Qualità dei servizi di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica: i diritti degli utenti

3D Electric powerlines over sunriseForse non tutti sanno che i distributori di energia elettrica sono sottoposti a precise regole dell’ Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas. La Delibera ARG/elt 197/11 (approvata a dicembre del 2011) è proprio dedicata all’obiettivo di innalzare la qualità dei servizi di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica, riducendo gli inconvenienti e migliorando le prestazioni a clienti domestici e alle imprese (consulta il testo della delibera) relativamente al quadriennio 2012-215.

Il  provvedimento ha la finalità di promuovere il miglioramento della qualità del servizio di trasmissione attraverso adeguati interventi operativi e investimenti da parte dell’impresa di trasmissione e, per quanto funzionale al servizio di trasmissione, da parte delle imprese distributrici. L’Autorità vigila sul fatto che tale miglioramento non sia ottenuto con aggravio delle risorse necessarie per il servizio di dispacciamento.

Senza entrare nei dettagli delle disposizioni della delibera, come indicato in un comunicato stampa di Enel Distribuzione, l’Autorità si è in particolare concentrata sulla necessità di uniformare i livelli di esercizio tra le diverse aree del Paese. A questo scopo sono stati previsti premi aggiuntivi per quelle zone che attualmente registrano i maggiori disservizi e che entro il 2015 raggiungeranno i nuovi obiettivi di eccellenza fissati.  Saranno invece ridotti gli incentivi nelle aree che hanno già raggiunto elevati livelli di qualità e che per questo motivo hanno raccolto, in passato, la quasi totalità dei premi.

La deliberà ha inoltre previsto un aumento degli indennizzi automatici ai clienti industriali, che ora saranno estesi anche alle interruzioni brevi, oltre ad istituire un “monitoraggio” per le interruzioni inferiori ad un secono (microinterruzioni) e per i cosiddetti buchi di tensione.

Vi sono inoltre altri benefici diretti ai consumatori. Gli  indennizzi previsti automaticamente in bolletta relativi a eventuali ritardi delle imprese di distribuzione nel soddisfare le varie richieste (allacciamenti, attivazione o disattivazione delle forniture, consegna di preventivi eccetera) sono stati infatti aumentati da 35 a 105 euro.Anche altri servizi quali ad esempio la sostituzione del contatore guasto, il ripristino del corretto valore di tensione delle forniture e la gestione dei reclami, sono stati migliorati attraverso la semplificazione delle procedure e attraverso maggiori garanzie su una serie di prestazioni.

Ricordate quindi che in qualità di utenti, siete tutelati dalla delibera ARG/elt 197/11 (oltre ad altre delibere che come sempre trovate indicate nella sezione dedicata del portale Aeeg) che vi consigliamo di leggere per capire quali siano i vostri diritti o anche solo a titolo di curiosità, ma tenendo sempre in considerazione il fatto che in caso di problematiche con i distributori di energia, avete gli strumenti per tutelarvi. Buona lettura.

2 Commenti

  1. Andreas 29 maggio 2013 at 16:57 - Reply

    Ciao Stefano, forse tu hai un’idea. Se un impianto fotovoltaico gía connesso alla rete MT e in esercizio non puo emettere l’energia a causo di un guasto della linea ENEL, ENEL deve pagare un indennizzo? Come se calcola l’indenizzo? Com’é la procedura per ricevere l’indenizzo? Un impianto fotovoltaico di 1 MW perde bastante in un giorno.
    Grazie. Andreas

    • Stefano Caproni 29 maggio 2013 at 17:16 - Reply

      Ciao Andreas, ti dico la verità.
      Non lo so, avevo cercato a fondo in rete alcune settimane fa, ma senza risultati.
      Qua c’è la pagina dell’AEEG con la delibera 333 “Testo integrato della regolazione della qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dell’energia elettrica per il periodo di regolazione 2008-2011” con tutte le successive modifiche, non mi pare si parli di Mancati Incentivi, ma ci sono centinaia di pagine da leggere e decine di documenti.
      ————–
      http://www.autorita.energia.it/it/docs/07/333-07.htm

Scrivi un commento