La protezione di interfaccia conforme CEI 0-21 di SEB per impianti connessi in Bassa Tensione

Continua il viaggio dedicato alle protezioni di interfaccia conformi a CEI 0-21, sperando che la fine di questo periodo di corsa ad allacciare impianti riporti i costi entro limiti decenti, dopo le incredibili speculazioni di luglio e agosto (leggi l’approfondimento). Oggi parliamo di SEB Barlassina (Stabilimenti Elettrotecnici di Barlassina), che costituisce la Divisione Elettronica e Sistemi del Gruppo Col Giovanni Paolo SpA. Ha stabilimento a Moncalieri (Torino), uffici e centro studi in Barlassina (Milano). Opera nei campi elettromeccanico, elettrico ed elettronico con un organico di 20 persone. SEB comincia la sua attività negli anni del secondo dopoguerra, con la produzione di strumenti di misura ad indice e relè di protezione elettromeccanici, nello stabilimento sito in Barlassina (Milano), già sede della storica Azienda elettrotecnica Allocchio Bacchini.

Ma torniamo alla CEI 0-21 e alla protezione di interfaccia studiata dall’azienda per gli impianti di produzione connessi alle reti BT di distribuzione, il Sistema di Protezione di Interfaccia DIA3S. Il relè di protezione DIA3S appartiene alla linea di protezioni numeriche SIGMA-S e implementa le funzioni di protezione di minima e massima tensione e protezione di frequenza; può essere usato come di  protezione di interfaccia per Utenti allacciati alla rete di distribuzione BT, come previsto dalla Norma CEI 0-21 (2012-06).

La protezione DIA3S può essere usata sia in impianti monofase che trifase. Tutte le funzioni della protezione sono programmabili utilizzando i tasti sul pannello frontale o attraverso la porta seriale RS485 utilizzando un pc con programma di set-up,  è anche possibile programmare la protezione attraverso un sistema di controllo e supervisione. Il relè DIA33S gestisce le seguenti soglie e
funzioni:
– 2 soglie di massima tensione
– 2 soglie di minima tensione
– 2 soglie di massima frequenza
– 2 soglie di minima frequenza
– scatto esterno (telescatto)
– mancata apertura interruttore (rincalzo)
– comando locale
– segnale esterno

Tutte le soglie sono dotate di temporizzatori a tempo indipendente. Lo scatto viene segnalato e memorizzato con LED e sul display. Per quanto riguarda l’alimentazione, sono previste due gamme di alimentazione ausiliaria, 24÷80 Vca o Vcc ± 20% e  90÷230 Vca e 90÷250 Vcc ± 20%. Come sempre da tradizione SEB la documnetazione è molto completa e v irimandiamo al data sheet e al manuale per ulteriori informazioni.

Clicca qua per scaricare la brochure
Clicca qua per scaricare il manuale
Clicca qua per scaricare la dichiarazione sostitutiva

Schema di inserzione DIA3S

Author: Stefano Caproni

Perito Elettrotecnico, mi occupo di progettazione di impianti elettrici, energie rinnovabili, consulenza e progettazione di impianti fotovoltaici. Profilo linkedIn

7 commenti a “La protezione di interfaccia conforme CEI 0-21 di SEB per impianti connessi in Bassa Tensione

  1. Ciao Stefano
    Sai dirmi a quanti milioni siamo arrivati con i moduli innovativi per i v conto, io ho letto un dato in rete di circa 38 milioni, mi sai dire?
    Grazie

    1. Ciao Magico, purtroppo il tetto è cumulativo, la soglia dei 50 milioni di euro è riferita al totale dei conti energia. Siamo arrivati a 43.693.000 € quindi rimangono a disposizione (per evitare il registro) 6.306.000 🙁

  2. Ciao Stefano,
    ho capito bene…mancano solo 6.306.000 e poi una volta raggiunti siamo gia a 50 milioni di € ? E dopo non verrano più incentivati gli integrati innovativi?

    1. Ciao Giuseppe, il limite dei 50 milioni euro è riferito solo all’esenzione dal registro, fino a tale soglia infatti gli impianti integrati innovativi non accedono al registro.
      Al raggiungimento dei 50 milioni di euro anche gli integrati innovativi dovranno sottostare alle regole del registro, ma potranno essere incentivati con la relativa tariffa (Titolo III).

  3. Ok grazie mille mi ero preoccupato. Sai lavoro all’estero e tutta la storia dell’ innovativo non era per niente chiara e nel GSE non ho visto il contatore degle impianti innovativi. Quindi anche se ho superato i 50 milioni ma ho un impianto di 6 KWp non vado nel registro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *