Il GSE pubblica le regole tecniche per l’integrazione dei sistemi di accumulo

Il GSE ha comunicato sul suo sito web che sono state pubblicate le Regole Tecniche per l’attuazione delle disposizioni sull’integrazione dei sistemi di accumulo di energia elettrica nel sistema elettrico nazionale, come previsto dalla deliberazione 574/2014/R/eel (art. 10, comma 1) dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico.

Tra le cose interessanti da segnalare vi è la possibilità di chiedere al GSE un parere preventivo all’installazione dei sistemi di accumulo, oltre ad indicazioni sulle modalità di comunicazione al GSE dell’installazione di sistemi di accumulo. Il documento contiene anche i requisiti per il mantenimento dei benefici legati agli impianti di produzione.

Il GSE specifica inoltre che tali Regole Tecniche aggiornano e integrano le Procedure Applicative del GSE, le news e le FAQ pubblicate sul sito istituzionale relative all’erogazione degli incentivi per le fonti rinnovabili, le modalità di riconoscimento dei prezzi minimi garantiti e di emissione delle garanzie di origine, in caso di sistemi di accumulo integrati con gli impianti di produzione di energia elettrica.

Le Regole Tecniche modificano anche le modalità di comunicazione al GSE da parte del Soggetto Responsabile dell’installazione di sistemi di accumulo in impianti di produzione, indicate nella  news del 23 dicembre 2014. In particolare, il Soggetto Responsabile che installi sistemi di accumulo in impianti di produzione è tenuto ad inviare al GSE apposite comunicazioni d’inizio installazione (Allegato 2) e fine installazione (Allegato 3).  E’ inoltre possibile richiedere al GSE una valutazione preliminare circa l’ammissibilità dell’intervento (Allegato 1).

Author: Stefano Caproni

Perito Elettrotecnico, mi occupo di progettazione di impianti elettrici, energie rinnovabili, consulenza e progettazione di impianti fotovoltaici. Profilo linkedIn

6 commenti a “Il GSE pubblica le regole tecniche per l’integrazione dei sistemi di accumulo

  1. Ciao, ma qualcuno del blog ha già presentato una richiesta al gse per inserire un sistema di accumulo su un impianto esistente? ho chiesto ad enel cosa fare, non sanno nulla; ho chiesto a Terna per gaudì, non sanno nulla; il gse vuole un sacco di documenti citando enel e terna……….. ma come si fà a lavorare così male……che si parlino fra loro prima di scaricare i problemi sugli utenti !!!!!

  2. Per Piergiuseppe, fai la domanda enel caricando l’apposito addendum tecnico storage in xls e pdf; e’ una procedura provvisoria, mi hanno riferito che piu avanti si potranno compilare gli stessi dati direttamente sul portale. Per gaudi in fase di registrazione e’ possibile specificare se c’e’ un accumulo.
    E’ essenziale, perche il gestore di rete connetta l’accumulo, che l’apparato disponga della certificazione di conformita alla V1/2014 della Cei 0-21, anzi se non vado errato la del. 574/14 prevede inizialmente che il gestore debba accettare una dichiarazione del costruttore.

  3. Si, e’ possibile installare l’accumulo su un impianto di produzione esistente. Si compila e si carica sul portale l’addendum storage. Prima di mettersi in moto consiglio di verificare se l’apparato, che gestisce la batteria, che si vuole utilizzare disponga della dich conformita alla V1/2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *