FV da 6kW.

  211. Scusate, volevo sapere, se sulla domanda di connessione all’enel di un impianto di meno di 3KWp, alla fine cosa bisogna mettere? d3a cessione parziale, d3b cessione totale, d3c scambio sul posto, d3d cessione parziale ritiro dediocato, d3e cessione totale ritiro dedicato

    1. In realtà a me hanno scritto che volendo la tariffa incentivante (omnicomprensiva+premio), bisogna spuntare SEMPRE scambio sul posto (sia sulla Domanda Enel che nel Gaudì che nel GSE), anche se poi la convenzione di SSP non verrà effettivamente richiesta.

      Se la domanda è stata gia inoltrata, si può richiedere la modifica (dopo aver ricevuto il CODICE DI IDENTIFICABILITA’) sempre tramite portale, nella sezione COMUNICAZIONI, ALLEGA e INOLTRA, scorrendo la tipologia di documento da allegare fino ad “ALTRO”.

      Nel documento da allegare mi hanno chiesto di inserire il testo seguente:

      Richiedo di modificare il regime energetico inserito, scegliendo di adottare SCAMBIO SUL POSTO / INCENTIVAZIONE:SI

        1. 😉 Meglio prima che poi (come me che ero in procinto di ricevere il preventivo) 😉

          Ah…Avremo mai domande Enel aggiornate all’ultimo Conto Energia? 🙂

          ps: mi aggrego ai colleghi che hanno “espugnato” il portale e la domanda online, avendo effettuato 2 allacci la settimana scorsa.

          SI PUO FARE 😀

      1. Ciao Fabrizio, oggi Enel ha risposto ad una mia mail confermando che la scelta che va fatta è la D3d, ed in effetti leggendo le descrizioni durante la compilazione della domanda sul portale:
        —————————-
        D3d – CESSIONE PARZIALE RITIRO DEDICATO O TARIFFA OMNICOMPRENSIVA – accedere alla condizioni previste dal Ritiro Dedicato o dalla Tariffa omnicomprensiva per la vendita al GSE dell’energia elettrica prodotta al netto dei propri autoconsumi
        ————————
        La scelta Scambio NON può andare bene, non puoi dichiarare di voler accedere allo Scambio
        ————————
        D3c – SCAMBIO SUL POSTO – accedere alle condizioni previste dal Testo Integrato per lo Scambio sul Posto (TISP), di cui alla delibera ARG/elt n. 74/08 e successive modifiche e integrazioni

        1. Ciao Stefano 😮

          non so cosa dire, anche perché se fosse così mi hanno fatto perdere tantissimo tempi, ti giro l’email che avevo mandato io con relativa risposta:

          “RE: INSERISCA SU PORTALE LA RICHIESTA DI MODIFICA A SCAMBIO SUL POSTO SPECIFICANDO SE INCENTIVATA SI/NO
          SALUTI”

          ora provo a mandarne un’altra e ti faccio sapere,

          Grazie, a presto. 🙂

        2. Ragazzi scusate, ma non cambiate le cose in base a quello che vi ho scritto, magari avete ragione voi, qua non si capisce più nulla. Io ho riportato solo la mia esperienza e quello che penso. Io penso che non abbia senso dichiarare che si vuole accedere a SSP se si dichiara anche che si vuole accedere a incentivi.
          Ed in effetti la dicituta D3d mi sembra chiara:
          ——-
          D3d – CESSIONE PARZIALE RITIRO DEDICATO O TARIFFA OMNICOMPRENSIVA – accedere alla condizioni previste dal Ritiro Dedicato o dalla Tariffa omnicomprensiva per la vendita al GSE dell’energia elettrica prodotta al netto dei propri autoconsumi
          ——–
          Però ripeto, il mio pensiero non è una normativa 😉
          Ho un impianto iscritto a Gaudi venerdi, domanda di connessione fatta con D3d e impianto iscritto a Terna in cessione parziale.
          Se me lo validano vuol dire che va bene. Vi faccio sapere. 😉

          1. Buongiorno,
            proprio oggi ENEl mi ha girato un documento che può togliere molti dubbi su Scambio sul poso” o “cessione parziale”.

            Ho spedito una richiesta di preventivo in data 21/09/2012 dove avevo barrato lo “Scambio sul posto”, ENEL mi ha inoltrato un integrazione che vi riscrivo:
            —————————————
            in riferimento a quanto in oggetto e alla vostra richiesta di connessione del 21/09/2012,
            vi informiamo che abbiamo modificato il regime da scambio sul posto a cessione
            parziale in quanto il 5° Conto Energia non prevede più il regime di scambio sul posto.
            Sarà vostra cura verificare con il GSE la tipologia di rapporto commerciale più
            conveniente per il Vostro impianto.
            —————————————

            Spero di esservi stato utile!

        3. Grazie mille Nicola.
          In effetti così mi sembra corretto, anche perchè teniamo presente che la richiesta sulla domanda di connessione, non p relativa al tipo di collegamento alla rete, ma al regime commerciale, quindi non si può dire di voler accedere agli incentivi + SSP.
          Riporto il tuo commentoanche in coda in modo che lo leggano tutti.
          Grazie

          1. Grazie Nicola per l’utilissima notizia!

            Infatti se ricordi Stefano, “ragionando” via forum anche noi eravamo arrivati a quella conclusione…

            Per quanto mi riguarda sono ovviamente INFURIATO con il responsabile della mia zona, non potevo immaginare che mi avesse dato indicazioni sbagliate…

            Che immensa, infinita tristezza st’Enel:( 🙁

  212. Salve, ho sbagliato a digitare il nome e adesso non me lo fa piu cambiare. Come posso fare?
    p.s.il portale funziona una volta al mese.

  213. In fase di registrazione al sito myenel ho invertito nome e cognome, percio non riesco a inserire il cf corretto sulla anagrafica del portale produttore. Ho provato a cancellare il profilo ma mi dice che non e cancellabile

  214. Ciao a tutti!
    L’ENEL mi ha chiesto in integrazione ad una fine lavoro l’Allegato E del Regolamento di Esercizio.
    Sapete di cosa si tratta? Io sul Regolamento di Esercizio che ho scaricato dal portale produttori (e quindi auto compilato) non ho l’Allegato E mi si ferma all’Allegato D.

    P.S.: è due giorni che chiamo il tecnico di riferimento ENEL ma non risponde mai nessuno (come sempre del resto).

    1. Dovrebbe essere la scheda sui rischi specifici, quella dove fornisci le indicazioni di sicurezza realtive allo schema di impianto e alle condizioni del luogo di lavoro.

    2. Confermo quanto scrive Fabrizio, è lo storico Allegato H, nel regolamento di esercizio poi Enel lo chiama allegato D al regolamento di esercizio, e nell’ultimo preventivo con regolamento di esercizio lo chiama allegato E 😉
      Coerenza…..sempre !!!!! 😉

  215. Buongiorno a tutti. Avrei una domanda da porvi…..! Qualcuno sa dirmi dove trovo la classe energetica dell’edificio su cui è ubicato un impianto.

    1. Ciao Laura, la classe energetica la trovi sull’Attestato di Certificazione Energetica (ACE), se è stata fatta la certificazione energetica, altrimenti per sapere la classe di un edificio devi fare la certificazione.

  216. Curiosità, mi cominciano ad arrivare i preventivi dal portale Enel, l’accettazione nel modulo stampato in automatico dal portale la faccio io, come mandatario.
    E’ corretto o sto facendo della cagate ? 😉

  217. Io ho registrato una mail per ogni cliente, quindi quando mando tutti i documenti, anche se sono io che lo faccio è come se lo facesse il cliente. io non risulto.

    1. Ok. Io ho scelto il mandato perchè mi sono stancato di andare in giro per far firmare documenti, molta gente non sa nemmeno cos’è uno scanner 😉

  218. noi li facciamo venire in ufficio a firmare, ma il fatto di aver creato una mail ci permette di inoltrare le pratiche più velocemente, enel permettendo..

    1. Il problema è che ho clienti distanti anche decine (in qualche caso centinaia) di km.
      Se gli dico di venire in ufficio si mettono a ridere 😉
      In ogni caso con il mandato ti sotituisci a loro, quindi la domanda di connessione è intestata a me (che firmo per loro mandato) ma i dati del punto di connessione sono i loro.
      In definitiva solo la gestione della connessione è mia, il regolamento di esercizio infatti è intestato al titolare dell’impianto 😉

    1. Si, il bonifico lo fanno loro. Il mandatario con rappresentanza firma e accetta i documenti, i pagamenti li può fare il cliente, e io ovviamente li faccio fare a loro.

  219. Scusate,
    mi è capitata una cosa assurda.
    Un mio cliente ha fatto il versamento di 121 € per la domanda di connessione. Io, non potendo istruirlo di persona sul versamento (essendo fuori per lavoro), gli ho inviato un versamento (fa facsimile) per capire cosa, dove e come scrivere il versamento stesso 8 fatto alla Posta nello specifico). Tutto perfetto….tranne il fatto che mette il pod dell’esempio (che è riferito ad altro cliente che ha già fatto l’impianto) e non il suo!!! Cosa posso fare? grazie

    1. Ciao Antonio, intanto onde evitare complicazioni gli fai fare ilversamento con POD corretto, poi segnali ad Enel l’errore e ti restituiranno la somma direi.

      1. Grazie della risp Stefano……gli ho fatto rifare il versamento…….che tu sappia esiste un modulo di richiesta rimborso o una procedura che dovrei seguire ( indirizzo, quale ufficio, etc etc) giusto per non perdermi in inutili tarm tram con i soliti call center vaghi!!!!!
        Seconda domanda….sto compilando per la prima volta una domanda di connessione con il portale…..non so in cosa sbagli, ma mi trovo nel pdf creato una spunta alla sezione C22 ossia C22b (prelievi complessivamente effettuati sul punto di connessione) per alimentare altri carichi oltre ai servizi ausiliari; nella vecchia domanda non la mettevo mai, ma ora mi chiedo da dove la tolgo la spunta e se rimane che significa ( problemi)?
        Grazie a tutti ovviamente non solo a Stefano per le dritte

        1. Non credo ci sia un modulo, invia una comunicazione tramite portale, nella sezione adeguata. Non ricordo ora perchè non sono davanti al PC del lavoro, ma mi pare ci sia una sezione per le comunicazioni.
          Sul punto C22b anche nelle mie domande è spuntato, credo sia inserito in automatico in base alla scelta del regime commerciale, ovvero se scegli un regime che prevede autoconsumo, viene inserito in automatico, in quanto alimenti altri carichi oltre agli ausiliari eventuali. Almeno io credo sia così.

    1. Ciao Luca, lo trovi sul portale, si genera in automatico.
      Vai nell’apposita sezione del portale (della pratica interessata), e nel menu accettazione preventivo si genera il documento che poi è solo da firmare e caricare sul portale.

  220. Nicola Fabrizi 2 ottobre 2012 at 10:17

    Buongiorno,
    proprio oggi ENEl mi ha girato un documento che può togliere molti dubbi su Scambio sul poso” o “cessione parziale”.

    Ho spedito una richiesta di preventivo in data 21/09/2012 dove avevo barrato lo “Scambio sul posto”, ENEL mi ha inoltrato un integrazione che vi riscrivo:
    —————————————
    in riferimento a quanto in oggetto e alla vostra richiesta di connessione del 21/09/2012,
    vi informiamo che abbiamo modificato il regime da scambio sul posto a cessione
    parziale in quanto il 5° Conto Energia non prevede più il regime di scambio sul posto.
    Sarà vostra cura verificare con il GSE la tipologia di rapporto commerciale più
    conveniente per il Vostro impianto.
    —————————————

    Spero di esservi stato utile!

    1. Dopo aver ricevuto quando scritto sopra ho chiesto, via e-mail, al responsabile ENEL del provvedimento notizie su un altra pratica ceh aveva lo stesso problema (con regime di “scambio sul posto” in quanto iniziata in luglio 2012 e quindi sotto IV° conto energia)… vi allego la loro risposta:

      —————————————
      Buongiorno,
      le comunico che per la pratica TXXXXXX è già stato modificato il regime da scambio a cessione parziale in maniera massiva dalla nostra sede centrale.
      Distinti saluti.
      —————————————

      1. Nicola pubblico una ulteriore conferma, impianto su Gaudi appena validato da Enel. Regime scelto in fase di domanda di connessione:
        ———
        D3d – CESSIONE PARZIALE RITIRO DEDICATO O TARIFFA OMNICOMPRENSIVA
        ———
        Regime scelto in Gaudi Tariffa Unica Omnicomprensiva

        1. Infatti sui miei 2 verbali di allaccio, anche se avevo spuntato scambio sul posto sulla Domanda, compare la dicitura:

          “Connessione per Cessione Parziale”

          dunque SI, in caso di errore la modificano direttamente loro. 🙂

          1. Oggi sono stato contattato da un operatore dell’ENEL che mi ha detto che loro fanno la variazione automatica da “scambio sul posto” a “cessione parziale” ma, attraverso il portale, devo sempre provvedere a comunicare che cambio il regime.

            Questo perché gli ENEL di zona sono distaccati dagli archivi dell’ENEL di stato e quindi questa comunicazione che devo fare serve per far cambiare il regime anche all’archivio di stato.

            Cose dell’altro mondo visto che siamo nel 2012!

  221. Altro dubbio….altra domanda.
    redigevo la domanda di connessione per un cliente, impianto da 2,88 kwp e mi trovo alla sezione :
    Pot già disp in immissione ( scrivo zero, non immette!!);
    Pot già disp in prelievo ( scrivo 3,30 come da contratto);
    Aumento di pot nominale dell’impianto (nella vechhia domanda non c’era mi sembra)… cosa scrivo ….zero o 3,3?
    Grazie

  222. Buonasera, volevo volgervi una domanda sperando che possiate aiutarmi.
    Devo richiedere la connessione di n. 4 unità immobiliari, tutte intestate ad un unica società, delle quali il legale rappresentante è deceduto.
    Seppur presenti altri soci, le intenzioni sono di quelle di intestare tutto l’iter delle richieste ad una terza figura, estranea alla società, ovvero ad un mandatario con rappresentanza. Quello che mi chiedo è se occorre oppure no la procura notarile.
    Ringrazio anticipatamente per la disponibilità.

    1. Ciao Andrea, basta una dichiarazione sostitutiva di mandato con rappresentanza, modulo disponibile sul portale dove si gestiscono le pratiche di connessione.
      La domanda la fa il mandatario con rappresentanza, per conto del mandante, i documenti sono intestati al mandatario (preventivo, accettazione, etc).
      Ovvio che le singole pratiche dovranno essere riferite ai titolari dellaconnessione. Se mi sono spiegato male chiedi pure di nuovo 😉

  223. ciao a tutti, io ho un grosso problema: ho mandato a enel l’istanza per l’autorizzazione dell’attivazione del contatore e ho barrato la DIA con data 15/10/2012 ( perchè telefonicament ho chiesto conferma ad un operatore se andava bene visto che l’attività è “funzionante” da quella data e mi ha detto che non c’erano problemi). questa mattina sono stata contattata dall’enel dicendomi che l’istanza non era valida e che comunque devono aspettare 30 gg. per silenzio-assenso……non potevano dirmelo subito in data 26/09 quando ho fatto richiesta ? Inoltre cosa posso fare visto che il mio negozio apre comunque in data 16/10 e senza corrente non vado da nessuna parte ?……per cortesia datemi una mano….grazie mille

    1. Ciao Karen, credo che l’unica cosa che tu possa fare sia quella di insistere dicendo che devi aprire un negozio e hai bisogno dell’energia. Scusa per la risposta banale, ma purtroppo in questo mondo si lavora così 🙁

  224. grazie stefano…..il problema è che con i call center parli con 4 persone diverse e hai 4 risposte diverse……grazie mille dell’aiuto !!!

    1. Prova a far presente il problema, se hai i permessi per aprire l’attività non vedo perchè debbano fare queste storie. Se c’è una sede di zona recati a paralre di persona, a volte parlare con la gente a 4 occhi serve a qualcosa, ai call center spesso c’è gente che non sa nulla e non vuole prendersi mal di pancia.

  225. Salve mi è appena arrivata la comunicazione Enel dove sono pronti per l’allaccio a patto che invii i seguenti documenti. L’allegato H che invece ho inviato e poi mi scrivono
    “Per poter procedere all’attivazione dovrà inoltre pervenire ad Enel Distribuzione, entro le tempistiche sopracitate, comunicazione di Abilitazione ai fini dell’Attivazione e dell’Esercizio delle Unità di Produzione su GAUDÌ, secondo quanto previsto dall’articolo 10.11 lettera a) della delibera ARG/elt 99/08 e successive modifiche e integrazioni. Tale comunicazione viene inviata ad Enel Distribuzione da parte di Terna ad avvenuto completamento in GAUDÌ di tutte le attività preliminari necessarie ai fini dell’attivazione, come descritto nella “Guida per le connessioni alla rete elettrica di Enel Distribuzione”. Io ho fatto la registrazione su Gaudì e ho anche inviato l’attestazione di Terna. Ho sbagliato qualcosa o hanno perso solo i documenti e me li stanno richiedendo? Scusate ma la data di connessione è per il 10 e avrei bisogno di voi per rispondere velocemente. Grazie

    1. Ciao Simona,
      ti manca un passo, la creazione dell’Unita Produttiva (a meno che tu non l’abbia già fatto), la certificazione cartacea non serve più ad Enel, da un po di tempo la gestione avviene in via telematica tra Enel e Terna.
      Ne ho parlato qua:
      https://newsenergia.com/allacciamento-enel-terna-gestione-unita-produttive-gaudi-0507.html
      In ogni caso, una volta che tu hai registrato l’impianto, lo trovi in stato “registrato”, e dopo un paio di giorni, Enel dovrebbe fare la validazione. In quel caso l’impianto è in stato di “validato”. Se l’impianto torna in stato “bozza” vuol dire che ci sono die dati incongruenti tra quello che hai scritto su gaudi e quello che hai comunicato ad Enel nella domanda di connessione. Supponendo che l’impianto sia stato validato, devi poi cliccare sul pulsante dove c’è il traliccio, per dire che l’impianto è finito, dopo aver fatto questo devi registra la UPNR (Unita Produttiva Non Rilevante) e associare il tuo impianto alla stessa.
      Vai nel menu UPNR, nuova UPNR, cerca impianti……….e poi dovrebbe apparire il tuo e clicchi su un pulsante che si chiama crea, associa o roba del genere. Solo allora Enel da l’Ok all’allacciamento
      Fammi sapere se hai capito.

  226. Ciao Nicola grazie per la risposta immediata. Sono sul profilo dell’impianto su Gaudì e l’impianto risulta registrato. Non capisco il traliccio cosa sia. Devo fare qualche altro passo? Scusa ma l’altra volta che era prima di aprile avevo solo scaricato l’attestato e stop. Non ho ben capito cosa devo fare ora.
    grazie

  227. Nicola scusa ho riletto il tuo topic. Da quello che ho capito devo registrare l’upnr solo dopo che l’impianto risulta validato. Per cui devo aspettare. A sto punto credo fosse solo un promemoria dell’Enel quello che mi hanno chiesto. Tu che dici? Per quanto riguarda l’allegato H credo di aver fatto correttamente. Mammamia dipende da chi ti prende la pratica ti fanno morire…

    1. Si Simona, dopo che Enel ha validato, e dopo che tu hai cliccato sul pulsante per comunicare la fine lavori. Il pulsante per la fine lavori appare nella parte destra della tabella riassuntiva dei dati impianto, di fianoc alla scritta validato, o alla scritta in bozza, o alla scritta registrato, l’ultima casella a destra 😉

    1. Ciao Carlo,
      non ci sono obblighi particolari, in ogni caso va fatta prima dell’allacciamento Enel perchè la procedura deve essere ultimata prima della connessione (altrimenti non ti allacciano)
      Tecnicamente lo puoi fare da quando hai il preventivo Enel (ovvero POD e numero pratica Enel).

  228. Buon pomeriggio. Avrei da porre una domanda molto semplice che credo possa servire a molti.
    Un cliente si è rivolto a me (installatore di impianti fotovoltaici) per la realizzazione di un impianto del quale ha già una richiesta di connessione enel pervenutagli a suo nome via raccomandata e che ha solo bisogno di essere accettata.
    Evidentemente la richiesta di connessione è stata presentata da un terzo (tecnico/ditta/professionista) ma io sono impossibilitato ad accettare il preventivo enel in quanto nè io, nè il cliente siamo in possesso delle credenziali di accesso sul portale.
    Come si agisce in questi casi?

    1. Francesco non lo so, l’unica risposta credo sia quella di contattare Enel per revocare il mandato (sempre che chi ha fatto la domanda abbia agito sotto mandato, e non per conto del cliente con una mail X). Ti copio infatti parte del mandato:
      ———-
      – di informare tempestivamente Enel Distribuzione tramite portale mediante apposito template dell’eventuale revoca del mandato comunicando sempre tramite portale alla suddetta società l’eventuale volontà di proseguire personalmente nella gestione e nella formalizzazione degli adempimenti relativi all’iter di connessione alla rete elettrica, assumendosi, dal momento della suddetta comunicazione, ogni responsabilità che ne deriva ovvero l’eventuale volontà di conferire un nuovo mandato con rappresentanza ad un altro mandatario che rileverà l’account del mandatario precedente e subentrerà ad ogni effetto di legge all’attività svolta da quest’ultimo;
      —————–
      – di essere consapevole che dal momento della revoca del mandato il precedente mandatario non potrà più avere visione delle pratiche relative al mandante e pertanto non potrà più svolgere alcun tipo di attività connessa all’impianto di produzione del mandante stesso;
      —————-
      – di essere consapevole che, in caso di revoca del mandato, qualora non provveda alla nomina di nuovo mandatario, subentrerà automaticamente nella gestione della connessione tramite portale;

    1. Se il cliente HA firmato un mandato con rappresentanza, l’iscrizione al portale l’ha fatta l’altro progettista/azienda, e ha fatto domanda per conto del cliente.
      Se il cliente non ha mai firmato mandati, l’altro progettista/azienda ha iscritto il cliente al portale con una qualche mail.
      In ogni caso basta guardare il preventivo, se è intestato al cliente la domanda è stata fatta dal cliente (che poi l’abbia fatta il progettista/azienda trasformandosi in cliente è un altro discorso). Se è intestata ad altri la domanda è stata fatta da altri (mandatari con rappresentanza).
      Quindi l’ulteriore malsana ipotesi è che qualcuno si sia firmato un mandato con rappresentanza. Ma non credo.
      In ogni caso mi chiedo come facci ail cliente a non sapere chi ha fatto la domanda, a qualcuno avrà pur dato documenti di identità, bollette, planimetrie catastali……..giusto ?

  229. Salve a tutti, in passato avevo gia’ scritto e pensavo dopo aver fatto far il collegamento all’enel di essermi lasciato la parte piu’ difficile alla spalle …
    Oggi mi accorgo pero’ di due cose:
    – La ditta che mi ha seguito la pratica al GSE mi ha fatto firmare la Convenzione con il GSE, ma anche tutte gli allegati inviati al GSE con il mio luogo di Nascita sbagliato (codice fiscale e altro tutto ok…)
    – La CIL che hanno presentato in comune manca di dichiarazione di idoneta’ dell’ impianto

    Per la seconda conoscendo chi mi ha montato l’impianto ho rimediato in qualche modo.
    Ma per la prima mi devo preoccupare? Mi sto gia’ mettendo in contatto con la ditta’ che mi segue le pratiche al GSE … ma che fatica …

  230. Ciao Fabio, non ho capito se hai firmato i documenti per la richiesta di incentivi o già la convenzione.
    Perchè prima di firmare la convenzione il GSE ti chiede se ci sono dei dati da verificare, nel caso li modificano e poi te la rimandano corretta.
    Se invece hai proprio firmato già la convenzione, ultimo documento da firmare, allora mi sa che devi scrivere al GSE.
    Non ho capito cosa intendi con dichiarazione di idoneità dell’impianto.
    Se intendi la dichiarazione di idoneità del titolo autorizzativo, senza quella non vai avanti (IV conto energia).
    CIL e dichiarazione di idoneità del titolo autorizzativo sono due cose diverse.

  231. Ciao Stefano
    Intendevo la convenzione l’ultimo documento da inviare al GSE, ma anche tutta l’altra documentazione e’ con il comune di nascita sbagliato.
    No il titolo di idoneita’ autorizzativo e’ gia’ stato dato. Ma nella documentazione che il comune ci richiede (la CIL e’ “annegata” in una DIA piu’ grossa) il comune ci chiede la dichiarazione di conformita’ dell’impianto da parte della ditta che ha installato i pannelli. (il documento che se non mi sbaglio deve andare anche alla camera di commercio.)

    Ciao e Grazie

  232. Se hai già firmato la convenzione, allora non è più possibile fare modifiche in corso d’opera. Quindi devi chiamare o inviare mail al GSE.
    Però se il GSE ha già emesso la convenzione vul dire che i documenti che avete inviato sono OK. Quindi vuol dire che la CIL è a posto, l’idoneità del titolo autorizzativo è OK.
    Forse il comune vuole la Dichiarazione di Conformità per chiudere la DIA. In ogni caso se siete già alla convenzione GSE la Dichiarazione di Conformità dovreste già averla, o sbaglio ? Consegnatela in comune e siete a posto 😉
    Comunque se hai pagato la ditta per farti anche le pratiche digli che si svegli 😉

  233. Ciao Fabio, guarda che non è un gravissimo errore il luogo di nascita :). Basta scrivere un email al GSE dove si richiede la rettifica. O la cambiano loro direttamente o ti scrivono il percorso come puoi cambiarlo. L’email però dev’essere inviata dall’indirizzo che ha fatto la registrazione o dal soggetto responsabile con l’indirizzo registrato al sistema GSE. Secondo me la soluzione migliore per te è di chiedere alla ditta che ti ha iscritto sul sito GSE di farti inviare il link per i dati di accesso, oppure darti il codice identificativo. Cosi diventi indipendente dalla ditta installatrice. Per quanto riguarda il Certificato di Conformità 37/08 – la ditta te lo deve rilasciare a fine lavori e tu lo invii al Comune, alla Camera di Commercio ci devono pensare loro e non è un tuo problema in nessun modo. Saluti

  234. ciao, sono alla mia prima domanda di connessione on line e già sono esaurita…
    ho registrato me come richiedente, e il cliente come titolare della connessione, quindi prevedevo di allegare il mandato, ma quando sono nella pagina relativa ai dati dell’impianto, se inserisco “di avere disponibilità dell’impianto in qualità di proprietario” ovviamente la domanda di connessione alla sezione D, riporta me come proprietario, allora qual’è la modalità corretta???
    aiutoooo

    1. Ciao Marianna, con il mandato con rappresentanza tu scrivi per conto del titolare della connessione, quando dichiari di essere proprietaria e come se scrivesse il mandante, quindi va bene così 😉
      Tutto l’iter per la connessione lo gestisce il mandatario con rappresentanza, il preventivo sarà intestato a te, le fine lavori le firmi tu etc etc.
      L’unico documento che invece firma il titolare della connessione è il regolaemnto di esercizio, che infatto è l’unico documento che è strettamente collegato tra produttore e distributore (Enel).
      ———-
      Mandato con rappresentanza:
      È il contratto con cui una parte (mandatario) assume l’obbligo di compiere uno o più atti giuridici nell’interesse dell’altra parte (mandante). Può essere con rappresentanza o senza rappresentanza. Se è con rappresentanza al mandatario (Marianna) è conferita una procura, gli effetti giuridici degli atti compiuti dal mandatario (Marianna) in nome del mandante (cliente) si verificano direttamente in capo al mandante (cliente).

  235. Buon pomeriggio a tutti.
    Avrei una domanda da sottoporvi..sul portale enel mi trovo a dover compilare la parte – Fine iter autorizzativo, dove mi si chiede se : le autorizzazioni per l’impianto di rete sono state ottenute. Per un altro cliente, mi era stato detto da un incaricato enel, che, se non c’erano opere da fare, le autorizzazioni erano a carico del gestore di rete. il cliente che seguo ha accettato il preventivo pagando l’importo indicato però ha dei lavori da fare, indicati nella specifica tecnica che in teoria sono a suo carico. Allora mi chiedo cosa dovrei rispondere alla domanda ha ottenuto le autorizzazioni per l’impianto di rete?
    Vi ringrazio anticipatamente
    Spero di essere stata chiara
    Buon lavoro a tutti

    1. Ciao Laura, le autorizzazioni servono solo in caso ci siano opere che necessitano di autorizzazioni (scusa il gioco di parole), le opere indicate nella specifica tecnica posso presupporre autorizzazioni o meno. Se ad esempio nella specifica tecnica cìè scritto che devi installare una cassetta per posare il contatore, l’opera non necessita di autorizzazioni ed è a carico del produttore. Se invece ad esempio c’è da scavare in una strada pubblica servono autorizzazioni, se in fase di accettazione del preventivo si decide di curare in proprio le autorizzazioni, allora occorre farle, se invece si è deciso di demandare ad Enel fa enel. Che opere erano indicate nella specifica tecnica ? In ogni caso tutte le indicazioni su eventuali opere che necessitano di autorizzazioni di rete sono indicate nel preventivo.

  236. Ciao scusate se posto questa domanda ho provato a cercare altre questioni sul blog a riguardo ma non ho trovato nulla. Comunque ho un problema con la registrazione dell’impianto su Gaudì. E’ stato messo da registrato in bozza perchè la potenza del mio impianto è di 2.94 ma considerando una decurtazione del 90% per cui 2.7. Su Gaudì ho messo 2,94 mentre Enel ha portato avanti tutto l’iter con 2,7. Oa come faccio su Gaudì a modificare questo dato? Ho provato a cliccare su modifica ma non me lo fa selezionare sono disperata visto che ieri l’impianto è stato già allacciato…Grazieee

    1. Ciao Simona, dovete sempre usare la potenza di picco, il dato che Terna ed Enel incrociano è la potenza di picco, se Enel è andata avanti con 2,7kW, vuol dire che hai detto ad Enel che la potenza di picco era 2,7, perchè Enel come dato usa quella e non la potenza richiesta in immissione.
      Cambiare la potenza si può, è un po brigoso, ma non riesco ad aiutarti perchè per farlo dovrei avere un impianto in Bozza, per ricordarmi come ho fatto, e non ne ho.
      In ogni caso se chiami il Call Center di Terna ti rispondono. Di solito l’attesa è breve.

  237. Scusa Stefano (Nicola ;)) non è che hai il numero del call center non riesco a trovarlo. E oggi ovviamente è venerdì mannaggiaaa.

    1. Nicola non c’è, ti rispondo io 😉
      800 999 333
      Se vuoi, potresti anche mandarmi in privè (se ti fidi) nome utente e password e provo a cambiarti io la potenza. Se non riesco cambi la password e torna tutto come prima. Come vuoi 😉

      1. Ti consiglio di chiamare subito il numero verde…
        Ti fanno attendere poco e ti rimettono subito in bozza l’impianto.

  238. Allora ho trovato delle faq..purtroppo come ho cliccato sull’impianto parte automaticamente “Impianto stato in registrazione per cui devo aspettare che torni in bozza. Secondo voi posso, nel frattempo preparare la pratica del GSE?

  239. Allora già dall’accettazione del preventivo l’Enel mi ha sempre precompilato tutto con 2,7. Nel frattempo quando ho fatto la registrazione su Gaudì ho scordato e ho messo 2,94 infatti tra la motivazione del rifiuto dell’impianto c’è questa motivazione. Incongruenza tra i due dati. Che rottura. Si i codici me li hanno dati i tecnici. Grazie Stefano. Speriamo me lo sblocchino velocemente.

    1. Vedrai che lunedi risolvi, di solito con Terna si ragiona bene 😉
      A parte l’ultima che mi ha risposto che era simpatica come un gatto attaccato agli zebedei 😉