GSE al fianco della Protezione civile. Al via la campagna “1 kWh per il Paese”

Il Gestore dei Servizi Energetici lancia una campagna di raccolta fondi a favore della Protezione Civile. A rispondere nel mese di aprile potranno essere i produttori del settore fotovoltaico.  Da maggio la campagna coinvolgerà anche tutti gli altri operatori del settore rinnovabili.

Come si legge nel comunicato, l’iniziativa è promossa attraverso il sito Internet e i canali social del GSE, e prevede che per ogni chilowattora donato saranno corrisposti 10 euro alla Protezione Civile.

Chi deciderà di aderire alla campagna (donando 1 o più kWh), potrà farlo direttamente online entro il 13 aprile: basterà accedere con le proprie credenziali all’Area Clienti del sito GSE e cliccare su “Invia la donazione”.

Selezionando il contratto disponibile, si potrà scegliere quanti kWh donare e su quale contratto, effettuando la donazione direttamente sugli incentivi spettanti nel mese di aprile. L’importo finale trattenuto dagli incentivi ai fini della donazione, sarà immediatamente calcolato e confrontabile con il saldo disponibile. Una volta terminata l’operazione, il sito darà conferma dell’avvenuta donazione.

“La campagna 1 kWh per il Paese”, ha detto Francesco Vetrò, Presidente del GSE, “vuole essere uno strumento per un aiuto concreto alla Protezione civile e quindi al Paese, facendo emergere la generosità degli operatori delle fonti rinnovabili, e offrendo quindi agli stessi la possibilità di giocare un ruolo fondamentale non solo per la sostenibilità ambientale, ma anche per l’integrazione sociale e la  solidarietà, nell’auspicio che la ripresa economica del nostro Paese riparta dalle rinnovabili stesse”.

I dettagli della campagna “1kWh per il Paese”, sono pubblicati nella sezione dedicata del sito GSE dove si potrà anche vedere il contatore delle donazioni.

Author: Stefano Caproni

Perito Elettrotecnico, mi occupo di progettazione di impianti elettrici, energie rinnovabili, consulenza e progettazione di impianti fotovoltaici. Profilo linkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.